Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | July 19, 2019

Scroll to top

Top

Navigazione Archivi - Mediterranea

Di Vincenzo Onorato, di Mauro Pili e delle loro petizioni online

La continuità territoriale è uno strumento legislativo europeo a garanzia dei servizi di trasporto ottimali ai cittadini che risiedono in regioni geograficamente separate, morfologicamente difficili da raggiungere o disagiate per determinate ragioni, dalla nazione a cui appartengono; il servizio di trasporto avviene generalmente per via marittima o aerea e viene aggiudicato a coloro che partecipano ad una gara europea, pubblicata sulla gazzetta Ufficiale dell’UE, indetta per le rotte in questione, concesse in esclusiva ed in deroga al principio di libero mercato. L’antitrust italiano ha sanzionato per la cifra di 29,2 milioni di euro sia la Moby che la Compagnia Italiana di Navigazione, entrambe appartenenti al Gruppo Onorato Armatori, accusate di aver abusato della loro posizione dominante mettendo in campo una condotta anti concorrenziale ed aggressiva mirata ad ostacolare la crescita della concorrenza ed instaurando una forma di pregiudizio tra i consumatori su ben tre distinte rotte commerciali marittime tra la Sardegna e l’Italia continentale, violando di fatto l’articolo 102 sul Trattato di Funzionamento dell’UE.

Continua

La proposta di Salvatore Mare per il Nautico di Piano di Sorrento

La storia risorgimentale è davvero bella, almeno quella che ci hanno raccontato quando andavamo a scuola e quello che si narra sul conto di Nino Bixio non è da meno. Peccato che, nell’uno o nell’altro caso, quello che gli storici del tempo riportano sia intriso di menzogne, omissioni e propaganda in favore dei vincitori che, senza neanche una dichiarazione di guerra, ordirono l’annessione del Regno delle Due Sicilie al resto d’Italia, menando strage e seminando miseria. Continua

Lo Stato dell’Arte della Marineria in Italia al 2017

Se avete seguito le vicende di questi ultimi anni che hanno portato all’assurdo corso direttivo, saprete che a detta del MIT, clamorosamente smentito dall’EMSA, era l’EU a chiedere al Marittimo Italiano di frequentare tale corso, nonostante la stessa European Maritime Safety Agency avesse aperto una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia relativa alla qualità dell’educazione nautica, evidentemente compromessa a causa del decadimento dell’Istituto Nautico di cui l’odierno Istituto di Trasporti … Continua

Intervista al deputato Luigi Gallo sulla condizione professionale dei Marittimi d’Italia

L’indignazione dei Marittimi d’Italia è arrivata finalmente alla protesta aperta: la situazione è insostenibile. Il nostro giornale incontra il deputato Luigi Gallo, da sempre sensibile a questi temi, alla vigilia della manifestazione del 17 marzo a Roma

Continua

Un Mare di cose da dire… il 30 Giugno a Mola di Bari

Thesi, centro di formazione marittimo da sempre molto attento alle dinamiche del lavoro e delle specializzazioni professionali del mare, ha indetto una tavola rotonda a Mola di Bari per il giorno 30 giugno alle ore 17:30 al fine di chiamare al confronto forze politiche, sociali, economiche e scientifiche e poter analizzare da diverse prospettive il lavoro e le attività marinare nell’odierno contesto.

Nonostante il Mare sia da … Continua

L’utilità del radar e le sue limitazioni

14

Il radar è un esempio di invenzione collettiva e di come le scoperte del singolo uomo di scienza, maturate autonomamente con lo studio e la ricerca, possano contribuire alla realizzazione di strumenti di notevole utilità unendosi ai risultati perseguiti nel tempo da altri studiosi. Continua

Involuzione dei trasporti marittimi nel Mediterraneo

Le vie di comunicazione marine hanno costituito da sempre fattori di importanza vitale e strategica nello sviluppo sociale ed economico dei popoli del Mediterraneo a tal punto da poter affermare che la storia della civiltà coincida con l’evoluzione dei trasporti marittimi.

L’innovazione costante dei mezzi di trasporto marittimo, intesa come progresso dell’architettura navale e dell’arte della navigazione, ha segnato le sorti degli scambi commerciali e l’espansione dei primi mercati di … Continua

L’uomo di mare tra scienza moderna e arte nautica

In principio l’orientamento fu sensoriale e istintivo. L’uomo era un tutt’uno con la natura e sapeva ben decifrare il linguaggio del mondo e il lungo respiro del mare, attraverso l’osservazione accorta dei fenomeni naturali, della volta celeste e con l’interpretazione degli spostamenti stagionali dei pesci e del volo degli uccelli. Un’attitudine innata all’orientamento condivisa con le creature migranti accentuava, negli atavici uomini di mare, una sensibilità biologica alle forze geofisiche che tutt’ora regolano le leggi dell’orbe terracqueo, indipendentemente dal progresso e dall’assurda volontà di asservire Madre Natura. Continua