Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 16, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

"Made in Sardinia-Canne al vento" al XIX Festival internazionale di musica da camera - Mediterranea

“Made in Sardinia-Canne al vento” al XIX Festival internazionale di musica da camera
Redazione

Domenica “Made in Sardinia: Canne al vento” chiude il sipario sul XIX Festival internazionale di musica da Camera
Sul palco Simeone Latini, Gavino Murgia, Fabio Furìa e Walter Agus
Firma le musiche Matteo Martis

Si chiude con una serata che vedrà protagonisti alcuni tra i musicisti più rappresentativi della scena sarda nel mondo la XIX edizione del Festival internazionale di musica da camera, organizzato a Iglesias dall’associazione culturale Anton Stadler.

Domenica 17 dicembre alle 19 nello storico Teatro Electra va in scena “Made in Sardinia: Canne al vento”, l’anteprima assoluta della nuova produzione firmata Anton Stadler. Saranno sul palco il sassofonista Gavino Murgia, il bandoneonista Fabio Furìa e il pianista Walter Agus, mentre le musiche originali (una suite per bandoneon e sax soprano, scritta apposta per l’occasione) portano la firma di Matteo Martis. In scena, per un omaggio dedicato a Grazia Deledda, nel 90esimo anniversario della consegna del Nobel per la letteratura, ci sarà anche l’attore Simeone Latini.

La serata proporrà uno spettacolo trasversale, frutto dell’incontro tra linguaggi musicali ed espressioni artistiche diversi: è la Sardegna raccontata attraverso le note del jazz e i ritmi trascinanti del tango, sino alle sonorità quasi da film hollywoodiano delle composizioni di Matteo Martis.

A fare da corollario alla parte musicale, è poi un omaggio a Grazia Deledda con le parole del suo romanzo più celebre, “Canne al vento”, recitate da Simeone Latini mentre scorrono sullo schermo le immagini dell’omonimo sceneggiato del 1958, diretto da Mario Landi, e alcune sequenze del film muto “Cenere” (1916), diretto da Febo Mari, con Eleonora Duse.

Biglietti. Il costo del biglietto di 15 euro.

Informazioni: cell. 342 5805156; sito internet www.associazioneantonstadler.com, mail. infoantonstadler@gmail.com. Pagina Fb: Anton Stadler Iglesias.

Contributi e collaborazioni. Il festival internazionale di musica da camera è realizzato con il contributo di: Regione autonoma della Sardegna, Fondazione di Sardegna, Comune di Iglesias, Parco geominerario storico e ambientale della Sardegna, Euralcoop-Conad.

Walter Agus Compie i suoi studi musicali presso il Conservatorio di Musica P.L. da Palestrina diplomandosi, nel 1993, con il massimo dei voti e menzione di lode. La sua passione e la curiosità per la musica lo portano ad intraprendere, contemporaneamente, uno studio più attento delle forme e della struttura musicale (studiando composizione con il M° G. Cartocci) e la direzione di coro, diplomandosi successivamente sotto la guida di A. Galterio. Nel corso della propria attività concertistica si esibisce come solista e in gruppi cameristici, dal duo al quintetto, con l’Orchestra del Conservatorio di Cagliari e Pescara, con l’Orchestra Giovanile Santa Cecilia di Roma della Rai e riscuotendo, sia dalla critica che dal pubblico, numerosi consensi. Nel 1990 vince il concorso “Coppa Pianisti d’Italia” (Osimo, Ancona); nel 2011 si aggiudica il II° posto al concorso Internazionale pianistico “Premio S. Rachmaninoff”. Nel 1993 frequenta il corso di Alto Perfezionamento presso l’Accademia Musicale Pescarese sotto la guida del M° M. Marvulli. Nello stesso anno, prima a Pescara e poi a Roma, partecipa a numerosi concerti sia da solista che con l’orchestra. Nel 2006 è direttore del coro Collegium Karalitanum e frequenta la prestigiosa scuola di alto perfezionamento presso l’Ecole Normale di Parigi
con il M° J.M.Luisada.
Tiene dei concerti alla Salle Cortot e alla Sala Yamaha di Parigi, al Festival dell’Orangerie de Sceauxi, alla sala concerti Megaro Moussikis Athnio di Atene e al ZwingliKirche di Zurigo. Da circa un anno collabora in duo con il musicista di fama internazionale Fabio Furìa, esibendosi in palcoscenici di grande rilevanza nel panorama artistico musicale internazionale come il Theatre du Balcon di Avignone e il salone concerti dell’Accademia Tadini di Lovere. Dal 2012 anni è docente di pianoforte presso la Scuola Media ad indirizzo musicale di Villasor e la Scuola Civica di Musica di Quartu Sant’Elena.

Fabio Furìa. Considerato dalla critica uno dei migliori bandoneonisti d’Europa, la sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo nelle più importanti sale da concerto. Molto apprezzato a livello internazionale, il suo talento è noto a numerose istituzioni e festival musicali, nazionali ed internazionali.
Ha collaborato con prestigiosi musicisti ed ensemble, e si è esibito come solista in tutto il mondo. È fondatore e solista dei “ContraMilonga” con il quale si esibisce il tutto il mondo.
Inizia lo studio di pianoforte e fisarmonica classica all’età di sette anni; all’età di sedici anni studia clarinetto al Conservatorio di Cagliari diplomandosi, con il massimo dei voti, in soli quattro anni, sotto la guida del M° Roberto Gander.
E’, inoltre, ideatore di importanti rassegne musicali quali: Festival Internazionale di Musica da Camera, Colori & Note, Festival ARTango e Carignano Music Experience.

Simeone Latini. Attore, regista e drammaturgo cagliaritano. Nel 1990 è attor giovane dell’attuale Teatro Stabile di Sardegna. Dopo alcuni anni di esperienza in tutti i teatri dell’isola, si trasferisce a Roma, dove rimarrà per quasi dieci anni, alternando esperienze televisive in Rai e Mediaset ad un’intensa attività sul palco, nei più prestigiosi teatri italiani. Importante anche la sua esperienza all’estero. Esaurita l’esperienza romana si trasferisce a Londra, divenendo voce ufficiale di National Geographic Channel e della FAO, ed entrando in contatto con le principali compagnie di Teatro britanniche. Dal 2003 è in Sardegna, dove ha avviato fruttuose collaborazioni con le principali realtà teatrali sarde, come attore, protagonista di numerose produzioni, e regista. Attività che svolge anche in ambito cinematografico nazionale, come autore e regista di cortometraggi pluripremiati, in tutta Europa.

Matteo Martis è nato a Cagliari il 15 Ottobre 1979. Inizia lo studio della musica a 8 anni. Nel 1999 a Firenze si specializza in direzione d’orchestra con il maestro Piero Bellugi. Nel 2000 vince la Borsa di studio della Regione Sardegna per la sezione musica, che gli ha permesso di specializzarsi in direzione di coro presso l’Accademia Internazionale delle Arti a Roma.

Nel 2007 vince la prestigiosa Borsa di studio della New York University come unico rappresentante europeo, grazie alla quale frequenta il master specialistico in Scrittura e Composizione per Teatro Musicale presso la New York University – Tisch School of the Arts, di New York, laureandosi nel 2009. Le sue composizioni, presenti anche nella Bibliotheque Internationale de Musique Contemporaine di Parigi e nella Musical Theatre Library della New York University, variano dalla musica per il teatro ai pezzi per coro, per orchestra, e colonne sonore. Contemporaneamente affianca l’attività di concertista solista e con altri musicisti in Italia e all’estero, ottenendo ovunque un ottimo successo di pubblico e critica.

Nel 1997 fonda la compagnia teatrale IL CAVALIERE AZZURRO. Nel 2006 è stato direttore del coro polifonico del Centro Universitario Musicale di Cagliari. Dal 2007 è titolare di cattedra presso l’Istituto Comprensivo di Dolianova (Cagliari) come docente specialista di Teatro e Musica nella scuola primaria. Dal 2012 insegna allo IED (Istituto Europeo di Design) come docente di Semiotica dell’Arte, con particolare riferimento al musical e al teatro musicale. Dal 2007, anno in cui si è trasferito a New York, ha collaborato con il New York City Center, lo storico teatro di New York sede storica dell’attività direttoriale e didattica di Leonard Bernstein. Nel Maggio 2008 ha debuttato al teatro LaMama di Broadway (New York) come autore e performer. Nel novembre 2008 a New York, ha affiancato il compositore premio Oscar Stephen Schwartz (autore delle colonne sonore dei film Pochaontas, Il Principe d’Egitto, Come d’Incanto, e del musical pluri-premiato di Broadway “Wicked”) come assistente di produzione della sua nuova Opera “Seance on a Wet Afternoon”.

Matteo Martis ha al suo attivo la composizione e produzione esecutiva di tre musical originali, e lavora tuttora alla realizzazione di due musical per la città di New York.

Nel febbraio 2012, con una presentazione sotto forma di reading, inizia la produzione del suo ultimo spettacolo musicale Giovanna D’Arco di cui è autore delle musiche e co-autore dei testi insieme a Manuel Cossu. Nel 2014 ha scritto i due poemi sinfonici per banda sinfonica: “Il Telaio D’Oro”, dedicato alla sassofonista Alda Dalle Lucche ed ispirato al mito delle Janas, fate che popolano le leggende sarde, e “Syberia” ispirato al celebre videogame ideato da Benoit Sokal.

Nel 2015 ha scritto la colonna sonora del cortometraggio “Alba delle Janas” diretto da Daniele Pagella e prodotto da Muvis, che ha ottenuto la menzione speciale al Festival Visioni Italiane di Bologna. Nello stesso anno scrive il suo primo romanzo “Anime stanche” che risulta tra le uniche tre opere selezionate in Sardegna per la fase finale del premio letterario “La Giara” della Rai nell’edizione 2016.

Nel 2016 ha scritto “Underworld”, poema sinfonico per banda sinfonica ispirato all’Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri, commissionato dalla Banda Musicale Monastir.

Nel 2017 scrive la colonna sonora per il cortometraggio “Nausicaa – l’altra Odissea”, un film disegnato, con la regia di Bepi Vigna, le illustrazioni di Andrea Serio e la produzione di Zena Film. Matteo Martis attualmente vive e lavora in Sardegna, dove insegna presso la scuola primaria di Dolianova e presso lo IED (Istituto Europeo di Design) di Cagliari come docente di lingua italiana, musica e teatro musicale.

Gavino Murgia. Nuorese . Inizia a suonare a dodici anni il sax alto. Grazie alla ben fornita discoteca del padre ha la possibilità di scoprire e crescere ascoltando il jazz e la musica classica. A quindici anni inizia a suonare con vari gruppi pop e funky e a collaborare con alcune compagnie teatrali in Sardegna, frequenta i seminari di Paolo Fresu a Nuoro e da lì a poco parte a Siena per concorrere a far parte dell’Orchestra Giovanile Italiana di Jazz come primo sax tenore. Questa immersione nel mondo del Jazz gli consente di accrescere la propria esperienza e di conoscere tantissimi musicisti con i quali compie innumerevoli esperienze musicali in formazioni di ognitipo duo, trio, quartetto etc. La Sardegna con le sue profonde radici musicali è costantemente presente nel suo percorso sonoro. Il canto a Tenore nel ruolo di Bassu, praticato già in adolescenza e lo studio tradizionale delle Launeddas, si fondono nel tempo con la musica afroamericana trovando un percorso inedito e originale. Al sax Soprano e Tenore affianca anche il sax Baritono, Flauti e Duduk.Ha suonato e registrato tra gli altri con:Rabih Abou Kalil, Bobby McFerrin, Michel Godard, G.Trovesi, Antonello Salis, Mal Waldron, Djivan Gasparian, Araik Bakhtckian, Salvatore Bonafede, Pietro Tonolo, Paolo Fresu, Famoudou Don Moye, Roswell Rudd, Sainko Namtcylak, Bebo Ferra, Danilo Rea, Babà Sissokò, Badara Seck, Al di Meola, Paolo Angeli, Hamid Drake, Franck Tortiller, Luigi Cinque, Mauro Pagani, Gianna Nannini, Massimo Ranieri, Andrea Parodi, Vinicio Capossela, Piero Pelù, Piero Marras, Bertas, Tazenda, Luigi Lai, Elena Ledda, Solis String , NOA, Gil Dor, Zohar Fresco, etc. etc.Inoltre con vari gruppi italiani e stranieri ha suonato nei principali jazz festival italiani europei ed extraeuropei, tra gli altri in Francia, Finlandia, Norvegia, Svezia, Portogallo, Inghilterra, Germania, Spagna, Belgio, Austria, Polonia, Turkia, Marocco, Sud Africa, Cuba, Yemen, Pakistan, USA, Russia ecc.

Invia un commento