Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | June 25, 2019

Scroll to top

Top

Miniracconti erranti Archivi - Mediterranea

Lo zen e l’arte della manutenzione del corpo umano

Sostieni il nostro lavoro

Tic-Tac-Tic-Tac-Tic-Tac-Tic-Tac

I battiti sono accelerati, li sento, devo avere ancora febbre. Febbre senza sintomi di influenza, manco un banale raffreddore. Niente. Eppure non sto bene. Insisto a dire a tutti che non è nulla di grave, uso il colpo di freddo come unica possibile causa cercando di convincere soprattutto me stessa. Perché io lo so che non è lì il problema.

Una parte dell’ingranaggio si … Continua

La parola che cura

Sostieni il nostro lavoro

Mi piace tornare al mio paese. Quel luogo me lo porto dentro in qualsiasi Paese o città in cui ho vissuto. È il mio “cerchio caldo”, davanti agli amici di sempre e chi mi conosce da quando sono nato, non debbo giustificare nulla, ogni volta li aggiorno vagamente sulla mia vita e sul mio lavoro.

Continua

Una clinica per curare i mali della società? Il Padiglione Israele per la Biennale di Venezia

Sostieni il nostro lavoro

“Aspetti, non può entrare. Per l’accettazione deve prendere il numero e accomodarsi in attesa del suo turno. Nel frattempo può sfogliare il nostro Libretto FHX. Il Field Hospital X sarà lieto di accoglierla il prima possibile nella Care-Area in cui potrà usufruire di tutti i nostri servizi”.

Ma come? pensa il ragazzo guardandosi attorno stupito e notando solo allora le altre persone sedute in attesa. Mi trovo ai Giardini della Biennale di Venezia, qui dovrebbe esserci il Padiglione Israele e invece trovo una clinica in cui offrono servizi di cura?

Continua

Le fragranze della diversità

I pomeriggi estivi in Sardegna sono lunghi se si abita in un paese lontano dal mare, io amavo il silenzio innaturale che circondava la nostra casa in “s’inghiriada” (curva). Continua

Hai mai pensato di vivere qui a Bortigali?

Con questa domanda è finita la mia intervista col sindaco di Bortigali Francesco Caggiari. Siamo soliti aspettarci che durante una conversazione sia l’intervistato a fornirci le risposte più significative, ma quando queste risposte sono contenute in dei quesiti siamo obbligati a cambiare prospettiva. Per trattare l’argomento spopolamento, infatti, occorre cambiare veduta e immergersi nella realtà che si analizza. Continua

Testi premiato al concorso “Noi e gli altri” 2017

 

Sezione racconti 1° Premio Sezione Racconti

Michela Serra

On the road

Io sono matto. E ora mi sento meglio. La soluzione è arrivata in una notte di mezz’estate. Senza doverci rimuginare sopra troppo a lungo.

Le ore di veglia mi hanno scombussolato. Le ho trascorse interamente a pensare, come avevo deciso quella mattina mentre Pi raccontava il suo ennesimo incontro eroticomico fin nei dettagli più intimi. Quel cascame di … Continua

Seguendo un tango

“Finalmente si sono addormentati” – sospirò Berthe a indirizzo dell’amica e compagna di viaggio, mentre osservava i due bambini, suo figlio Charles e il piccolo Giuseppe che, quasi abbracciati, avevano trovato la quiete sul giaciglio improvvisato, in quell’angolo di stiva del Don Pedro, “il veliero per il Paradiso”, la nave che faceva rotta per Buenos Aires. Continua

Malata di Sardegna

Che strani che siamo noi sardi, diciamo poco per dire molto (ma significa molto), diciamo un paio per intendere 4 o 5, e non ti azzardare a presentarmene 2 o tannalla (taccagno) e poi abbiamo un rapporto morboso di odio e amore con la nostra isola. Continua

La valigia

I miei figli ne hanno una sola di valigia, è piccola, marrone. Da un giorno è sul letto della stanza vuota. La apro. Ci hanno messo dentro un asciugamano, due costumi da bagno, ciabatte, nulla più. Io non so come dirglielo che a Londra il mare non c’è. Per loro il mare è respiro. Oggi è tutto una luce, sull’isola c’è un profumo di vento che somiglia alla felicità.

Continua

Transumanza

1

Oltrepassiamo il ventre della montagna.
Tutt’intorno è scampanellio. Continua