Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 14, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Vinitaly 2018. A world wiNe passion. - Mediterranea

Vinitaly 2018. A world wiNe passion.
Maria Antonietta Angioi

Nel 1967, il 22 e il 23 settembre si svolgono nel palazzo della Gran Guardia le Giornate del Vino Italiano. È l’atto di nascita ufficiale di Vinitaly.

Il nome Vinitaly arriva nel 1971, la manifestazione diventa infatti, Vinitaly – Salone delle Attività Vitivinicole. Organizzata da Agriturist e guidata da Mario Soldati, si svolge l’asta dei vini pregiati, l’evento comincia ad ampliare i propri obiettivi.

Sono trascorsi oltre 50 anni dalle prime Giornate del Vino, oggi Vinitaly non è solo una famosa fiera internazionale, ma è anche un importante progetto per promuovere l’eccellenza dei vini italiani nel mondo.

A World wide passion; è questa la promessa della 52a edizione (15/18 aprile 2018), che conta 4200 espositori, 130.000 visitarori, concerti, incontri, tastings, wokshops, seminari ed eventi dedicati al mondo del vino e al suo abbinamento con il cibo.

L’edizione passata si è conclusa con 130 mila operatori provenienti da 140 nazioni, 4100 gli espositori da 30 Paesi, 50 mila le presenza straniere, 28 mila buyer accreditati dai mercati internazionali in aumento del 23% rispetto al 2015. Superando lo storico record di 100 mila metri quadrati netti espositivi, Vinitaly si è confermata la prima rassegna al mondo per superficie. Sono state, invece, 29 mila le presenze al fuori salone Vinitaly and the City, il fuori salone dedicato ai wine lover. Il circuito, che coinvolge spazi pubblici, musei e locali per cinque giorni di eventi all’insegna del vino, della musica e dell’intrattenimento e ha permesso di regalare tanti spunti utili per continuare a godere dell’atmosfera del Vinitaly anche nelle strade e piazze più belle di Verona.

Essere presenti al Vinitaly, oltre che un’opportunità per le singole aziende, rappresenta un importante occasione di promozione dell’intero comparto vitivinicolo e delle sue numerose varietà produttive legate ai territori, alla valorizzazione dei vitigni autoctoni e alla conquista di nuovi mercati e consumatori sempre più esigenti in fatto di qualità cibo/vino.

Per la 52ª edizione di Vinitaly, in linea con le esperienze precedenti, è prevista una crescita di espositori e visitatori, ed è stata pensata per permettere a produttori e operatori di amplificare al massimo le opportunità che si stanno delineando e per crearne di nuove.

Anche se mancano ancora diversi giorni all’inaugurazione ufficiale, le iniziative di Vinitaly sono già entrate nel vivo. Rimanete sintonizzati!

Invia un commento