Aurora in Vatican
Share

La delegazione dell’Aurora Prize a Roma in visita al Santo Padre e alle principali organizzazioni cattoliche e umanitarie in una due giorni di visite ufficiali no stop in vista del forum della prossima settimana in Armenia.

Aiutare i più deboli si può e si deve e quando lo spirito umanitario arriva da un popolo come quello armeno reduce da un importante genocidio allora la notizia diventa una good news, una buona notizia da scrivere, da condividere, da diffondere e da raccontare.

Si è svolta nelle giornate del 2 e 3 ottobre a Roma la visita ufficiale in Vaticano e presso la Comunità di Sant’Egidio della delegazione dell’Aurora Prize premio umanitario di fama mondiale del valore di 1 milione di dollari, che viene assegnato a un filantropo eccezionale che ha messo a rischio la propria vita per salvare quella degli altri. Tra i membri della giuria, personaggi illustri come l’attore George ClooneySamantha Power (ex Ambasciatrice US all’ONU) e Bernard Kouchner (fondatore di Medici Senza Frontiere). La quarta edizione del premio sarà presentata il 19 ottobre all’Aurora Forum, che si terrà dal 15 al 21 ottobre nella città di  Yerevan, in Armenia. Il Forum e il Premio sono stati fondati sulla convinzione dei co-fondatori che i problemi più grandi a livello globale possono essere risolti attraverso la collaborazione tra diversi settori e geografie. La tappa romana del gruppo di filantropi a livello mondiale è stata voluta per ricevere la benedizione del Santo Padre sulla missione dell’Aurora Forum durante un’udienza in Vaticano. Presenti in prima linea in rappresentanza del premi Ruben Vardanyan e Noubar Afeyan, due dei co-fondatori dell’Aurora Prize for Awakening Humanity, oltre a tre vincitori delle edizioni passate.

L’Aurora Prize è L’Armenia, dopo la “Velvet Revolution” dello scorso anno, che ha innescato un cambiamento sistemico nel paese, è finita sotto i riflettori internazionali per la sua cultura e storia uniche ed è stata nominata come “Country of the year”dell’anno 2018 da The Economist. Ruben e Noubar hanno discusso di come l’Aurora Forum e il Premio stanno contribuendo a delineare il futuro dell’Armenia, che Papa Francesco aveva visitato nel 2016 per il quattordicesimo viaggio all’estero del suo pontificato.

Vincitori dell’Aurora Prize, ospiti del presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo

Oltre a loro nella delegazione in trasferta a roma anche i tre vincitori passati del Premio Aurora (Marguerite Barankitse 2016, Tom Catena 2017, Kyaw HIa Aung 2018) per discutere delle loro esperienze in prima linea nelle zone di conflitto e degli sforzi che ancora devono essere fatti a livello mondiale per difendere e rafforzare alcune delle popolazioni più a rischio.

Noi di Mediterraneaonline abbiamo intervistato durante la visita di giovedì 3 ottobre presso la Comunità di Sant’Egidio a Roma: il co- fondatore del Premio Ruben Vardanyan e il vincitore della passata edizione del 2017 il medico e missionario Tom Catena.

1. Ruben Vardanyan co fondatore Aurora Prize (intervista dell’inviata Federica Baioni)

Il gruppo ha ottenuto la benedizione del Pontefice per l’Aurora Humanitarian Initiative e il suo continuo impegno globale per la lotta alla povertà, il miglioramento dell’assistenza sanitaria e l’offerta di opportunità di istruzione nelle comunità vulnerabili. I delegati hanno anche illustrato la nuova iniziativa di raccolta fondi, #AraratChallenge, che mira a ispirare altre persone a unirsi alla missione di Aurora condividendo storie di gratitudine personale, effettuando donazioni e partecipando alle cause umanitarie. Ne ha parlato con grande soddisfazione il missionario Tom Catena.

2. Tom Catena – Medico Chirurgo e Missionario Cattolico Aurora Prize 2017 (intervista dell’inviata Federica Baioni)

Riguardo la visita del giorno precedente in Vaticano e l’incontro con Sua Santità Papa Francesco, Noubar Afeyan, co-fondatore dell’Aurora Humanitarian Initiative e dell’Aurora Forum, ha dichiarato: “Siamo onorati di aver ricevuto una benedizione speciale da Sua Santità. Per il nostro impegno a diffondere il messaggio della Gratitudine in Azione e a massimizzarne l’impatto, è importante costruire relazioni più strette con i leader religiosi, governativi, del settore privato e del mondo della cultura a livello internazionale. Gli incontri in Vaticano ci hanno permesso di evidenziare il lavoro vitale svolto a livello globale dall’Aurora Humanitarian Initiative e l’esigenza di una maggiore collaborazione per l’espansione di queste iniziative a lungo termine.”

Commentando l’udienza con Sua Santità Papa Francesco, Ruben Vardanyan, co-fondatore dell’Aurora Humanitarian Initiative e dell’Aurora Forum, ha affermato: “Gli incontri di oggi con Sua Santità Papa Francesco e Sua Eminenza il Cardinale Parolin hanno offerto l’occasione per fare il punto e riflettere sull’impatto a livello globale che l’Aurora Humanitarian Initiative ha avuto sin dalla sua fondazione. Tuttavia, il nostro lavoro è solo all’inizio. Non vediamo l’ora di discutere delle nuove sfide e opportunità che l’umanità deve affrontare durante la prima edizione dell’Aurora Forum, che si terrà alla fine di questo mese a Erevan.”

Fondata a nome dei sopravvissuti del genocidio armeno in segno di gratitudine per i loro salvatori, l’Aurora Humanitarian Initiative è un’organizzazione mondiale che ha l’obiettivo di dare ai salvatori di oggi l’opportunità di assistere e offrire speranza a coloro che hanno urgente bisogno di aiuti umanitari in qualsiasi parte del mondo e quindi di proseguire la catena di donazioni a livello internazionale.

Parlando dell’incontro, Tom Catena, Presidente dell’Aurora Humanitarian Initiative e vincitore dell’Aurora Prize for Awakening Humanity nel 2017, ha aggiunto: “Da quando sono entrato a far parte della comunità Aurora nel 2017, è stato un privilegio vedere in prima persona l’incredibile lavoro svolto dalla nostra organizzazione in tutto il mondo. Come missionario cattolico, sono stato onorato di incontrare Sua Santità Papa Francesco durante questa visita. Sono incredibilmente entusiasta per l’Aurora Forum che si terrà alla fine di questo mese, durante il quale condivideremo idee sul nostro lavoro con figure di primo piano di vari settori di tutto il mondo. È collaborando con leader ed esperti, nonché con il contributo e il sostegno di individui e organizzazioni locali, che possiamo continuare il nostro lavoro a lungo termine.”

La prima edizione dell’Aurora Forum si svolgerà a Erevan, in Armenia, tra meno di due settimane, dal 14 al 21 ottobre 2019. Il forum riunirà importanti autorità ed esperti di tutto il mondo per discutere di innovazione in ambito sociale, scientifico-tecnologico, didattico e umanitario. Attraverso il forum, questa rete di persone straordinarie mira a promuovere azioni concrete e a realizzare cambiamenti in relazione ad alcune delle sfide e delle opportunità più pressanti a livello mondiale.

La serie di attività della durata di una settimana offrirà agli esperti l’opportunità di mettere a confronto procedure consigliate, lezioni apprese e, in alcuni casi, idee rivoluzionarie su questioni che vanno dalle sfide infrastrutturali alle innovazioni nel settore sanitario fino all’emancipazione della donna. Gli eventi dell’Aurora Forum di ottobre 2019 si terranno in tutta l’Armenia con importanti iniziative in numerose città del paese.

Aurora Humanitarian Initiative:

Fondata a nome dei sopravvissuti del genocidio armeno in segno di gratitudine per i loro salvatori, ha l’obiettivo di dare ai salvatori di oggi l’opportunità di assistere e offrire speranza a coloro che hanno urgente bisogno di aiuti umanitari in qualsiasi parte del mondo e quindi di proseguire la catena di donazioni a livello internazionale. L’Aurora Humanitarian Initiative è un esempio della Gratitudine in Azione. Si tratta di un impegno di otto anni (2015-2023, in ricordo degli otto anni del genocidio armeno dal 1915 al 1923) per sostenere le persone e promuovere progetti globali che rispondono alle esigenze dei più deboli e indifesi, spesso correndo gravi rischi.

Questo risultato viene ottenuto attraverso i vari programmi dell’iniziativa: l’Aurora Prize for Awakening Humanity, le sessioni Aurora Dialogues, l’Aurora Humanitarian Index, i Gratitude Projects e la 100 LIVES Initiative. L’Aurora Humanitarian Initiative è stata ideata dai filantropi Vartan Gregorian, Noubar Afeyan e Ruben Vardanyan, a cui si sono aggiunti oltre 440 nuovi sostenitori e partner. Il Presidente, Tom Catena, attinge alla propria esperienza come chirurgo, veterano, filantropo e vincitore dell’Aurora Prize 2017 per diffondere il messaggio della Gratitudine in Azione a un pubblico globale. L’iniziativa accoglie tutti coloro che abbracciano un impegno comune per l’umanità.

L’Aurora Humanitarian Initiative è rappresentata da tre organizzazioni: Aurora Humanitarian Initiative Foundation, Inc. (New York, Stati Uniti), 100 Lives Foundation (Ginevra, Svizzera) e la IDeA Foundation (Erevan, Armenia).

Per ulteriori informazioni, visitare www.auroraprize.com

https://auroraforum.com/en

Share

Leave a comment.