Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 19, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

L'Olio Evo da Cultivar di Coratina di Savino Muraglia

L’Olio Evo da Cultivar Coratina di Savino Muraglia
Gaetano Cataldo

Il cultivar coratina è tra i più ricchi delle 538 varietà di olive riconosciute e classificate in Italia in termini di apporto di polifenoli ed è l’olivo autoctono tra i più rappresentativi di Puglia.

Andria è famosa per essere la capitale dell’olio pugliese ed è proprio in questa terra che il frantoio Muraglia produce olio da almeno cinque generazioni grazie alla materia prima proveniente dai 40 ettari di uliveti che si estendono sull’Altopiano della Murgia. Inestimabile tesoro aziendale è l’albero di ulivo coratina della venerabile età di ben 450 anni, mentre ad esprimerne i valori vi sono la volontà di rappresentare nel mondo una Puglia sana e laboriosa attraverso la qualità del loro olio extravergine d’oliva, considerare arte il lavoro che occorre in frantoio per produrlo e, soprattutto, avere la “capatosta”. Infatti sembra proprio che per Savino Muraglia come per suo nonno, di cui porta il nome, la caparbietà sia un valore aggiunto ed una capacità indispensabile per distinguersi e fare un lavoro che sia tangibilmente ben fatto.

Interessante il package per questo mono variatale di coratina: le preziose gocce d’olio dal colore giallo dorato con riflessi verdolini sono racchiuse in un orcio in stile pop art che, consistente e corposo, emana profumi dalla grande intensità fruttata. L’odore è franco di oliva, a ricordo del frutto appena molito, con spiccato sentore di mandorla a cui seguono i riconoscimenti della foglia di pomodoro e di origano, del carciofo e del fieno. All’assaggio la struttura è potente per texture e nella riconferma delle note vegetali del carciofo e del frutto fresco dell’oliva e del fruttato della mandorla verde che chiude con una nota elegantemente amara, appena mitigata da una nota di finocchio. Assolutamente a crudo sulla zuppa di cicoria e fave secche.

Invia un commento