Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 17, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Il reporter Gian Micalessin racconta le guerre nel Mediterraneo - Mediterranea

Il reporter Gian Micalessin racconta le guerre nel Mediterraneo
Redazione

“I nuovi scenari geopolitici nel Mediterraneo. Dalla guerra in Siria al caos libico: il ruolo dell’informazione”. E’ il titolo del IV Meeting internazionale delle Politiche del Mediterraneo che si svolgerà a Cagliari venerdì 11 novembre, alle ore 17, presso la sala Kubrick del cinema Odissea (viale Trieste, 84). Un appuntamento che vedrà la partecipazione di uno dei più importanti reporter di guerra italiani, Gian Micalessin. Il giornalista, profondo conoscitore del mondo arabo e dei conflitti che in questi ultimi decenni hanno coinvolto il Medio e Vicino Oriente, fino al nord Africa, racconterà, attraverso la sua esperienza di inviato nelle aree di crisi, l’attuale scenario geopolitico, con particolare attenzione a Siria, Iraq e Libia.

Il terrorismo di matrice islamica, la persecuzione dei cristiani, il nuovo ruolo della Russia, le responsabilità delle monarche del Golfo, gli errori dell’Europa, le ambiguità degli Stati Uniti e le mire espansionistiche della Turchia saranno oggetto di un’approfondita analisi da parte di autorevoli relatori. Al Meeting, organizzato dal Centro Italo Arabo Assadakah in collaborazione con le riviste Spondasud e Confronti, intervengono anche il generale Carlo Jean (Analista Politico e Militare), Armando Sanguini (Consigliere scientifico ISPI, già ambasciatore a Tunisi e Riyad), Mostafa El Ayoubi (Giornalista – Caporedattore Rivista Confronti), Antonello Cabras (presidente della Fondazione di Sardegna ed esperto di politica estera) e Raimondo Schiavone (Presidente della Federazione Assadakah Italia Centro Italo Arabo e del Mediterraneo Onlus). Modera il giornalista Alessandro Aramu.

Il Centro Italo Arabo Assadakah nasce nel novembre del 2009 e annovera tra i suoi membri giornalisti, professionisti, intellettuali e accademici che partecipano attivamente a iniziative in Italia e all’estero. Da anni si occupa dell’organizzazione di seminari e conferenze. Tra questi, un posto di rilievo occupa il Meeting Internazionale delle Politiche del Mediterraneo, che nel 2016 celebra la sua quarta edizione. Sono state oltre 100 le missioni giornalistiche organizzate dal Centro Italo Arabo negli ultimi anni nelle zone calde del Medio e Vicino Oriente. Da queste esperienza sono nati i volumi “Lebanon: reportage nel cuore della resistenza libanese”, “Syria – Quello che i media non dicono” e “Middle East. Le Politiche del Mediterraneo sullo sfondo della guerra in Siria”, con la prefazione del giornalista italiano Alberto Negri.

* Gian Micalessin. Nel 1983 fonda la Albatross Press Agency, agenzia giornalistica specializzata in reportage di politica internazionale con particolare attenzione alle aree di conflitto. Comincia a lavorare realizzando reportage al seguito dei mujaheddin afgani che combattono l’occupazione sovietica, poi realizza documentari e reportage dalle principali aree di crisi e di conflitto del mondo: dall’Iraq, dalla ex Jugoslavia, dall’Algeria, dal Ruanda durante il genocidio dei Tutsi, dall’epicentro del morbo dell’ebola in Zaire e dalla Cecenia durante le fasi più calde della guerra tra l’esercito russo e la guerriglia cecena. Dalla fine degli anni ’90 segue con particolare attenzione le questioni vicino-orientali, il conflitto israelo-palestinese e l’Iran. Per la carta stampata ha collaborato con alcune fra le più importanti testate internazionali come il Corriere della Sera, Repubblica, Panorama, Libération, Der Spiegel, El Mundo, L’Express, Far Eastern Economic Review. Ha inoltre lavorato per stazioni televisive nazionale e internazionali, fra cui CBS, NBC, Channel 4, TF1, France 2, NDR, TSI, RaiNews24, RaiUno, Rai 2, Canale 5, La7, SkyTG2. E’ autore di molti reportage dal fronte per il progetto Gli Occhi della Guerra. Recentemente è stato autore, tra gli altri, di importanti servizi dalla Siria, Libia e Nagorno Karabakh.

Invia un commento