Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | April 22, 2019

Scroll to top

Top

Blog - Mediterranea

Quale può essere l’importanza di una singola specie animale per un ecosistema, per un habitat o per determinato ambiente? Esistono specie, a volte piccole, molto piccole, la cui presenza è fondamentale nell’evoluzione dei luoghi naturali nel tempo. E’ il caso del Moscardino, piccolo mammifero roditore, che vede al via il suo monitoraggio che darà informazioni fondamentali sullo stato di salute dei boschi del Parco dei Castelli Romani. Sono state realizzate
Ne parla con gioia e nostalgia dei tempi vissuti nel paese natio. Racconta di sé, della sua vita alle prese con le faccende domestiche e le attività della campagna. L’antico portale della sua casa sempre aperto, il pallido riflesso dei raggi del sole sul selciato. Maria Zonca di Tuili, 86 anni, due figli, una nipotina, e una lunga storia da raccontare. Donna d’altri tempi, come una vestale accoglie nella sua
Dopo il preludio, ecco pensieri e fatti di una nuova avventura all’estero (Praga, Brno e Bratislava). Prima di elencarne, però, tutti i consigli di viaggio, è necessaria un’ulteriore premessa. Premessa: “futuro mordi e fuggi” e “futuro solido” Mentre si cerca (invano) di costruire un futuro definito e stabile, chiamato anche “futuro solido”, da queste parti si è soliti ubriacarsi di cosiddetto “futuro mordi e fuggi”. Si parla di futuro solido quando si hanno tutte quelle
Se durante i vent’anni si partiva con quei due stracci che si avevano nell’armadio, inconsci del meteo e delle sciagure che avrebbero colto un giovane viaggiatore inerme, e appurato che i trent’anni portano a scoprire nuove frontiere della vacanza comoda e organizzata, giunti alla tenera età di trentuno anni è ormai certezza che il modo di viaggiare sprovveduto (e quindi giovane) è giunto definitivamente al termine. Gli ultimi rimasugli di
La Catalogna rivendica l’indipendenza e la Sardegna sogna di emularla. Adriano Bomboi: “I catalani hanno persino l’energia nucleare, mentre i nostri indipendentisti non vogliono neppure investimenti sul gas ma pretendono di governare e far crescere l’economia”.  Introduzione di Veronica Matta Centrale nucleare della Catalogna Gli eventi scatenati attorno al referendum per l’indipendenza della Catalunya coinvolgono in modo diretto lo Stato spagnolo ma, in forma indiretta, tutti i popoli che rivendicano
Cosa si cela dietro i misteriosi fumi che da oltre un mese ammorbano l’aria della città? Un fenomeno che sembrava essere legato inizialmente agli incendi estivi all’interno del parco naturalistico di Molentargius ha assunto i connotati di un disastro ambientale di proporzioni indeterminate. Un paesaggio alieno da film di fantascienza è lo scenario che si presenta da ormai oltre un mese alle porte di Quartu Sant’Elena. Fumi e fumarole s’innalzano
“Nella remota (ad oggi impossibile) ipotesi di una secessione, la Catalogna resterebbe fuori da tutte le istituzioni internazionali politiche” Catalani in marcia verso l’indipendenza dalla Spagna “Questo referendum non può svolgersi, non è né legale né legittimo”. Così il premier spagnolo Mariano Rajoy ha commentato le misure adottate da Madrid per impedire la consultazione referendaria sull’indipendenza della Catalogna prevista il prossimo primo ottobre. Un’iniziativa etichettata come un “golpe contro la
L’Europa ha sofferto tutti i tipi di tensioni separatiste ma mai un referendum unilaterale in uno stato democratico. L’Unione Europea si considerò, dalla sua nascita, il rimedio più efficace contro i nazionalismi che si erano avvicendati nel continente durante la prima metà del secolo XX. Di fatto, la rapidità – alcuni useranno la parola precipitazione – con la quale si realizzò l’ampliamento ai paesi dell’Est non nascondeva la volontà di
La natura, col suo ciclo e le sue regole, esige attesa, dedizione e rispetto; assecondandola o meno gli uomini agiscono secondo leggi, idee, sentimenti e gusti personali, inseguendo dunque passioni ed aspirazioni. Nel mezzo c’è il Vino. Spesso e senza accorgercene siamo condizionati soltanto da ciò che il vino vorremmo fosse per noi: persi tra rigida obiettività e fragili congetture, immaginario collettivo, rievocazioni e puro soggettivismo, con emotiva spontaneità, idee
Tre figli, nove caratteristiche, nove terroir, nove vigneti per ottenere tre vini, tre vini in cui si mescoleranno tradizione e storia, lavoro, viaggio ed una promessa d’amore… quella di Paolo Tuccitto verso i propri figli. Attraversare dunque l’Italia del vino, con un mentore d’eccezione che lo aiuterà ad interpretare le caratteristiche dei vitigni più consone alla personalità dei suoi tre meravigliosi bambini, creando la romantica metafora di un “atto a