Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | June 25, 2019

Scroll to top

Top

Cultura Archivi - Pagina 3 di 56 - Mediterranea

La Passione di una vita per il Moscato di Trani: intervista a Franco di Filippo

Il Moscato è tra le varietà di Vitis Vinifera più antiche al mondo ed appartiene ad una famiglia di vitigni tra le più grandi e varie tra tutte quelle conosciute, tanto che nella sola Italia la superficie complessiva di allevamento si attesta attorno ai trentamila ettari.

Andando a ritroso nel tempo vediamo questa vitigno aromatico coltivato dai Greci col nome di Anathelicon Moschaton diffondersi in tutto il Mediterraneo durante la colonizzazione ellenica e successivamente definito, in epoca romana, come Uva Apiana per essere, al pari del Fiano, prediletta dalle api per via del suo dolcissimo aroma, a quanto pare. In realtà tanto l’associazione di questo vitigno con l’Uva Apiana quanto la tesi che vorrebbe, nella similitudine tra ape e mosca, che il suo nome mutasse in Moscato attorno al 1200, risultano piuttosto deboli: infatti è più plausibile che il nome attuale del Moscato derivi da muscus, muschio in latino, per via del suo forte ed inconfondibile aroma che i francesi definiscono musqué. Sussistono molte possibilità invece che il vitigno possa essere stato importato dai Cavalieri Templari ed Ospedalieri chiamati ad operare in Medio Oriente, dove era nota la produzione di vini liquorosi ed aromatici. Venezia inoltre nel 1204, proprio al termine della IV Crociata, inizierà a ridurre il volume di vini importati, sostituendoli coi vini prodotti a Creta e da altre isole Greche passate sotto il suo dominio. Le prove più antiche a testimoniare la presenza del Moscato in Piemonte risalgono al Trecento, due secoli dopo la distribuzione di questa vite nella regione sarà già considerata sufficientemente considerevole tanto che, anche in questo caso, il duca Emanuele Filiberto di Savoia deciderà di limitare le importazioni di altri vini per incoraggiare la produzione locale, fino al boom d’inizio Ottocento. Naturalmente stiamo parlando del Moscato Bianco, varietà che nel nostro paese rientra in un ragguardevole numero di Denominazioni di Origini Controllata da cui si evincono altrettanto numerosi sinonimi, uno dei quali è Moscato di Trani.

Continua

Quartara Fiano Colli di Salerno Igt 2009 delle Cantine Lunarossa

Le intriganti note organolettiche del Quartara Fiano Colli di Salerno igt del 2009, vino anfora con passaggio in barrique delle Cantine Luna Rossa Vini e Passione di Mario Mazzitelli.Continua

Vivi-ART! presenta Jimboroscopo 2019

Descrivere ciò che fa l’autore con cui iniziamo questo nuovo anno 2019 non è molto semplice perché riesce a svolgere innumerevoli attività in vari campi che hanno come leitmotiv la creatività.

Continua

Scolpiti

La sabbia tra le mie mani

Il tuo corpo

La sabbia sulla tua lingua

Il mio

Cade e scopre

Sul fondo in fondo scava,

Continua

Farfalla marina

Il mare scivolava nella notte

bianca carezza sulla pelle nuda

tepore dell’acqua, sul fondale la luna

in penombra

Continua

Cenerentola

Piange in silenzio

si nasconde

Bambina del tempo che dimora nel cuore

sognava

e in cerca dell’acqua danzava

Continua

Il Natale quando ero bambina

“Mio babbo faceva il pastore, era spesso fuori casa ma per Natale non mancava mai, e io ricordo quanto fosse eccitante aspettare il suo ritorno e l’emozione che provavo quando insieme a mie sorelle sentivamo il calpestio degli zoccoli del cavallo sulle pietre, quel suono speciale. L’attesa era la cosa più bella e dentro la sua bisaccia c’erano sempre tante sorprese”.

Continua

Bodei e Kafka

«Qual è il rapporto fra la “civetta” della filosofia, che interpreta in maniera vigile e cosciente le modificazioni prodotte dall’epoca, e la “talpa” dello “spirito”, che trasforma e scalza inconsciamente le fondamenta dell’epoca stessa mediante un lavorio cieco ma istintivamente rivolto a un fine sconosciuto ai contemporanei?» si chiede Remo Bodei in questo suo La civetta e la talpa. Sistema ed epoca in Hegel (Il Mulino, 2015).

Continua

La scoperta del DNA è un thriller.

La  n° 51, la fotografia di Rosalind Franklin che ha segnato una svolta nella storia delle scienze diventa un thriller nel nuovo romanzo per ragazzi di Chiara Segrè.

La 51 è stata la foto considerata il passo fondamentale che permise di comprendere la struttura del DNA. Questa immagine consentì a Maurice Wilkins, James Watson e Francis Crick di mettere insieme i risultati delle loro ricerche e di interpretare la struttura … Continua

SANLURI, UN ECCEZIONALE CONCERTO DI SANTA CECILIA

Il Complesso strumentale a fiati “Amilcare Ponchielli” si è esibito nella prima nazionale dell’opera The Ghost Ship sotto la direzione del suo compositore, lo spagnolo José Alberto Pina

Ogni anno, poco prima di Natale, il Complesso strumentale a fiati “Amilcare Ponchielli” di Sanluri propone il tradizionale Concerto di Santa Cecilia. Un evento molto sentito, a cui i bandisti si preparano per tanti mesi. Eppure il 25 novembre scorso è accaduto … Continua