Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 19, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Ultimo appuntamento con Puntodivista Film Festival - Mediterranea

Ultimo appuntamento con Puntodivista Film Festival
Redazione

Lunedì 5 dicembre l’ottavo e ultimo appuntamento del Puntodivista Film Festival. A partire dalle ore 20.00 le proiezioni e le premiazioni dei cortometraggi vincitori e a seguire il gran finale tra i più attesi in compagnia di uno dei più grandi artisti italiani: Marco Baliani. Attore, autore e regista, figura eclettica e complessa del teatro italiano il cui percorso di ricerca ha dato vita al teatro di narrazione (nel 1989 con lo spettacolo Kohlhaas) di cui oggi è uno dei massimi esponenti insieme a Marco Paolini e Ascanio Celestini, porterà sul palcoscenico del Teatro Adriano di Cagliari il racconto della sua vita d’attore, tra cinema e teatro.

A condurre il dialogo con Baliani spetterà come sempre ad Andrea Frailis, tra le suggestive interazioni musicali di Max De Aloe, migliore jazzista 2014 per la rivista specializzata Jazz It e quest’anno Orpheus Award 2016 (premio della critica, dedicato alle produzioni discografiche per fisarmonica). Il musicista gallaratese, tra i più brillanti armonicisti jazz a livello europeo, porterà un repertorio di brani originali e non solo, eseguiti con i suoi strumenti inseparabili: armonica cromatica, fisarmonica, piano, live electronics. In sala saranno presenti anche gli autori, gli attori e i registi, dei cortometraggi vincitori della nona edizione del Festival Concorso Itinerante Internazionale di Cinematografia. L’ingresso al Teatro Adriano di Cagliari prevede serata con degustazione.

Info biglietti e prenotazioni

Il PuntoDiVista Film Festival Itinerante farà tappa anche a Donori con le proiezioni dei cortometraggi finalisti in concorso il 3 e il 4 dicembre nella sala Ex Montegranatico, alle ore 18.00.

Marco Baliani

Attore, autore e regista, ha sperimentato, assieme a Maria Maglietta, drammaturgie epico-corali realizzando duversi spettacoli tra cui Come gocce di una fiumana (premio IDI per la regia), o Antigone delle città, spettacolo di impegno civile sulla strage di Bologna del 2 agosto, o ancora dirigendo progetti come I Porti del Mediterraneo con attori provenienti da diversi paesi dell’area mediterranea. Scrive e interpreta Francesco a testa in giù sulla vita di San Francesco nel 1999, Pinocchio Nero e L’amore buono.

Attore anche cinematografico diretto da Francesca Archibugi, Roberto Andò, Saverio Costanzo, Cristina Comencini e Mario Martone. Ha pubblicato anche romanziracconti e saggi, tra cui: Ho cavalcato in groppa ad una sedia (Titivillus edizioni) e per la Rizzoli Corpo di stato, Pinocchio Nero, L’Amore Buono, Nel Regno di Acilia, La metà di Sophia, e L’occasione. Tra i lavori più recenti, la regia e la scrittura del testo per lo spettacolo Decamerone. Vizi virtù passionie Giocando con Orlando (anche interprete) con Stefano Accorsi. Come attore e autore, insieme a Maria Maglietta, ha realizzato lo spettacolo Identità. Negli ultimi due anni ha firmato come autore librettista e regista le opere liriche contemporanee Il sogno di una cosa e Corpi eretici, su musiche di Mauro Montalbetti. Nel 2015, nella ricorrenza del centenario del primo conflitto mondiale, è protagonista dello spettacolo Trincea. Tra i suoi lavori più recenti, la regia e la scrittura del testo per lo spettacolo “Decamerone”, e il progetto “Human”, dal tema del dramma delle migrazioni e <<dalla volontà di raccontarne l'”odissea ribaltata”>>, in tournèe in questi giorni nei principali teatri italiani.

Max De Aloe

È considerato uno tra i più grandi armonicisti jazz a livello europeo. Al suo attivo ha dodici album pubblicati da leader e circa una trentina come ospite, oltre alle colonne sonore per opere teatrali e documentari, e diverse collaborazioni con poeti, scrittori, registi e attori. Su tutti Lella Costa, Oliviero Beha e Paolo Nori.
Borderline (2014) è il nuovo progetto discografico per il suo affiatatissimo quartetto. Musica che interroga artisti, pittori, musicisti spesso sospesi tra normalità e follia. Brani originali che trovano ispirazione nei quadri di artisti come Adolf Wölfli e Carlo Zinelli che hanno iniziato a dipingere proprio durante la loro degenza in ospedale psichiatrici.
Tutte le serate sono con degustazione. Ingresso: intero € 15,00 – ridotto € 8,00. Visto il numero di posti limitati si consiglia la prenotazione tramite gli indirizzi e-mail: artinscena@gmail.cominfo@artinproduzioni.it

Invia un commento