Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | June 25, 2019

Scroll to top

Top

Sapori Archivi - Pagina 2 di 17 - Mediterranea

Nasce MedFood, il magazine gastronomico di Mediterranea

Un luogo virtuale in cui incontrarsi per parlare di cibo attraverso articoli, inchieste, approfondimenti, paesaggi e storie di vita e ancora ricette, menù e racconti di cucina.

Siamo felici di dare avvio ad un nuovo progetto editoriale, che completa e arricchisce l’offerta di mediterranea. Ci occuperemo di cibo e cucina mediterranea, una delle più ricche e variegate al mondo. L’antropologa Carmen Bilotta sarà la capo redattrice della rivista MedFood, … Continua

Viaggio tra i sapori della Cucina Bianca ligure

MedFood vi propone un viaggio nella tradizione gastronomica delle piccole comunità delle malghe liguri, dove, nelle case dei pastori in transumanza, era diffusa la cosiddetta cucina bianca. Espressione gastronomica più intima della civiltà agro-pastorale di un’ampia area delle Alpi Marittime, la cucina bianca unisce le Valli Arroscia, Argentina, Nervia, Tanaro e il territorio di Briga, per metà italiano e per l’altra metà francese.

Un itinerario di cultura oltre che gastronomico, … Continua

Una terra chiamata Lessinia

Una terra genuina e dal sapore antico in cui la natura si manifesta in tutta la sua bellezza e la cui gente conserva ancora le tradizioni e le usanze tipiche dei popoli di montagna. Un luogo che non ti aspetti sulle Prealpi veronesi, la Lessinia, con i suoi monti e le sue valli offre panorami mozzafiato e un ambiente pressoché incontaminato, protetto dal Parco Regionale dei Monti Lessini.

Continua

Il progetto MedFood

Per lungo tempo, almeno nel nostro paese, a scrivere di cibo sono stati principalmente i critici gastronomici con i loro censimenti e le loro recensioni sullo stato di salute della ristorazione italiana, e le “ricettare” con i loro inesauribili ricettari, più o meno accattivanti. Ad essi, nel corso del tempo, si sono aggiunte, a volte perfino sostituite, figure collaterali, sempre più presenti nell’arena mediatica grazie anche a quel fenomeno che … Continua

Is Solinas Carignano del Sulcis Doc 2014 di Argiolas

Carignano e non più del 5% di Bovale sono le quote per questo uvaggio che vede la straordinaria materia prima allevata ad alberello su terreni a prevalenza sabbiosa, ricchi di argilla e calcare ed accarezzati dalla brezza marina. La fermentazione alcolica e la macerazione avvengono in acciaio, la malolattica in cemento e l’affinamento in botti di rovere francese per ben un anno.Continua

L’Arte Marinara, la Ristorazione e la Promozione del Territorio all’Ittiturismo I Due Fratelli

Per la grande affidabilità del pescato, per la cucina tradizionale e per i colori di cui si tinge il locale costituisce proprio il tipico esempio di trattoria mediterranea. Sapori veri e semplicità, pulizia e velocità di servizio sono le virtù che contraddistinguono l’Ittiturismo I Due Fratelli sul Lungomare Colombo di Sant’Antioco.

Continua

Ribolla Gialla Igt delle Venezie 2010 di Franco Terpin

L’azienda di Franco Terpin nasce a San Floriano del Collio, in provincia di Gorizia, nel 1994 ma la sua passione per la viticultura è molto più antica e si potrebbe praticamente dire che la sua crescita e la sua formazione di vignaiolo sono speculari all’evoluzione dei suoi vigneti, ereditati dal padre Darinko.

Continua

Mamuthone Cannonau di Sardegna Doc 2014 di Giuseppe Sedilesu

A 15 km da Nuoro, nel cuore della Barbagia di Ollolai, si trova Mamoiada. Questo piccolo borgo è abitato da circa 2600 anime, si trova a 644 metri dal livello del mare e non è molto distante dal massiccio del Gennargentu, costituito da granito, rocce calcaree e scisti, e dagli altipiani del Supramonte, ricchi di carbonato di calcio e di magnesio di origine mesozoica.

Continua

La Passione di una vita per il Moscato di Trani: intervista a Franco di Filippo

Il Moscato è tra le varietà di Vitis Vinifera più antiche al mondo ed appartiene ad una famiglia di vitigni tra le più grandi e varie tra tutte quelle conosciute, tanto che nella sola Italia la superficie complessiva di allevamento si attesta attorno ai trentamila ettari.

Andando a ritroso nel tempo vediamo questa vitigno aromatico coltivato dai Greci col nome di Anathelicon Moschaton diffondersi in tutto il Mediterraneo durante la colonizzazione ellenica e successivamente definito, in epoca romana, come Uva Apiana per essere, al pari del Fiano, prediletta dalle api per via del suo dolcissimo aroma, a quanto pare. In realtà tanto l’associazione di questo vitigno con l’Uva Apiana quanto la tesi che vorrebbe, nella similitudine tra ape e mosca, che il suo nome mutasse in Moscato attorno al 1200, risultano piuttosto deboli: infatti è più plausibile che il nome attuale del Moscato derivi da muscus, muschio in latino, per via del suo forte ed inconfondibile aroma che i francesi definiscono musqué. Sussistono molte possibilità invece che il vitigno possa essere stato importato dai Cavalieri Templari ed Ospedalieri chiamati ad operare in Medio Oriente, dove era nota la produzione di vini liquorosi ed aromatici. Venezia inoltre nel 1204, proprio al termine della IV Crociata, inizierà a ridurre il volume di vini importati, sostituendoli coi vini prodotti a Creta e da altre isole Greche passate sotto il suo dominio. Le prove più antiche a testimoniare la presenza del Moscato in Piemonte risalgono al Trecento, due secoli dopo la distribuzione di questa vite nella regione sarà già considerata sufficientemente considerevole tanto che, anche in questo caso, il duca Emanuele Filiberto di Savoia deciderà di limitare le importazioni di altri vini per incoraggiare la produzione locale, fino al boom d’inizio Ottocento. Naturalmente stiamo parlando del Moscato Bianco, varietà che nel nostro paese rientra in un ragguardevole numero di Denominazioni di Origini Controllata da cui si evincono altrettanto numerosi sinonimi, uno dei quali è Moscato di Trani.

Continua

Quartara Fiano Colli di Salerno Igt 2009 delle Cantine Lunarossa

Le intriganti note organolettiche del Quartara Fiano Colli di Salerno igt del 2009, vino anfora con passaggio in barrique delle Cantine Luna Rossa Vini e Passione di Mario Mazzitelli.Continua