Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 16, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

"Il volo di Sara" per non dimenticare - Mediterranea

“Il volo di Sara” per non dimenticare
Cristina Delunas

Una lettura creativa per non dimenticare, il 27 gennaio 2016 gli attori Sabrina Mascia e Andrea Meloni della Compagnia d’Arte Circo Calumet e il Teatro Laboratorio Alketis, presentano ai bambini delle scuole Il volo di Sara.

La lettura è dedicata alla memoria delle 15.000.000 vittime della Shoah (ebrei, omossessuali, zingari, testimoni di Geova, credenti di altre confessioni cristiane, slavi, malati di mente e disabili di nazionalità tedesca, dissidenti politici, intellettuali e artisti).

I brani sono tratti da Il volo di Sara di Lorenza Farina per le edizioni Fatatrac, un libro intenso che tratta l’argomento con la delicatezza di una fiaba. Sara è una bimba di sette anni, ebrea, deportata in un campo di concentramento. “Di notte le tenevo compagnia e le cinguettavo sottovoce vicino all’orecchio” Un pettirosso diventa l’angelo custode di questa giovanissima vita. La porterà con se in un volo oltre la crudeltà umana, oltre la storia perché la Shoah e i campi di concentramento “sono cosa troppo crudele per una bambina”.

Il testo verrà proposto nell’originale forma di lettura creativa agli alunni dell’Istituto Comprensivo 1-2 Lamarmora di Monserrato e dell’Istituto Comprensivo 5 di Quartu Sant’Elena. E’ dedicato ai bambini e ai ragazzi perché siano i nuovi custodi di quell’epoca scura che ha avvelenato l’umanità intera e perché, a loro volta, ne tramandino il ricordo e, una volta adulti, essi abbiano la forza e il cuore per contrastare chiunque osi calpestare la dignità e la vita di qualunque essere umano. La lettura de Il Volo di Sara auspica che nessun bambino debba mai subire l’onta di un inganno malvagio e violento come quello perpetrato sui 20 bambini di Bullenhuser Damm.

La lettura creativa è realizzata con il contributo di Regione Autonoma della Sardegna e Comune di Cagliari.

Invia un commento