Share

Oltrepassiamo il ventre della montagna.
Tutt’intorno è scampanellio.
Siamo il brullo andare, siamo il fuoco, siamo la nebbia, siamo i pastori.
Ogni bivacco è comune memoria: l’eco dei passi, la sosta, il vecchio albero, il piano improvviso, il desinare, il focolare.
Il gregge, nuvola grigia, promette tempesta.
L’abbaiare dei cani insegue il nostro tempo; andiamo per imparare a non restare.

Share

1 thought on “Transumanza

Leave a comment.