Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | July 19, 2019

Scroll to top

Top

No Commenti

Toff presenta l'opera teatrale "La zattera di pietra", firmata da Anthony Mathieu e Simonetta Pusceddu - Mediterranea

Toff presenta l’opera teatrale “La zattera di pietra”, firmata da Anthony Mathieu e Simonetta Pusceddu
Redazione
Share

LA ZATTERA DI PIETRA – LA BALSA DE PIEDRA
Ideazione regia coreografia drammaturgia: Anthony Mathieu e Simonetta Pusceddu
Interpreti acrobati e danzatori: Álvaro Sebastian Perez Sobrado, Damien Camunez, Elisabetta Valci Mazzara, Irene Fernández-Arévalo Díaz, Jorge Mendez Gonzalez, Lucrezia Maria Maimone
Co-produzione Italia-Spagna-Italia e Tersicorea in partenariato con Zerogrammi (Torino) e CeDAC/Circuito Multidisciplinare della Sardegna

Prosegue la rassegna “Sulle Orme – Il Mediterraneo, Il Corpo, Il Viaggio“, il percorso interdisciplinare con i progetti della giovane danza d’autore e le residenze artistiche, tra movimento, teatro, musica e poesia, ideata e realizzata da Tersicorea.
Un viaggio straordinario tra arte e coreutica, che pone al centro il dialogo culturale tra corpo e ambiente attraverso la scelta di spazi teatrali non convenzionali. Arte e linguaggi che si mescolano fra loro, dove tutto è sospeso, e l’invisibile è reso visibile. Il 13 novembre il secondo appuntamento è al Teatro Si ‘e Boi alle 20,30 con “La zattera di pietra – La balsa de piedra”, l’opera teatrale in due atti del collettivo interculturale La Balsa. Ideazione, regia, coreografia e drammaturgia di Anthony Mathieu e Simonetta Pusceddu.

Replica il 15 novembre alle ore 19,00 al T.Off (Cagliari), a cura di Tersicorea. Il matinée per le scuole è il 13 novembre alle 11,30 sempre al Teatro di Selargius, a cura del Cedac – Circuito Regionale Multidisciplinare Sardegna.
Un’opera teatrale che assembla i linguaggi della danza, del teatro fisico, dell’arte circense e della musica. Ispirandosi al celebre romanzo omonimo di Josè Saramago, “La balsa de piedra” narra di una incredibile e avventurosa navigazione. In un clima di sospesa magia, tra eventi miracolosi e oscuri presagi, emerge la condizione umana e il dramma esistenziale dei personaggi il cui lungo peregrinare descrive il percorso umano e la ricerca di realizzazione dei propri obiettivi attraverso l’amore, l’amicizia, le relazioni, i sogni, e l’inevitabile ciclo della vita.

Movimento, azione e poesia rendono più sopportabile ciò che alla fine segna il dramma: il distacco, il senso di isolamento, la deriva.
Interpreti acrobati e danzatori: Álvaro Sebastian Perez Sobrado, Damien Camunez, Elisabetta Valci Mazzara, Irene Fernández-Arévalo Díaz, Jorge Mendez Gonzalez, Lucrezia Maria Maimone. Una Co-produzione Italia Spagna e Francia: TersicoreaT.Off – Cagliari – Escuela Internacional de Circo y Teatro Cau – Granada Théatre Crac: fabrique de mensonges – Nimes. Il collettivo è composto da artisti diplomati alla Escuela Internacional de Circo y Teatro CAU di Granada, provenienti da culture e da paesi diversi e da accademie e scuole professionali disseminate in Europa. In azione a Cagliari da due anni per svolgere la residenza artistica di creazione e per porre le basi di un percorso lavorativo condiviso, concepito per lo sviluppo e l’apertura della Sardegna verso l’arte performativa in Europa e oltre.

“SULLE ORME”
Il Mediterraneo, Il Corpo, Il Viaggio
Progetto interdisciplinare di danza, teatro, musica e poesia
29 ottobre > 26 novembre 2015
Teatro Si ‘e Boi – Selargius
Direzione artistica: Simonetta Pusceddu

***
13 novembre – serale ore 20,30 – Teatro Si e’ Boi (Selargius)
15 novembre – serale ore 19,00 – Teatro T.Off (Cagliari)
13 novembre – matinèe per le scuole ore 11,30 – Teatro Si e’ Boi

Biglietti:
INTERO: 6 euro per ciascun spettacolo
RIDOTTO: 5 euro *Hanno diritto a biglietto ridotto gli over 60
3 euro *Per chi prenota i tre spettacoli (29 ottobre La ballata di Filomena – 13 novembre La balsa de piedra – 26 novembre Don Quijote) e per gli operatori

Info e prenotazioni: Tel. 070/275304 – 328/9208242 e-mail: tersicoreat.off@tiscali.it

Share

Invia un commento