Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 18, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

In viaggio per il Sulcis. Storie e miniere a Rosas, musica di De André nel Castello del Conte Ugolino - Mediterranea

In viaggio per il Sulcis. Storie e miniere a Rosas, musica di De André nel Castello del Conte Ugolino
Redazione

l’Associazione Pubblico-08, in collaborazione con le Associazioni Malik, Miniere di Rosas, Repubblica Nomade, la Cooperativa Antarias e il patrocinio del Comune di Narcao, vi invita a partecipare a due serate speciali lunedì 1 e martedì 2 giugno 2015. Un’esperienza magica, tra musica e storia, arte e paesaggio.

lunedì 1 giugno
Una miniera di storie e una di idee_Viaggio dal Sulcis al Canavese di Adriano Olivetti

ore 19:00 ritrovo presso la reception del Museo Miniere di Rosas
ore 19:30 visita al complesso minerario e degustazione delle bontà a filiera corta del Sulcis.
ore 21:00 spettacolo musicale: Le Voci del Tempo in “Direction Home_Viaggio nell’Italia di Adriano Olivetti”.

Direction Home_Un viaggio nell’Italia di Adriano Olivetti
Adriano Olivetti è stato industriale, pensatore, editore, politico, urbanista: concepì la fabbrica come luogo in cui produrre bene e non soltanto beni, mezzo e non fine, cuore di una comunità nuova e alternativa al capitalismo e al socialismo. Lo spettacolo utilizza il linguaggio altrettanto visionario e senza tempo di Bob Dylan, dando vita a un suggestivo gioco di rimandi in cui la campana olivettiana (simbolo del Movimento Comunità) e quella dylaniana (metafora di liberà) paiono cantare assieme e sotto lo stesso cielo. “Direction Home” ha ispirato la realizzazione di “Adriano Olivetti, un secolo troppo presto”, il fumetto di Marco Peroni e Riccardo Cecchetti (Edizioni BeccoGiallo, terza ristampa) premiato con la “Miglior Sceneggiatura” al Festival Internazionale del Fumetto di Napoli – Comicon 2012. Il merito inedito di questo lavoro è quello di liberare finalmente Adriano Olivetti dal tradizionale linguaggio con il quale fino a oggi la sua vicenda è stata spesso affrontata. (Beniamino de’ Liguori Carino, Fondazione Adriano Olivetti).

Ingresso € 15, ridotto € 6 (ragazzi dai 6 ai 13 anni) comprensivo di visita guidata, aperitivo e spettacolo.
La prenotazione è consigliata. Info e prenotazioni +3907811855139 minieradirosas@libero.it; www.ecomuseominiererosas.it

l’Associazione Pubblico-08 con la Cooperativa Antarias, in collaborazione con le Associazioni Malik e Repubblica Nomade

martedì 2 giugno
Breve Pertugio – Le canzoni di Fabrizio De Andrè nel Castello del Conte Ugolino

ore 18:00 ritrovo presso la zona chiosco ai piedi del Castello di Acquafredda di Siliqua.
ore 18:30 escursione guidata al monumento naturale Domo Andesitico e al Castello di Acquafredda, raggiungibile a piedi salendo la collina fino alle antiche mura. Storie e leggende accompagneranno il cammino: la fortezza appartenuta al Conte Ugolino della Gherardesca le sussurra e le custodisce, nascondendo invece chissà quanti segreti. Dalla fortezza il paesaggio è mozzafiato e i partecipanti lo godranno al tramonto.
ore 21:00 spettacolo musicale nel castello: Le Voci del Tempo in “Attenti al gorilla! Un viaggio nell’Italia di Fabrizio De Andrè”.

Attenti al gorilla! Un viaggio nell’Italia di Fabrizio De Andrè
uno spettacolo musicale suggestivamente dedicato ai “dannati” della terra, a quell’umanità dolente che per decenni è stata protagonista indiscussa delle canzoni di Fabrizio De Andrè. Lo spettacolo è a cura della compagnia Le Voci del Tempo, impegnata da anni a raccontare le sue storie in luoghi anomali, per un pubblico eterogeneo, coniugando tensione narrativa e bellezza storico paesaggistica. “Perchè per cambiare l’orizzonte – come amano ripetere i tre artisti – occorre cominciare a cambiare lo sguardo”. Ci sono molti modi di rendere onore al repertorio straordinario di Fabrizio De Andrè. Il nostro è il più possibile lontano dall’idea di “tributo” e di celebrazione, per approfondire invece il rapporto fra quelle canzoni e la società di cui ci esse parlano. Un De Andrè diverso, dunque: una sorta di Virgilio in grado di accompagnare il pubblico in un lungo viaggio nel tempo attraverso quarant’anni di storia italiana.

Ingresso € 12, ridotto € 6 (ragazzi dai 6 ai 13 anni) comprensivo di visita guidata, aperitivo e spettacolo.
Prenotazione obbligatoria. Info e prenotazioni: 3491564023 – 3497428014 antarias@tiscali.it; www.castellodiacquafredda.it

Le Voci del Tempo
Una compagnia che racconta la Storia con spettacoli fatti di parole, musica e immagini. Marco Peroni (storico del costume e scrittore), Mario Congiu (musicista e produttore) e Mao Gurlino (cantante e attore) si contaminano a vicenda, intrecciano i loro linguaggi accompagnando il pubblico in un viaggio nel tempo fatto di emozione e divertimento, ricerca e divulgazione. La compagnia ha al suo attivo esibizioni in tutta Italia in teatri, festival e club, fra i quali ricordiamo: Teatro Stabile di Torino, Teatro Valli di Reggio Emilia, Teatro della Tosse di Genova, Teatro Giacosa di Ivrea, Festival èStoria di Gorizia, Biennale della Democrazia, Tavagnasco Rock, Arezzo Festival, Festival Città Impresa di Schio, Festival Ville e Castella di Fano. Le Voci del Tempo si avvalgono della regia di Tommaso Rotella per sciogliere storie e vicende complesse in un linguaggio pop, raccontando il cambiamento culturale del Paese con un format comprensibile a tutti.

Associazione culturale Pubblico-08
Factory che elabora progetti culturali e strategie narrative originali per nuove forme di partecipazione, nasce a Ivrea nel 2008: da quest’anno ha una nuova sede operativa a Cagliari, come naturale conseguenza dell’intensa collaborazione con l’Associazione culturale Malik.
“Crediamo nella cultura come risorsa, come privilegiato terreno d’incontro fra generazioni, identità e pubblici diversi, come opportunità per costruire un clima favorevole all’innovazione. Ci distingue la familiarità con la scrittura, la performance artistica e musicale, la grafica, la produzione d’immagini e video. Il risultato è una vera e propria factory al servizio del progetto culturale, un fare a mano con la testa nella contemporaneità”.

Invia un commento