Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 10, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

"Morire a Mattmark. L'ultima tragedia dell'emigrazione italiana", uscito per Donzelli il libro di Toni Ricciardi - Mediterranea

Redazione

E’ uscito da alcune settimane per l’editore Donzelli, un importante libro che racconta la tragedia di Mattmark, in Svizzera, in cui morirono 56 italiani (tra cui 3 sardi), avvenuta nel 1965.

tragedia immigrati italiani svizzeraDopo 50 anni, rappresenta uno degli unici lavori su questa catastrofe, particolare perché ha unito i migranti italiani agli svizzeri. Una testimonianza di estrema importanza, oggi più che mai, per una visione pacifica di convivenza tra cittadini autoctoni e stranieri. Il libro di Toni Ricciardi, storico delle migrazioni presso l’Università di Ginevra, usa questa storia dimenticata (meno famosa della tragedia di Marcinelle), per affrontare le difficoltà universali che le migrazioni comportano. Ricordiamo che in tutto il pianeta si spostano ogni anno centinaia di milioni di persone.

Scheda del libro

A Mattmark non ci si fermava mai, si lavorava giorno e notte per costruire un’imponente diga capace di produrre l’energia necessaria a un paese, la Svizzera, che stava vivendo una crescita economica senza precedenti. Nel cantiere lavoravano più di mille persone, in maggioranza straniere e provenienti soprattutto dalla provincia italiana. La «piccola» Svizzera accoglieva da sola quasi il 50 per cento dell’intero flusso migratorio italiano, dando occupazione a operai impegnati in grandi opere, come la diga di Mattmark. Ma il 30 agosto 1965, in pochi secondi, accadde l’irreparabile: «Niente rumore. Solo, un vento terribile e i miei compagni volavano come farfalle. Poi ci fu un gran boato, e la fine. Autocarri e bulldozer scaraventati lontano». A parlare è uno dei sopravvissuti intervistati nel libro, uno dei testimoni della valanga di più di 2 milioni di metri cubi di ghiaccio che seppellì 88 lavoratori. Di questi, 56 erano italiani. Come a Marcinelle, la tragedia rappresentò una cesura nella lunga e travagliata storia dell’emigrazione italiana, segnando un punto di non ritorno. Inoltre, suscitò molto scalpore in tutta Europa: per la prima volta, stranieri e svizzeri morivano l’uno a fianco all’altro. Nei giorni successivi si scavò senza sosta con la speranza di trovare ancora vivi amici, padri, fratelli, figli. Ci vollero più di sei mesi per recuperare i resti dell’ultima salma. Questa storia si concluse nel modo peggiore: i tempi dell’inchiesta furono lunghissimi, oltre sei anni, e i diciassette imputati chiamati a rispondere dell’accusa di omicidio colposo furono tutti assolti, nonostante l’instabilità del ghiacciaio fosse nota da secoli. In appello andò anche peggio, con la conferma dell’assoluzione e la condanna dei familiari delle vittime al pagamento delle spese processuali. L’oblio nel quale è caduta la catastrofe fa parlare di Mattmark come di una «Marcinelle dimenticata». Questo volume, a cinquant’anni di distanza, sfida quell’oblio attraverso una ricostruzione, attenta e documentata, di quanto avvenne.

Invia un commento