Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 16, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

"Ultimi fuochi": una dedica in versi per la strage di Nizza - Mediterranea

Cristina Delunas

La Francia colpita a morte, ancora, il 14 luglio 2016 Nizza dopo Charlie Hebdo e Parigi, 230 le vittime, centinaia i feriti. Non solo, 12 anni di stragi in Europa da Madrid a Bruxelles in un’onda di terrore senza logica, una guerra in nome di una cultura della morte che non risparmia nessuno. Fra le vittime tanti bambini, 10 a Nizza, e altri in fin di vita. La notizia sui media commuove il mondo fra la rabbia di essere inermi di fronte alla crudeltà senza limiti di un oscuro nemico e arriva dritta al cuore. Ci sono cuori che piangono in silenzio e altri che attraverso l’arte riescono a esprimere il sentimento.

Lalla De Angelis, poeta in ascesa, ha voluto dedicare i suoi versi a quei bambini morti in una giornata di festa.

ULTIMI FUOCHI

Naso in su
Occhi verso un cielo acceso di colori
Un numero per te sul calendario
È festa intorno.

Naso in su
Occhi verso un futuro di colori spenti
Corsa
Verso ultimi fuochi accesi
Nel tuo orizzonte.

Non hai visto.
Non hai sentito.
Niente, senti ora.

Naso in giù occhi spalancati.
Grigio sporco l’asfalto livido.
Nessun angolo di cielo a farti luce.

Scivola nel buio
L’ultimo fuoco di vita
Spento nei tuoi occhi.

Lalla De Angelis nasce a Ragusa nel 1962, avvocato di professione si dedica sin da bambina alla scrittura in tutte le sue forme. Poeta nell’animo ha pubblicato nel 2015 Quaderno di poesie, Qualcuno infine, un libro che raccoglie versi dedicati all’amore, un amore per la vita e per il mare che muta al mutare delle stagioni. In vetta alle classifiche di prestigiosi concorsi nazionali quali Il giro d’Italia delle poesie in cornice, Fili di poesia, Fili di parole, Carta bianca, Pro-esia Lalla De Angelis ha vinto, lo scorso giugno con Nuvola di mare, il concorso Carta bianca patrocinato dai comuni di Cagliari e Decimomannu imponendosi sui 212 partecipanti provenienti da tutta la penisola.”

“Questo fatto così crudele mi ha profondamente colpita, un’emozione fortissima, che trova in me lo sfogo nella poesia” sono le parole dell’artista che lascia la sua testimonianza di un dolore senza fine per la Francia, per il Mondo, per tutti noi.

Invia un commento