Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 14, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Time in Jazz 2014, "Piedi" - Mediterranea

Time in Jazz 2014, “Piedi”
Sabina Murru
  • Il 28 agosto 2014
  • http://www.sabinamurru.wordpress.com

“Avere i piedi per terra…

Non c’è detto più valido e attuale, soprattutto in questo momento di profonda crisi. Significa essere capaci di guardare la realtà con concretezza, senza grilli per la testa e contando solo sulle proprie certezze. Noi uomini di campagna abbiamo ricevuto questo insegnamento dai nostri padri, ma è stato condiviso da tutte le categorie sociali dell’Italia post bellica, sia nel Nord che nel Sud del Paese. “Avere i piedi a terra” significava fare un passo alla volta, tastando la consistenza del terreno, per poterne fare un altro, senza assistere allo sgretolarsi di ciò che si stava costruendo. Come per il pellegrino alla ricerca della fede, il viaggio non è solo metafora della condizione umana, ma bensì una “condizione giuridica”, sancita da una messa solennissima con la benedizione del bordone e della bisaccia del viandante, così il “piede”, tema del nostro festival, diventa non solo la traccia del nostro passaggio, ma la molla che dà la spinta necessaria per spiccare il salto verso l’ignoto. Per librarci nell’aria o per immergerci nel mare della conoscenza.
In questo 2014, mettiamo in relazione il nostro bisogno di scavare negli idiomi contemporanei con la necessità di trovare un nesso tra la storia e un festival che, da sempre, si interroga sul proprio tempo. Per dirla alla Erri De Luca, “l’elogiare i piedi non è altro che il bisogno di conoscere meglio il prossimo e il suo mondo “.

Paolo Fresu

Ho voluto aprire questa mia  galleria fotografica sul Time in Jazz di quest’anno con le parole di Paolo Fresu, il Festival di Berchidda, famoso in tutto il mondo, fiore all’occhiello della Sardegna in note, giunge alla sua ventisettesima edizione, affondando gli strumenti nelle nostre radici: i Piedi.

La particolarità di questo straordinario evento è il collimarsi della musica con il territorio. La continua scoperta di location in piena natura dona al tutto un gusto particolare, tanto quasi da farti diventare antipatiche le seggiole dell’arena, la notte per l’ultimo spettacolo. Piedi, i nostri piedi sono il tema principale, e non possiamo dire che Paolo non ce li ha fatti usare: abbiamo scarpinato e fatto un sacco di chilometri da una location all’altra, abbiamo goduto con gli occhi, con il cuore e con la mente delle opere di musicisti straordinari. Il Time in Jazz è un posto magico, è un mondo a parte, una dimensione eccelsa nel caos che nel quotidiano ci assedia.

Questo è stato il mio Time in Jazz. Buona Visione

Sabina Murru

Julian Mazzariello Torre di San Giovanni Posada

 

Fabrizio Bosso Torre di San Giovanni Posada

Julian Mazzariello e Fabrizio Bosso performance Shuffle Torre di San Giovanni Posada

Paolo Fresu con il figlio in mezzo al pubblico

La naturalezza, la gentilezza e l’umanità di quest’uomo traspaiono senza ombra di dubbio dal suo modo di approcciarsi a tutti, sempre disponibile, sempre gentile e sempre attivissimo nei riguardi dei musicisti, dello staff e di tutto il pubblico

il Time in Jazz è anche questo ascoltare in silenzio, spesso ad occhi chiusi, brani dove il suono degli strumenti si confondono e si mischiano con il rumore del mare, con gli uccellini che cinguettano, la natura e la musica…una mescolanza perfetta

la tromba del grandissimo Fabrizio Bosso

il bis con Fabrizio Bosso che suonava camminando in mezzo al numeroso pubblico

Margarita Klurfan e Walter Cardozo in Tango Sottile Pineta di Sant’Anna Budoni

piccole future musiciste crescono

Walter Cardozo e i suoi “piedi” magici

i bambini sono stati una presenza importante quest’anno

la concentrazione di Walter Cardozo

Time in Jazz 6794 Manuel Cardozo e Margarita Klurfan

Manuel Cardozo e Margarita Klurfan si preparano sul palco per l’esibizione del loro Tango Sottile

Leonardo Sapere al violoncello

Tango Sottile

Tango Sottile

Leonardo Sapere

Paolo Fresu

Time in Jazz 6825Time in Jazz 6861Time in Jazz 6865Time in Jazz 6879Time in Jazz 6884Time in Jazz 6891Time in Jazz 6893Time in Jazz 6910Time in Jazz 6924Time in Jazz 6964Time in Jazz 6965Time in Jazz 6967Time in Jazz 7030Time in Jazz 7038Time in Jazz 7067Time in Jazz 7089Time in Jazz 7097Time in Jazz 7100Time in Jazz 7113Time in Jazz 7119Time in Jazz 7125Time in Jazz 7156Time in Jazz 7250Time in Jazz 7285Time in Jazz 7266Time in Jazz 7310Time in Jazz 7360Time in Jazz 7371Time in Jazz 7395Time in Jazz 7396Time in Jazz 7426Time in Jazz 7417Time in Jazz 7452Time in Jazz 7499Time in Jazz 7482Time in Jazz 7486Time in Jazz 7491

Invia un commento