Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 14, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

UNA GIORNALISTA SULLA VIA DEL VINO, DALLA CINA A VENEZIA

UNA GIORNALISTA SULLA VIA DEL VINO, DALLA CINA A VENEZIA
Redazione

La giornalista Alessandra Piubello è l’unica donna in Italia curatrice di una guida di vino, la Guida Oro I Vini di Veronelli, in presentazione venerdì 19 ottobre a Venezia. Ed è stata l’unica rappresentante femminile della stampa italiana invitata in Cinaper l’Asian Wine & Spirits The Silk Route.

ALESSANDRA PIUBELLO è l’UNICA GIORNALISTA ITALIANA CURATRICE DI UNA GUIDA VINI: la Guida Oro I Vini di Veronelli, edita dal Seminario Permanente Luigi Veronelli. L’edizione 2019 verrà presentata venerdì 19 ottobre a Venezia, alla Fondazione Giorgio Cini sull’Isola di San Giorgio Maggiore.

Alessandra Piubello è anche l’unica giornalista italiana del settore vino ad essere stata invitata in Cina per l’Asian Wine & Spirits The Silk Route – conference and competition, importante manifestazione internazionale dedicata ai vini orientali, svoltasi recentemente a Yinchuan, capitale della regione Ningxia. Chiamata a valutare i vini cinesi e asiatici in concorso (oltre 800), Piubello ha messo a frutto la pluriennale esperienza di giudice nei più importanti concorsi internazionali che si svolgono ogni anno in varie nazioni europee: un momento importante per i produttori di vino, che si mettono alla prova per avere indicazioni sui risultati ottenuti nelle ultime annate. Rientrata nei giorni scorsi, così racconta:

“È stata un’esperienza istruttiva e illuminante. I cinesi sono un popolo vivace che ha fame di imparare e confrontarsi. Si sente nell’aria un dinamismo che trasmette entusiasmo. Sono soprattutto le giovani donne ad amare il vino; rappresentano infatti la maggioranza dei wine-lover cinesi appassionati del bere bene, tutti fra i 18 e i 29 anni. È stata la mia seconda volta in Cina e ammetto di essere rimasta colpita dal grande lavoro che si sta compiendo nel mondo del vino. Dall’Europa è difficile realizzare come un territorio, che si è affacciato timidamente alla viticoltura con pochissimi produttori solo nel 1980, possa già vantare numeri così rilevanti: è il secondo vigneto per estensione al mondo (38.000 ettari), il settimo paese produttore e al quinto posto sia fra i paesi importatori che consumatori. Nel 2021 sarà addirittura il secondo paese importatore di vini per valore”.

Giornalista enogastronomica, Alessandra Piubello si è ricavata un profilo giornalistico unico a livello nazionale. Più di 20 testate si avvalgono la sua professionalità, fra periodici e riviste specializzate straniere fra le quali Decanter, Vitisphere, Sommelier India, Spirito diVino Asia; fra le italiane, Spirito diVino Italia, Cucina&Vini, Bubble’s, Artù e molte altre (vedi elenco completo sotto). Numerosi anni di lavoro quale degustatrice per guide di vini e birre, come le Guide Slow Wine e Birre d’Italia edite da Slow Food, nonché I Vini d’Italia de L’Espresso, le hanno permesso di accrescere ulteriormente le sue competenze (supportate da studi continui e corsi come AIS, WSET e all’Università di Bordeaux), in questo mondo che ancora parla molto al maschile.

Un lavoro che scaturisce da una passione. E non potrebbe essere altrimenti, dato che ogni anno i vini degustati da Alessandra raggiungono i 2.000 in media al mese, la gran parte alla cieca (ovvero ad etichette coperte). E oltre al vino c’è l’alta ristorazione; Alessandra entra nelle cucine dei migliori ristoranti italiani, stellati ma non solo, per la Guida I ristoranti d’Italia, firmata L’Espresso; ma anche per altre riviste specializzate quali per esempio Cook_inc., magazine di alta cucina che proprio in Cina ha vinto la finale del Gourmand Cook Book Awards, aggiudicandosi il premio Best Print Food Magazine.

“La passione totalizzante, la dedizione, l’abnegazione e l’estremo rispetto per i valori di chi si impegna seriamente come me nel lavoro, sono elementi per me imprescindibili. La mia vita è visceralmente ed esclusivamente dedicata al giornalismo e alla degustazione professionale, anche se per questo non esistono giorni di riposo o vacanze. Quando si ama una professione come la amo io, pur con le innumerevoli difficoltà e frustrazioni che accadono ogni giorno per la “miopia” di molti e per la crisi del settore dell’editoria, diventa una scelta di vita, consapevole e trascinante per l’energia inesauribile che sprona a cercare sempre e ad andare oltre le apparenze”.

Alessandra Piubello

Attualmente direttrice responsabile di Queen International e Prince. Ha in corso collaborazioni con 20 testate fra periodici e riviste specializzate straniere e italiane, cartacee e web: Decanter, Vitisphere, Sommelier India, Wine Picker, Spirito diVino (Italia e Asia), Winenews, Pambianco wine&food, Cook_inc., Cucina&Vini, Bubble’s, Artù, Livein Magazine, Sommelier Veneto, Barolo & Co., Euposia, James, The Italian Wine Journal, Eatranks. Nel 2019 lancerà un magazine online, Spirits of life, nel quale coniugherà passione e professione,scrivendo non solo di vino ma anche di cucina, hôtellerie, piccoli produttori dei nostri giacimenti gastronomici, viaggi “gustosi”, birra, libri, sigari, mostre, cinema, interviste con personaggi del vero made in Italy. Scrive per la guida I ristoranti d’Italia de L’Espresso e per Birre d’Italia di Slow Food. Firma insieme a Gigi Brozzoni e Marco Magnoli la Guida Oro I Vini di Veronelli, la prima guida di vini nata in Italia. È autrice di libri e giudice nei più importanti concorsi internazionali (Decanter, Mondial de Bruxelles, Mondial des Pinots, Vinalies Internationales, Mundus Vini e altri). Inoltre ha ricevuto, fra le altre, l’investitura dell’Ordine dei Cavalieri dei vini e del tartufo d’Alba, quella dell’Imperial Castellania di Suavia.

Fa parte delle seguenti associazioni professionali internazionali e nazionali: Circle of Wine Writer (CWW), Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains des Vins et Spiritueux (FIJEV), Associazione Stampa Agroalimentare (ASA), Associazione Italiana Sommelier (AIS), Donne del Vino, Accademia Italiana della Cucina, Gruppo Italiano Stampa Turistica (GIST).

Invia un commento