maria lai
Share

Ho sentito per la prima volta il nome di Maria Lai un anno fa a Firenze, in occasione di una sua mostra agli Uffizi dal suggestivo titolo “Il filo e l’infinito”, mi incuriosì come questa artista sarda contemporanea, scomparsa purtroppo nel 2013, fosse riuscita a tessere il non visibile, l’eterno.

Questo contenuto è limitato agli utenti abbonati del sito. Se sei un utente abbonato, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi ed eseguire l'abbonamento qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
*Campo obbligatorio