Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 20, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

In Sardegna la memoria nel teatro etnico: una rassegna di spettacoli sull'identità - Mediterranea

In Sardegna la memoria nel teatro etnico: una rassegna di spettacoli sull’identità
Redazione

XXVI Rassegna Cagliaritana del Teatro Etnico
Si apre con Storia di un intellettuale della compagnia Humus Teatro
Domenica, 11 dicembre alle ore 17,00 presso l’Istituto Padre Manzella, in Via Monsignor Cogoni 1, Cagliari

La programmazione della Rassegna inizia con la messinscena Storia di un intellettuale della compagnia Humus Teatro a Cagliari, domenica 11 dicembre 2016 alle ore 17 all’Istituto Padre Manzella in via Monsignor Cogoni 1.
Parole ed immagini a cura di Carmen Giordano che dipinge Incisivi ritratti di figure della cultura prestigiose e carismatiche, filosofi, scrittori, artisti che hanno messo la propria creatività e la propria visibilità al servizio della causa della democrazia. Un flusso di storie legato a filo doppio alla faticosa maturazione civile e culturale dei sardi, al loro percorrere la strada della democrazia e dell’autonomia per esaltare il ricordo di persone che hanno rappresentato, insieme un’ansia di cambiamento e di innovazione del tessuto culturale sardo.

Una “politica” della memoria nella XXVI Rassegna Cagliaritana del Teatro Etnico che l’Associazione ARTE realizza a Cagliari con storie minime, antieroi del passato riportati in vita da una narrazione drammaturgica che spiega perché la Sardegna è quella che è nel presente. Spettacoli e anche strumento di studio per una visione del proprio passato in un “fare” che intende la memoria come fondamento dell’identità di ogni individuo:
“perché raccontare la nostra storia è uno mezzo di costruzione dell’identità, perché ciò che noi siamo dipende da come eravamo”. Si tratta di un’identità particolarmente tenace: l’identità etnica.

La Rassegna del Teatro Et comunica direttamente con lo spettatore e sfonda la cosiddetta “quarta parete”, con rappresentazioni che raggruppano nella propria specificità una pluralità di linguaggi artistici come teatro documentario, cinema, sonorità. La guerra e la libertà, Oh che bel mestiere, Storia di un intellettuale, Is marineris, Su fastiggiu, Lettere da Cagliari sono le produzioni in rassegna delle compagnie Gramsc, Humus Teatro e Thesis nell’ambito del circuito regionale teatro etnico, in spazi come scuole, chiese, centri sociali, biblioteche, con il sostegno dell’Assessorato Cultura della Regione Sardegna e del Comune di Cagliari per affermare il presente di individui e un’identità collettiva costruita attraverso la continuità con il passato.

Invia un commento