Share

Carovana SMI vi aspetta a Sant’Elia con il Laboratorio di Art Du Déplacement (Parkour) e le Incursioni Urbane – Performance | 9 – 10 maggio 2015 

Spostamenti Urbani

Laboratorio di Art Du Déplacement (Parkour)
con Fabio Saraceni di ADD Roma in
collaborazione con le associazioni Ain’t no
Gravity Parkour ASD e Parkour Cagliari
Incontrovia Schavazzi, Palazzo Bodano
9 – 10 maggio, ore 10.00 – 19.00

Incursioni Urbane – Performance
A cura di Ornella D’Agostino con Maria
Benoni, Nicola Grandesso, Valentina Orrù,
Roberto Meloni, Fabio Saraceni e le
associazioni Ain’t no Gravity Parkour ASD e
Parkour Cagliari

9 maggio, ore 17 – Nuova Piazza Lazzaretto
10 maggio, ore 12 – Nuova Piazza Lazzaretto | ore 18 – via Schiavazzi, Palazzo Bodano

L’Art Du Déplacement a Gaza
Incontro con Fabio Saraceni
10 maggio, ore 19.00 – Lazzaretto

Costi:
Per la partecipazione al workshop è prevista una quota di 10 € per entrambi i giorni di laboratorio.

Contatti:
angparkour@gmail.com
carovana.smi@gmail.com
parkourcagliari@gmail.com
:::::::::: :::::::: ::::::::::
TATO da Santa Teresa a Sant’Elia

TATO è stato prodotto durante la residenza artistica itinerante delle designers Carolina Melis e Eugenia Pinna in collaborazione con gli abitanti di Sant’Elia e della Marmilla nell’ambito di Approdi. Festa di Arte e Comunità 2014 – TATO è un tessuto di enormi dimensioni realizzato con la tecnica di tradizione sarda ‘manta de stracciu’ e con telai umani.
Agli abitanti di Sant’Elia e della Marmilla, si è chiesto di donare dei tessuti personali: vecchi, indumenti, tovaglie, stracci. Le stoffe cucite insieme hanno formato un filo lunghissimo che ha unito storie, luoghi e comunità. Con questo filo si tesse TATO, un tappeto stretto e lungo che non finirà di essere tessuto fino a quando il viaggio non si conclude.
Il progetto si è sviluppato a Cagliari e in Marmilla nell’arco di 2-3 settimane tra Ottobre e Novembre 2014.

In occasione di Monumenti Aperti 2015 il progetto continua, collegandoci al quartiere di Santa Teresa-Pirri (Cagliari)
Il lungo tapeto verrà disteso in uno spazio pubblico dove è possibile ritrovare, riconoscere e riscoprire letteralmente e in termini metaforici il tessuto e l’identità delle comunità. Un tappeto che veste le strade, fatto di intrecci di vecchie camice, appartenenti a chi quelle strade le vive ogni giorno. Un tappeto in cui alcuni intrecci funzionano meglio che altri, in cui alcuni incastri sono perfetti e altri faticano ad unirsi, in cui alcuni colori si accostano creando armonie, altri si contrastano. Lo specchio di una comunità viva.

Parallelamente al progetto, l’obiettivo è anche quello di introdurre gli abitanti del quartiere di Sant’Elia e Santa Teresa di Pirri, alle possibilità professionali nel campo nell’artigianato tessile, settore che sente la mancanza di un ricambio generazionale.

Sabato 9 Maggio 2015 dalle ore 16:00 alle ore 20:00 alla chiesa Santa Teresa di Pirri

Domenica 10 Maggio 2015 dalle ore 10:00 alle 20:00 presso Nuova piazza Lazzaretto, Sant’Elia

Share

Leave a comment.