Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 19, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Grande successo del Senes -Cannonau riserva- al Vinexpo di Bordeaux - Mediterranea

Grande successo del Senes -Cannonau riserva- al Vinexpo di Bordeaux
Redazione

Il Senes è stato selezionato dal migliore sommelier spagnolo (Guillermo Cruz) per rappresentare l’Italia e la Sardegna in una degustazione di altissimo livello dedicata ai vini Garnachas, Grenache, Cannonau provenienti dai cinque paesi più rappresentativi al mondo nella produzione di questa varietà. La degustazione si è svolta questa mattina alla fiera internazionale Vinexpo di Bordeaux, nello spazio riservato alla Spagna, paese d’onore di questa edizione.

Grande e interessata partecipazione, sia della stampa che degli operatori specializzati, a testimoniare ancora una volta quanto questo vitigno, che in Sardegna si chiama Cannonau e in Spagna Garnacha, goda di un rinnovato apprezzamento in tutto il mondo!

Elenco dei vini partecipanti:

Per l’Italia: Senes Cannonau di Sardegna riserva 2012

Per la Spagna:

Campo de Borya:

“Tres Picos Borsao 2015

Fagus de Coto de Hayas 2014

Alto Moncayo 2014

Terra Alta: ” L Avi Arrufi Garnacha Blanca 2013

Francia: Rivesaltes Grande Reserve 1969

Australia : ” Like Rain Drops 2015.

Dichiarazioni:

Guillermo Cruz ( miglior Somelier di Spagna)

Il Garnachas ( cannonau) è una varietà molto apprezzata perché offre vini molto gradevoli e fruttati che stanno riscontrando una grande attenzione in tutto il mondo.

Jose’ Ignazio Grazia ( segretario consorzio Campo de Borya):

È stata una giornata di grande successo che dimostra ancora una volta le grandi potenzialità di questo vitigno nelle sue diverse espressioni di cui il vostro Senes è un esempio eccellente.

Mariano Murru ( direttore tecnico Argiolas Spa)

Siamo veramente onorati che il Senes sia stato selezionato per rappresentare la Sardegna è l’Italia in questo contesto internazionale così prestigioso. Un ulteriore importante riconoscimento che ripaga degli sforzi riposti nella valorizzazione di questo grande vitigno che in Sardegna esprime dei caratteri organolettici particolari che richiamano fortemente il legame con il territorio il suo ambiente e le sue tradizioni.

Invia un commento