Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 16, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Si è conclusa con grande successo l'XI edizione del Festival del cortometraggio mediterraneo "Passaggi d'Autore: Intrecci mediterranei" - Mediterranea

Redazione

«Il Mediterraneo…sono delle strade. Strade per mare e per terra. Collegate. Strade e città. Grandi, piccole. Si tengono tutte per mano. Il Cairo e Marsiglia, Genova e Beirut, Istanbul e Tangeri, Tunisi e Napoli, Barcellona e Alessandria, Palermo e… » (Jean-Claude Izzo, Marinai perduti)locandina 2015

Chiude il sipario sull’undicesima edizione del Festival del cortometraggio mediterraneo, con un bilancio molto positivo. Una lunghissima giornata conclusiva, piena di emozioni che hanno coinvolto il pubblico ma anche i registi che hanno presentato con orgoglio i loro film! 

La giornata conclusiva del festival è stata molto corposa: alle 11:00, Viaggio musicale tra le sonorità mediterranee. Performance del duo Kairos presso la Sala Mostre del Palazzo del Capitolo. Piazza de Gasperi, Sant’Antioco. Il pomeriggio la proiezione del cortometraggio “Lisabetta da Messina” realizzato dagli studenti della classe IV, Liceo Scientifico – Indirizzo Artistico di Sant’Antioco, nell’ambito del laboratorio “How to make a short film”.

La sera Intrecci mediterranei, otto film che hanno concluso la festa del cinema mediterraneo a Sant’Antioco. Tutti film di eccezionale qualità, da più punti di vista. Un scrittura più complessa, capace di racchiudere in pochi minuti una storia compiuta, oppure capace di lanciare un seguito per altri film. Una fotografia grandiosa come nei film più marcatamente immaginifici del festival,Persefone di Grazia Tricarico e la bellezza emozionante di Sinuaria del regista sulcitano Roberto Carta, presente in sala ed emozionatissimo nel raccontare i successi del suo lavoro. Film candidato al David di Donatello 2015 come miglior film; vincitore del concorso AViSa 2013, insieme ad altri numerosi premi. “Un lavoro che non avrei mai immaginato di presentare in così tanti festival e di ricevere altrettanti importanti riconoscimenti. Nato con tante speranze, come quella di poter lavorare in un parco naturale con tutte le difficoltà del caso: vivere per tutto il tempo delle riprese all’Asinara, un’isola abbandonata e completamente fuori dal mondo. E’ stata per tutta la troupe un’esperienza umana oltreché artistica”, racconta Roberto Carta ad una sala strapiena che non ha risparmiato applausi.

Qualità nella produzione come il fantastico lavoro di science fiction Zero del regista spagnolo David Victori. Da un cortometraggio è nata una serie di quattro episodi prodotta per il web, vincitore di una competizione internazionale con oltre 15 mila film, promossa da Youtube con la supervisione del regista Ridley Scott e Michael Fassbender. L’esempio plastico che il cortometraggio rappresenta il futuro del cinema e il web lo strumento ideale. Una produzione americana, con strumenti e ambizioni che vanno molto oltre il normale percorso di un cortometraggio.
La comicità e il ritmo di recitazione di Sous les soutanes, prima nazionale a Sant’Antioco (premiato al festival Cinemed di Montpellier), un film che ricorda tanta tradizione cinematografica francese, ma che il regista libanese Michel Zarazir dice di non aver mai visto. Quasi fosse una sorta di DNA mediterraneo che si diffonde senza confini.
Da segnalare il lavoro della regista israeliana Leeron Revah, felicissima di presentare in SardegnaNo free lunch (premiato all’Haifa International Film Festival, Clermont Ferrand Film Festival).

Un’edizione che ha visto l’appassionata partecipazione di tanti ragazzi. Quest’anno molti laboratori che hanno forse dato la nascita a nuovi critici cinematografici, esperti di social media o possibili registi. Tutto questo è possibile grazie alla fiducia delle Istituzioni, e ad un lavoro incessante di ricerca dei migliori film in giro per tutto il Mediterraneo, e ogni anno diventa più facile scoprire talenti eccezionali. Ogni stagione Sant’Antioco vive una bellissima atmosfera internazionale, dove artisti di ogni lingua dialogano in nome della cultura mediterranea.

Il Festival del cortometraggio mediterraneo è organizzato dal Circolo del cinema Immagini (FICC), con il contributo del MIBAC Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Cinema; RAS – Assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio; RAS – Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport; Comune di Sant’Antioco – Assessorato al Turismo, Spettacolo e Cultura; Fondazione Banco di Sardegna.

Circolo del cinema Immagini

Per informazioni

tel: 328 9576482

mail:info@passaggidautore.it

http://www.passaggidautore.it

Pagina Facebook

Twitter

Media partner www.mediterraneaonline.eu www.affaritaliani.itwww.radiox.itwww.unicaradio.itwww.ejatv.com

Invia un commento