Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 17, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Matrimonio mediterraneo - Mediterranea

Matrimonio mediterraneo
Gianmarco Murru

La fortuna di fare questo mestiere è quella di imparare continuamente cose nuove, da molti punti di vista, e sto parlando nello specifico del nostro giornale!

Maggio e i matrimoni. Primavera che accoglie l’estate, l’allegria e il riposo che si avvicinano. Una serie di buoni presagi accompagnano questo periodo. Il tema del matrimonio però, è dedicato a quello vero della nostra redattrice Claudia Zedda che a maggio è convolata a nozze, per cui gli auguri da tutta la redazione mediterranea!

Il matrimonio, è una pratica antichissima, diffusa in tutto il Mediterraneo come unico fondamento della famiglia e quindi della società. Potremmo immaginare molti mondi sociali, ma difficilmente uno senza la concretezza di una unione familiare. Unione e nucleo familiare che ognuno crea come sente meglio: unioni, cosiddette “di fatto”; unioni omosessuali, unioni tradizionali, unioni moderne, originali senza vincoli contrattuali, con contratto specifico, unioni religiose o civili, o laiche. Unioni che si desiderano e che creano una piccola comunità, che può con gli anni diventare enorme, se pensiamo agli antichi clan oppure ad abitudini di certe sette religiose protestanti.

Il matrimonio è desiderio di molti. Abbiamo scritto di molti aspetti che riguardano il matrimonio mediterraneo, ma che per certi versi si può considerare universale. Uno degli aspetti fondamentali è quello della parità giuridica dell’uomo e della donna nei confronti dello Stato, e in qualche modo della società. Su questo versante ci sono paesi che hanno legiferato bene, o che stanno iniziando un percorso interessante come il Marocco o la Turchia. Ma la politica è fatta di uomini e donne che provengono dalla società, e sono condizionati più dalla loro provenienza che dai progetti per il futuro. Così si rimane molte volte a difendere diritti antichi, e antichi privilegi. Una costante che non cambia quasi mai, in qualsiasi latitudine…

La politica dovrebbe anche favorire la creazione di nuovi nuclei familiari, attraverso incentivi e leggi adeguate alle esigenze della contemporaneità. L’Italia sta perdendo continuamente terreno, si dice che sia il paese della famiglia, ma si fa poco o nulla per difenderla. Si perde tempo nella definizione della famiglia “perfetta”, e ognuno, si sa, ha la sua concezione assoluta! La famiglia però, è un altro tema, non sempre legato alla pratica del matrimonio.

L’economia. Uno degli aspetti che ritroviamo in molti paesi del Mediterraneo è la stipulazione di un contratto matrimoniale. Un modo per tutelare gli interessi delle due famiglie di provenienza in certi casi, in altri un modo per difendere l’uomo e la donna da se stessi… In ogni caso necessario in vista di una futura separazione.

I sapori. I matrimoni riusciti sono pochi ma buoni, Ad esempio i matrimoni del gusto, l’unione “di fatto” tra il cibo e il vino. Ci sono storie, manuali, romanzi e intere enciclopedie che descrivono minuziosamente come dev’essere questo matrimonio. Ma abbiamo anche l’esperienza e la sperimentazione, l’avventura del gusto, l’approccio e magari il rifiuto. Non sempre gli amanti si riconoscono a primo assaggio, dev’essere a volte una conoscenza lenta, direi mediterranea tra i cibi e i vini. Amanti che oramai fanno coppia fissa…

I viaggi. Ci sono i viaggi di nozze, e ci sono i viaggi che permettono di vedere altre culture e altre nozze. La penisola arabica, il Qatar, Doha. Clima mediterraneo, usanze arabe tradizionali (che ritroviamo anche in Tunisia ad esempio), contesto modernissimo. Una serie di abitudini e costumi che affascinano e rapiscono il visitatore.

Il matrimonio è un mondo che include molto più di due persone. Include due mondi, due culture, a volte due lingue. Si incontrano due famiglie, un fatto molto importante nel passato per la creazione di gruppi sociali più forti. Il matrimonio è sempre stato un metodo di acquisire potere e controllo. Ci sono ancora retaggi di una tradizione che vuole che siano le famiglie a decidere l’unione, a scegliere lo sposo per la propria figlia, a considerare la donna come un affare da piazzare al migliore offerente. Tradizioni assurde, che lentamente si superano per affacciarsi al mondo della libera scelta.

La definizione del matrimonio è strettamente connessa alla cultura cui si riferisce, e al periodo storico in cui si vive.

Buona lettura!

Invia un commento