Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 13, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

PORCA MISERIA! Conferenza programmatica su povertà e lavoro - Mediterranea

PORCA MISERIA! Conferenza programmatica su povertà e lavoro
Redazione

Cagliari 17-18 luglio 2015- “Porca Miseria!”, conferenza programmatica su povertà e lavoro: un’occasione di confronto fra esperti, politici e intellettuali che sognano un mondo dove la povertà sia dichiarata illegale.

Ad oggi tre miliardi di persone vivono con meno di due dollari al giorno e 84 persone controllano metà della ricchezza mondiale. Nella nostra regione sono ormai 147mila le famiglie che vivono sulla soglia di povertà stabilita dall’ISTAT, e sono circa 24mila quelle a ISEE zero. Una condizione con dati in importante aumento sulla disoccupazione e sul continuo aggravarsi della crisi nella nostra isola.

Abbiamo il dovere di confrontarci su questo tema, di costruire azioni di governo sociali e culturali per far uscire la nostra isola dalla povertà, per questo motivo il 17 e 18 luglio Sinistra Ecologia Libertà Sardegna organizza e invita tutte e tutti a “Porca Miseria!”: una conferenza programmatica su povertà e lavoro, un momento di ritrovo aperto, di discussione e partecipazione, al mondo che vuole cambiare la Sardegna in un’ottica di emancipazione e di reale inclusione sociale.

Gli appuntamenti:
– venerdì 17 luglio ore 16 alla cooperativa pescatori Porticciolo Sant’Elia (via dei Navigatori, 1) si svolgerà la tavola rotonda con i nostri graditi ospiti, e si proseguirà con una cena sociale di raccolta fondi per l’invio di un’ambulanza a Rao in Senegal;
– sabato 18 alle ore 9 si riuniranno quattro gruppi di lavoro aperti a chiunque voglia partecipare, il ritrovo saranno quattro diversi spazi (tra i quali quello della Caritas) nel quartiere Marina;
in contemporanea a Sant’Elia ci saranno intrattenimenti per bambine e bambini;
– sabato 18 alle ore 16, dopo aver pranzato tutte e tutti insieme, si riprende alla cooperativa pescatori Porticciolo Sant’Elia con una plenaria di relazione del lavoro svolto dai gruppi e si prosegue con un dibattito tra attori sociali e figure istituzionali.

Tra gli ospiti:
Riccardo Petrella, economista politico, fondatore e segretario del Comitato Mondiale dell’Acqua, autore del Manifesto dell’Acqua, Presidente del Gruppo di Lisbona. Militante, è un “operaio della parola” presente, ovunque è possibile, per proporre soluzioni alternative alla mondializzazione dell’economia capitalistica di mercato, è ideatore e promotore della campagna Rendiamo Illegale la Povertà, ed esperto di caratura europea del settore;
Filippo Miraglia, da sempre impegnato con militanza attiva nella tutela dei diritti umani, è responsabile immigrazione e Vicepresidente nazionale dell’ARCI, che ci parlerà di mutuo aiuto e di una proposta di legge nazionale che renda nuovamente esperienze di mutuo soccorso le Case del Popolo.
Don Marco Lai, direttore Caritas della diocesi di Cagliari, e attento promotore di una collaborazione tra Caritas e società civile, che ci illustrerà il report sulle povertà in Sardegna.
Michele Carrus, segretario generale della CGIL Sarda, che ci parlerà di lavoro precario e povertà, e delle proposte della CGIL per uscire dalle nuove forme di schiavitù e dalla povertà.
Giampiero Farru, Presidente di Sardegna Solidale e referente della campagna nazionale di libera “Miseria Ladra” che ci parlerà anche delle azioni di contrasto alla povertà fatte dal volontariato sardo
Malick Noel Seck, Segretario Generale del partito senegalese Front National de Salut Public / MOMSAREW (videomessaggio o videoconferenza)
Ivana Dama di IRA Mauritanie, partito abolizionista delle moderne forme di schiavitù nel paese africano il quale leader si trova attualmente in carcere;
– una o un esponente del partito greco SYRIZA
Mehmet Yuksel del HDP (Partito Democratico del Popolo), nato in Turchia nel 2013 con l’intento di rappresentare i kurdi dell’ovest del paese e la sinistra turca delusa dai partiti tradizionali e sorpresa elettorale con la candidatura di Selahattin Demirtaş alle prime elezioni dirette per il presidente della repubblica turca.

Invia un commento