Logo Dante
Share

Il 19 ottobre, presso il Comitato di Bolzano, il Segretario Generale Alessandro Masi e il Presidente Giulio Clamer presenteranno al pubblico il piano editoriale della Società Dante Alighieri.L’incontro, che si svolgerà presso il Circolo Unificato dell’Esercito di Via Druso n. 20 a partire dalle 18, approfondirà le novità editoriali che l’Istituzione promuove oggi anche all’insegna dell’italsimpatia. Il concetto, che è stato illustrato dal Presidente Andrea Riccardi in occasione dell’82° Congresso internazionale della ‘Dante’ (Milano, settembre 2015), sintetizza la simpatia che, in tutto il mondo, si esprime nei confronti della nostra cultura, la lingua, la musica e verso il design e lo stile di vivere italiano.

La biblioteca della Dante, una nuova collana ebook

Con la ripubblicazione gratuita in ebook delle due antologie poetiche già realizzate per la ‘Dante’ dal Prof. Marco Veglia con il ricercatore Edoardo Ripari (Giosue Carducci), e dal Prof. Alberto Casadei con il Prof. Francesco De Rosa (Giovanni Pascoli), si apre la nuova collana di ebook della Società Dante Alighieri. Il nome della collana, La biblioteca della Dante rinvia alla nota capacità enciclopedica della mente del nostro Poeta.

Italofonia e PLIDA a Bolzano

Con oltre 1.200 certificazioni PLIDA rilasciate ogni anno, Bolzano è un centro importante per i progetti della ‘Dante’ sulla lingua italiana. Recentemente, superando una apposita selezione, la certificazione PLIDA ha visto riconfermato l’accordo con la Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige, per certificare nei prossimi 5 anni la competenza in lingua italiana dei madrelingua tedesca.

Il Comitato di Bolzano

Il Presidente Giulio Clamer dà qualche approfondimento sulle attività del Comitato di Bolzano, che nel 2019 compirà 100 anni.

«Le attività del Comitato di Bolzano, le cui radici sono ormai antiche, si caratterizzano per la significativa opportunità attuale di dialogare con le altre comunità linguistiche presenti nel territorio. Il nostro è un caso particolare perché la comunità italiana, da noi minoritaria, convive con quelle di lingua tedesca e ladina. Il rapporto tra i gruppi linguistici è cordiale e improntato alla buona convivenza. Il nostro Comitato sostiene queste dinamiche positive attraverso un’offerta culturale di alto profilo. Crediamo molto nella forza delle comunicazione e consideriamo importante il contatto con la Sede Centrale romana della ‘Dante’. Un rapporto stretto, perché c’è sempre stata una frequentazione reciproca e in passato abbiamo accolto spesso il compianto Presidente Bottai, nonché il Segretario Generale Masi e altri rappresentanti della Sede Centrale. Speriamo anche in una prossima visita del Presidente Riccardi, che in Regione è molto conosciuto e apprezzato grazie alle sue attività e iniziative pubbliche. Tra le principali novità del Comitato segnalo il nuovo sito internet, nel quale si può prendere conoscenza delle nostre attività culturali e delle modalità per associarsi.»

L’antologia su Giovanni Pascoli ora anche in ebook

Il Prof. Alberto Casadei, ordinario di Lingua e Letteratura italiana presso l’Università di Pisa e membro del Comitato Scientifico della ‘Dante’, ha curato con la collaborazione del Prof. Francesco De Rosa un’antologia su Giovanni Pascoli edita dalla Società Dante Alighieri.
Il Prof. Casadei spiega l’attualità di Giovanni Pascoli, in una breve intervista dove approfondisce anche l’importanza della diffusione delle grandi opere classiche in formato ebook. «In questo formato’, spiega il Professore, ‘si può anche ritrovare una poesia letta tanti anni prima, o un particolare aspetto di un autore conosciuto forse a livello scolastico e che si desidera riprendere’. Un formato importante soprattutto ‘per invitare i giovani alla lettura di un testo, perché si avvicina agli strumenti che loro utilizzano facilmente e ogni giorno.»

L’antologia su Giosue Carducci ora anche in eboo

Il Prof. Marco Veglia, associato di Lingua italiana presso l’Università Alma Mater di Bologna, ha curato, con la collaborazione del Dott. Edoardo Ripari, assegnista di ricerca del Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell’Università Alma Mater di Bologna, l’antologia Giosue Carducci edita dalla Società Dante Alighieri.
Egli spiega perché Carducci viene erroneamente considerato ‘pesante o ampolloso’ per via di una certa e rigida interpretazione della sua opera, pur essendo stato un pensatore brillante e brioso. Solo una curiosità, dall’intervista: «Lui volle negli ultimi anni firmarsi Giosue, senza accento, e questa ne resta l’ultima volontà. Ovviamente all’anagrafe resta Giosuè. Entrambe le scelte hanno un loro fondamento.»

 

Share

Leave a comment.