Voci di migranti - Torna in libreria ISMAIL E IL GRANDE COCCODRILLO DEL MARE di Costanza Savini
Share

“La tua patria è dove è il tuo bene.”

Dal 3 ottobre arriva in libreria per l’editore siciliano Euno, “Ismail e il grande coccodrillo del mare” di Costanza Savini, una storia di speranza  e coraggio, più che mai attuale.

E’ il racconto vibrante e commovente del viaggio di Ismail un ragazzo che parte dalla propria terra in Africa, fuggendo dalla guerra e dalla fame, per raggiungere l’Italia e avere un futuro, e di tutti gli incontri che farà durante il suo lungo percorso, su tutti quello misterioso e fondamentale con una donna che come lui ha il potere “dell mano che vede” e che lo aiuterà a non perdersi… La narrazione è arricchita dai disegni di Lolita Timofeeva.

Prefazione di Giovanni Discolo, esperto di mediazione culturale e cooperazione euro mediterranea.

“Ismail e il grande coccodrillo del mare” è la storia di un profugo senza nazionalità, forse un clandestino per ragioni politiche, civili o ideologiche, poco importa. Un ragazzo qualunque che parte dalla propria terra, in Africa, per raggiungere l’Italia e avere un futuro. Una storia umana come tante che oggi accadono ogni giorno intorno a noi.
Ismail, che fugge dalla guerra, dalla fame… è la raffigurazione di un mondo che rifiuta e che calpesta il diverso; egli rappresenta il viaggio, anzi è egli stesso il viaggio verso una meta che sa di “normalità”.

Durante il suo lungo e difficile itinerario, come un novello Dante che attraversa l’Inferno per raggiungere il suo Paradiso, incontrerà gente di ogni razza, personaggi misteriosi, quasi fantastici, strane situazioni, incredibili rivelazioni, che lo porteranno a toccare con mano la bontà e la malvagità del mondo.
La sua Beatrice, una donna misteriosa che come lui ha “il potere” della mano che “vede”, lo aiuta a non perdere la via, a guardarsi dai “tagliatori di mano” fino a guardare al suo passato e a ricercare la sua Patria, “là dove è il suo bene”.

Un racconto destinato a lettori di ogni età, in cui ogni frase travalica la pagina su cui è scritta per stamparsi indelebilmente nella coscienza di chi legge.

“Costanza Savini scrive tenendo in mano un talismano che ha le stesse caratteristiche di quelli usati dai grandi favolisti”.
Antonio Faeti, pedagogista e scrittore

“È un testo scritto e pensato per tutti, ma in particolare per ragazzi e adulti di ogni Nord, nello specifico quelli dei paesi che si affacciano al nostro Mediterraneo e del Vecchio Continente, con la sapienza e la piacevolezza narrativa della scrittrice che ha tenuto aperti gli occhi, le orecchie, il cuore e la fantasia alle umane vicende di chi ci sta intorno.”.
Ruggero Sintoni Presidente Associazione Nazionale Teatro d’Arte Contemporanea. Co – direttore di Accademia Perduta/Romagna Teatri

Costanza Savini, nata a Bologna, dove si laurea in giurisprudenza, continua i suoi studi presso l’Istituto di psicologia somatorelazionale di Milano dove consegue l’abilitazione a counselor con indirizzo psico-corporeo e insegnante di pratica bioenergetica.
Parallelamente all’attività di counseling psico-corporeo, percorre la strada della scrittura centrando sulla duplicità tra realtà e immaginazione le sue narrazioni. Le sue storie sono ambientate nelle zone di confine tra il visibile e l’invisibile, tra ciò che è nascosto alla vista ma può rivelare dettagli e zone d’ombra della nostra vita.

Tra le principali collaborazioni: dal 2006 al 2011 con Giorgio Celli, culminata nella pubblicazione per Ugo Mursia Editore del romanzo “Morte nei Boschi” e della raccolta di storie brevi “Destini”; dal 2012 al 2014 l’incontro con l’illustratrice Octavia Monaco che dà vita al progetto “Tessiture: un intreccio di parole visionarie e immagini perturbanti”; nel 2013 collabora alla stesura del racconto teatrale sulla vita di don Oreste Benzi, messo in scena per la Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro.

Euno edizioni – via Dalmazia 5 – 94013 Leonforte (En)
www.eunoedizioni.it info@eunoedizioni.it

Share

Leave a comment.