Share

Buona la prima! E’ andato tutto a meraviglia nella prima parte del progetto Luoghi Letterari in Sardegna, un’avventura che mette insieme l’arte dello scrivere con l’accoglienza delle comunità dei piccoli borghi. Sette scrittori, catapultati dalle metropoli italiane in piccoli o piccolissimi paesi della Sardegna sconosciuta. Partenza da Roma per San Giovanni Suergiu, Dolianova e Ovodda, da Milano per Villacidro, da Torino per approdare a Sant’Anna Arresi, da Genova a Desulo.

Lo scopo è scrivere un racconto per ogni borgo visitato, il metodo è quello di vivere dentro la comunità, a stretto contatto con le persone dei piccoli centri (molte volte a rischio spopolamento), nella loro quotidianità. La curiosità e l’attenzione per i dettagli, tipica in ogni scrittore, di qualsiasi genere si tratti, si adatta perfettamente a luoghi che non hanno grandi attrazioni, se non gli abitanti stessi e la natura meravigliosa che circonda quasi tutti i paesi dell’isola di Sardegna.

E’ stato un successo in ogni paese, in alcuni casi si è creata un’atmosfera di festa continua. Quella famosa onda in cui generazioni diverse, diverse culture e modi essere si fondono insieme per una festa dell’umanità, come spiegava un secolo fa il filosofo spagnolo José Ortega y Gasset. Diverse identità che si incontrano creando un dialogo utile alla crescita di entrambi.
Lo scrittore, pensato all’origine come corpo estraneo alla comunità, come visitatore straniero che doveva osservare il quieto vivere della comunità rurale, diventa all’improvviso parte integrante della vita sociale. Inizia a frequentare le famiglie, conoscere le loro abitudini e appuntamenti, ci si scambiano sogni ed emozioni. Il cibo diventa in tutti i luoghi lingua comune, fonte di conoscenza e cultura.
Quello che doveva essere un semplice scambio culturale, una sorta di Erasmus letterario, è diventata un’esperienza umana fortissima. Tant’è che a distanza di giorni la “saudade” si fa sentire, e si pensa a come sostituire la dipendenza dalla Sardegna nel quotidiano cittadino.

Esperienza vitale per lo scrittore, per la comunità che lo accoglie, per le amministrazioni che possono vedere in diretta cosa può diventare il turismo culturale nei piccoli paesi.

Dicevamo, l’identità. Con questo progetto si mette in gioco l’identità stessa del paese ospitante, ci si presenta allo scrittore nel miglior modo possibile. L’ospitalità e la disponibilità, qualità comuni in quasi tutte le comunità.
Qualcuno si è chiesto se verrà capito il vero carattere del paese, o se invece si continuerà a dipingere le comunità più lontane dalle città con i tipici stereotipi. L’obiettivo del progetto è proprio quello di avere la massima libertà di espressione. Ad ogni modo, gli scrittori sono arrivati in Sardegna senza preconcetti, la permanenza nei paesi è stata per loro un’esperienza totalmente nuova. Il risultato è stata una dialettica positiva che ha portato ad un dialogo vero, dove ognuno ha lasciato spazio all’altro per raccontarsi.

Nessuna organizzazione da villaggio vacanze, nessuna sovrastruttura culturale a cui obbedire. L’incontro tra scrittore e comunità nel progetto Luoghi Letterari è stato sincero, culturalmente ricco. Ognuno ha portato con sé qualcosa dell’altro, non necessariamente quello che si immaginava di far conoscere: siti archeologici o musei vari, ma un caleidoscopio di paesaggi, profumi, sapori e risate. Per alcuni la Sardegna si è rivelata una cura per lo spirito, la risata condivisa è la migliore medicina!

L’idea progettuale

Il progetto Luoghi Letterari ha lo scopo di portare in Sardegna diversi scrittori di importanza nazionale e internazionale, per una serie di residenze letterarie. Scrittori e scrittrici, tra cui Carlo Martigli, Valeria Gargiullo, Giulia Ciarapica, Michela Tanfoglio, Diego Galdino, Paolo Roversi, Eleonora Boggio, hanno vissuto per 10 giorni (dal 2 all’11 settembre 2022) nei comuni che hanno aderito con entusiasmo al progetto (Comune di Desulo, Comune di Ovodda, Comune di San Giovanni Suergiu, Comune di Sant’Anna Arresi, Comune di Dolianova, Comune di Villacidro).

Alla fine dell’esperienza gli autori produrranno racconti che verranno pubblicati in un libro che avrà una distribuzione nazionale con l’editore Arkadia.
Un progetto culturale, artistico, sociale e turistico allo stesso tempo. 

Dichiarano gli organizzatori del progetto, Gianmarco Murru e Giulio Pisano: “Abbiamo pensato di invitare scrittrici e scrittori non sardi a parlare dei nostri territori perché non coinvolti, possono scrivere liberi da condizionamenti. Un “terzo occhio” che può vedere ciò che noi nel quotidiano non notiamo. Mettere in luce le eccellenze locali, la storia, i siti culturali, le bellezze naturali attraverso la letteratura. La nostra isola è poco conosciuta in Italia, pochissimo in Europa e praticamente sconosciuta negli altri paesi del Mediterraneo. Bisogna, a nostro avviso, creare un interesse nuovo, attraverso l’arte della scrittura. La letteratura, più delle altre arti, ha dato alla Sardegna la possibilità di avere una visibilità internazionale, ed è uno degli strumenti più potenti che si conoscano. Si pensi alla scoperta della Sardegna dopo Grazia Deledda, della Sicilia con i romanzi di Andrea Camilleri, della Basilicata con l’opera di Mariolina Venezia o la riscoperta del Portogallo attraverso il riconoscimento postumo del genio di Fernando Pessoa e potrebbero essere citati altri esempi tra i quali, restando in Sardegna la una nuova stagione letteraria riconosciuta a livello nazionale aperta dall’opera del “nostro” Sergio Atzeni”.

Gli obiettivi del progetto sono molteplici. Oltre a produrre nuova letteratura che porterà i lettori ad incuriosirsi della Sardegna meno conosciuta, si cercherà di: educare alla lettura i ragazzi e i cittadini invogliati a conoscere il racconto ambientato sul loro paese e in altri paesi dell’isola; la nascita di una cooperazione tra i paesi coinvolti, legati da un progetto culturale comune, con l’obiettivo di formare una rete dei “luoghi letterari” in Sardegna; limitare il fenomeno continuo dello spopolamento, attraverso la conoscenza dei mestieri del settore culturale, nel caso specifico l’editoria; sviluppo di un turismo di qualità, interessato alla cultura e all’ambiente; favorire la conoscenza dei prodotti del territorio; favorire lo sviluppo del turismo interno alla Sardegna, soprattutto nei mesi autunnali e invernali.

L’autore, inoltre, diventerà indirettamente un testimonial, la sua opera potrà essere diffusa attraverso i canali social dello stesso, dell’editore e del curatore, amplificando ulteriormente l’esperienza e di conseguenza la conoscenza dei territori visitati. Ancora oggi il metodo migliore rimane il “passaparola”.

Bio degli autori

Da Genova Carlo Adolfo Martigli, (residenza letteraria a Desulo)

E’ autore di numerosi best seller, tradotti in 23 lingue, tra i quali “999 l’ultimo custode” (Mondadori), “L ‘Eretico” (Tea), “La congiura dei potenti” (Longanesi), “La follia di Adolfo” (Mondadori Electa), “La scelta di Sigmund” (Mondadori), Settimo peccato” (Mondadori), 999 l’origine (Mondadori), prequel e sequel del suo primo grande successo internazionale 999 l’ultimo custode). Ha venduto oltre due milioni di libri, tra italia ed estero.  Scrive anche romanzi per ragazzi, “L’apprendista di Michelangelo” (Mondadori Oscar best seller 2017) e “La custode di Leonardo” (Mondadori 2018). Nel 2020 ha pubblicato un saggio “20 inganni e misteri della storia”, tratto da un suo spettacolo teatrale. Sua è quasi integralmente la collana super brividi Mondadori per la quale ha pubblicato 24 romanzi horror con lo pseudonimo di Johnny Rosso, giornalista e sceneggiatore, ha collaborato alla realizzazione di alcuni lungometraggi e corti, tra cui la banda colombo, presentato in anteprima nazionale il 4 aprile 2022, propedeutico per una serie tv.  Sta attualmente lavorando ad alcuni progetti cinematografici con due diverse produzioni italiane. Da saggista ha scritto alcuni pamphlet di economia e finanza e “miracolo!'”, sui miracoli non cattolici nel mondo (De Agostini editore). Editor e conferenziere, i suoi seguitissimi semenzai di scrittura creativa sono giunti alla tredicesima edizione. Come attore di teatro ha infine vinto alcuni premi, anche nazionali, e attualmente cura, come one man show, il suo spettacolo di docuteatro “inganni – le bugie della storia” 

Da Roma Valeria Gargiullo (residenza letteraria a Ovodda) 

Proviene da un quartiere popolare di Civitavecchia e cerca nella scrittura una forma di riscatto. Ha frequentato il master in tecniche della narrazione della scuola Palomar e attualmente vive a Roma.
Con il suo romanzo d’esordio “Mai stati innocenti” (Salani, 2022) ha vinto il John Fante opera prima. 

Da Torino Michela Tanfoglio (residenza letteraria a Sant’Anna Arresi)

Michela Tanfoglio nasce a Montichiari nel 1983 e attualmente vive a Torino. Appassionata di letteratura, nel 2016 fonda l’agenzia letteraria EditReal, il concorso gratuito Gold Crime Carlo De Filippis e nel 2018 crea il progetto Portami un libro, grazie al quale, a oggi, sono stati donati a case famiglia, ospedali e carceri oltre 1.500 libri. Nel 2021 viene premiata come Miglior Editor d’Italia dalla giuria del Premio International Milano.

Da Roma Giulia Ciarapica (residenza letteraria a San Giovanni Suergiu) 

Classe 1989, laureata in filologia moderna all’università degli studi di Macerata, insegna critica letteraria alla scuola passaggi. Collabora con le scuderie del Quirinale seguendo il gruppo di lettura “Il filo nascosto”. Scrive sul “Foglio” e si occupa di libri sui social.  Nel 2018 pubblica con Cesati editore il saggio “book blogger. Scrivere di libri in rete: come, dove, perché”.  Nel 2019 è uscito il suo romanzo d’esordio, “Una volta è abbastanza” (Rizzoli), finalista al premio Flaiano under 35, vincitore del premio Zocca giovani – Marco Santagata e del premio Viva Gioconda – Salvatore Fiume opera prima. Il suo ultimo romanzo è “Chi dà luce rischia il buio” (Rizzoli, 2022). 

Da Roma Diego Galdino (residenza letteraria a Dolianova) 

Vive a Roma e ogni mattina si alza prima dell’alba per scrivere i suoi romanzi. Tutt’ora lavora nel bar dov’è nato e cresciuto. Autore di successo internazionale, pubblicato nei paesi di lingua tedesca, Serbia, Polonia, nei paesi di lingua spagnola e in Bulgaria. Ha esordito con “Il primo caffè del mattino” definito un caso editoriale, di cui sono stati venduti i diritti cinematografici alla Letterbox film produktion. Altri suoi successi “Mi arrivi come un sogno”, “Vorrei che l’amore avesse i tuoi occhi”, “Ti vedo per la prima volta”, “L’ultimo caffè della sera”, pubblicati come il primo romanzo con la casa editrice Sperling & Kupfer del gruppo Mondadori. Definito il Nicholas Sparks italiano è inoltre testimonial del “Consorzio per il caffè espresso italiano tradizionale” ed è stato tra i protagonisti del documentario svizzero dedicato al caffè “La pulpa und die bohne”. Nel 2020 con “Una storia straordinaria” fa il suo ingresso nel catalogo della Fanucci editore.

 Nel 2021 pubblica il suo primo romanzo d’amore fantasy “principessa saranghae” con la Bertoni editore.  A maggio 2022 pubblica “Storia di un ospite” ed esordisce nel fantasy storico. 

Da Milano Paolo Roversi (residenza letteraria a Villacidro) 

È scrittore, giornalista, sceneggiatore e podcaster. Vive a Milano. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive. I suoi romanzi sono tradotti in otto lingue e dai suoi libri sono stati tratti spettacoli teatrali e cortometraggi. Con il romanzo “La mano sinistra del diavolo” (Marsilio) ha vinto il Camaiore di letteratura gialla 2007. Con il romanzo “Solo il tempo di morire” (Marsilio) ha vinto il Premio selezione Bancarella 2015 e il premio Garfagnana in giallo 2015. Con il romanzo “Pyschokiller (Sem) ha vinto il Premio Scerbanenco 2020 dei lettori. Con “Black money” (Sem) ha vinto il premio selezione Bancarella 2022. Ha fondato il Festival del giallo Nebbiagialla, il portale Milanonera, L’Accademia del giallo di Milano e Noirlab. 

Insegna per la scuola Holden di Torino

Da Milano Eleonora Boggio (residenza letteraria a Villacidro) 

Nata sotto il segno della rondine ma stanziale sotto il cielo di Milano, è una story teller a tempo indeterminato e una cacciatrice di sogni a progetto. Dopo aver fatto sognare con le sue cenerentole metropolitane nella trilogia dei tacchi (“Matta per Manolo”, “Tutte Choo per terra” e “La vita è una Loubou meravigliosa” editi da Mondadori), ha fatto viaggiare i suoi lettori in pieno lockdown, con “Love trotter” (Sem). Dopo “L’anno dei nuovi inizi”, una storia nel tempo di resilienza e di rinascita, è pronta a ripartire con i suoi condomini e la compagnia del Macondo ne “L’anno delle parole ritrovate”.Il progetto Luoghi Letterari ha vinto il bando dalla Fondazione di Sardegna per l’anno 2022. E’ statoscritto e ideato da Gianmarco Murru (presidente dell’Associazione Culturale Mediterranea), con Giulio Pisano (editor dell’agenzia letteraria EditReal).

Il progetto Luoghi letterari è stato scritto e promosso dall’Associazione Culturale Mediterranea, che gestisce la testata giornalistica mediterraneaonline.eu, con l’agenzia letteraria Edit Real.

Mediterranea

Lavoriamo da 15 anni sulla produzione di cultura, di cui il giornalismo è una parte importante. Negli anni ci siamo specializzati nella creazione di progetti culturali che hanno coinvolto soggetti privati, enti pubblici il mondo del terzo settore, associazioni culturali, artisti, intellettuali, università, ambasciate, Istituti di Cultura italiani all’estero.

EditReal

La EditReal è soprattutto agenzia letteraria. La titolare, Michela Tanfoglio, è stata premiata come miglior editor italiano nel 2021.Siamo sempre alla ricerca di nuovi talenti e vogliamo essere un punto di riferimento per ciascuno di loro, per raggiungere insieme obiettivi sempre più importanti.

I partner del progetto
Comune di Desulo, Comune di Ovodda, Comune di San Giovanni Suergiu, Comune di Sant’Anna Arresi, Comune di Dolianova, Comune di Villacidro.Istituto di cultura italiano di Malta, di Tunisi e di Tirana; l’Associazione borghi autentici d’Italia; la Fondazione Sardegna Film Commission; l’Associazione aMAZElab, Arte, Cultura, Paesaggio; il Dipartimento beni culturali dell’Università di Milano; l’Associazione di produttori Bio Asab Sardegna; l’Associazione Culturale Sa Mata, l’albero delle idee. 
Con libero patrocinio della Regione Sardegna
Finanziato della Fondazione di Sardegna

la Fondazione Giuseppe Dessì

con il contributo di tutti i Comuni partecipanti

Media Partner 
www.mediterraneaonline.eu

Contatti gianmarco.murru@gmail.com – redazione@mediterraneaonline.eu – giulio.pisano@icloud.com

tel 3291233109 – 3272449339

Facebook https://www.facebook.com/ProgettoLuoghiLetterari

Leave a comment.