Share

Le note del Maestro Romeo Scaccia al pianoforte hanno incantato il numerosissimo pubblico che ha festeggiato in Piazza Repubblica il primo anniversario del dono di un pianoforte alla città di Cagliari, i suoi virtuosismi sulla tastiera hanno animato la serata cagliaritana del 22 ottobre dedicata alla bellezza dell’arte. Un dono offerto alla cittadinanza appena un anno fa grazie al coro forense Note in Toga e all’associazione Nonsoloavvocati onlus, alle innumerevoli donazioni private che è stato ricordato con la manifestazione organizzata da Mediacon Cagliari con il patrocinio del Comune.

Ha presentato Lalla De Angelis
Ha presentato Lalla De Angelis

Alla presenza di Marzia Cilloccu assessore alle Attività produttive, Turismo e pari opportunità del Comune di Cagliari e Alessio Alias presidente della Commissione alla Cultura la donazione del pianoforte è stata ricordata, dall’avv. Lalla De Angelis che ha presentato la serata, come un gesto di bellezza, un seme messo a germogliare da un sognatore. Il sognatore di questa iniziativa ha un nome, è l’avv. Lia Pacifico che ha visto realizzarsi la sua idea di una musica che si fa largo dentro ognuno di noi e ci accompagna nelle giornate, nei problemi di tutti i giorni, nella quotidianità di una stazione.

“Siamo tutti portatori di bellezza, non solo gli artisti, uno spazio così di condivisione della gioia di fare musica è bellezza per ognuno di noi” sono state le parole di Romeo Scaccia come preludio alla sua esibizione. Melodia e virtuosismo in un incanto senza fine hanno letteralmente stregato il numerosissimo pubblico che ha assistito alle interpretazione del Deus ti salve Maria in chiave di ballo sardo, l’Alleluia di Leonard Cohen, del Volo del calabrone con battute della Marcia alla turca. Per un acclamatissimo bis Romeo ha improvvisato un brano sul tema della grazia con riferimento alla colonna sonora de La Grazia, film ispirato a una novella di Grazia Deledda e da lui musicato.

Il Maestro Romeo Scaccia
Il Maestro Romeo Scaccia

Romeo Scaccia, Maestro al Conservatorio di musica di Cagliari Pierluigi da Palestrina, è nato ad Addis Abeba in Etiopia, ha iniziato la sua carriera artistica presso il conservatorio cagliaritano. Diplomato col massimo dei voti ha frequentato prestigiose accademie internazionali fra le quali la Ferenc Liszt di Budapest e lo Sweelinck Conservatorium di Amsterdam. Si esibisce in tutto il mondo. Il suo percorso artistico unisce la musica tradizionale alla sperimentazione multimediale. Personalità poliedrica e aperta a sempre nuove esperienze artistiche ha realizzato il primo concerto on line al mondo presso Macerata, tramite quattro Pianoforti Disklavier dislocati a Londra, Amsterdam, Cagliari e Macerata. La sua attività lo vede coinvolto anche nella realizzazione di musiche per film, spettacoli teatrali, documentari e sigle televisive in collaborazione con il prestigioso American Film Institute di Los Angeles. Un artista di grande rilievo internazionale dunque che con l’entusiasmo dei sognatori ha impreziosito la serata cagliaritana per la gioia di un pubblico di appassionati, di passanti, di viaggiatori, di cittadini. “Lasciare un pianoforte all’utilizzo di chiunque voglia condividere la gioia del fare musica insieme è sempre fantastico, non potevo non aderire” sono state le parole entusiaste del Maestro per l’iniziativa.

La serata è stata colorata anche dalle note dei ragazzi allievi del Conservatorio che hanno cantato le bellezze di una Cagliari quotidiana dalle torri al terrapieno, dal mercato del pesce alla caratteristica pizza/sfoglia, dal sole al mare. Fra loro Maurizio Arceri e Matteo Stefanelli, Gianluca Tozzi e Martina Farai, Chiara Figus e Rubens Massidda e poi gli artisti Maria Grazia Esu poetessa e pianista, Simone Floris al clarinetto, Alessio Zucca e i ragazzi della Scuola Tuveri.

Fra il pubblico sono state numerose le manifestazioni di entusiasmo per l’evento. Abbiamo raccolto alcune testimonianze di chi si trovava in Piazza Repubblica come invitato, come viaggiatore o come cittadino incuriosito dall’evento.

“Ho letto su Facebook dell’evento, abito in zona S. Benedetto e mi sono avvicinata. Bella iniziativa, dovrebbero farne più spesso”

“Sentiamo il pianoforte come nostro e queste manifestazioni lo rendono ancora più nostro, di tutti. Ci fanno affezionare e ti portano a difenderlo”

“Dà vita alla stazione, è una delle cose più carine in questa zona della città”

“Bellissima iniziativa perché la musica anche nei momenti più complessi ci fa sognare, ci fa star bene”

“Dopo un anno come cittadina sono orgogliosa, abito in questa zona e sento il pianoforte, è una cosa che diventa propria”

“Bella l’iniziativa, bella la manifestazione. Mi capita di prendere spesso la metro, molti ragazzi suonano, coinvolgono i passeggeri in attesa dei mezzi. E’ un modo di diffondere cultura e appassionare”

Dietro la riuscitissima iniziativa alcuni professionisti del foro cagliaritano che si sono messi a disposizione della città. Tra loro gli avvocati Luigi Sanna e Mauro Sollai che hanno curato la parte tecnica, gli avvocati Elisabetta Sanna e Antonio Enna rappresentanti della Mediacon con l’avv. Donatella Medda, Simona Boy perito grafologa, Rosanna Argiolas ufficiale giudiziario, l’avv. Valeria Mereu e il giudice del tribunale minorile Gianna Pisano che ne hanno curato tutti gli aspetti organizzativi e di promozione.

Durante la serata un pensiero di commemorazione è stato dedicato a Peppino Impastato, giornalista e poeta italiano ucciso dalla mafia nel 1978. Nel dare l’appuntamento per l’anniversario del pianoforte per il 2017 un suo pensiero sulla bellezza è stato più che mai attuale “Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà… È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”

Share

Leave a comment.