Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 13, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

FLAME | Florence Art Music Ensemble - Mediterranea

FLAME | Florence Art Music Ensemble
Redazione

26 GIUGNO 2016 | ORE 19.00-23.30
NYU Florence | Villa La Pietra | Giardino e Limonaia

FLAMEnsemble

Samuel Baldi | percussioni
Luisa Valeria Carpignano | pianoforte, celesta
Andrea Cavallari | pianoforte, celesta
Jonathan Faralli | percussioni
Chiara Scucces | flauto

FLAME | Florence Art Music Ensemble esegue un brano di Morton Feldman, compositore americano conosciuto per il suo stile sperimentale. Durante la performance, lunga quattro ore e mezza, gli ospiti potranno ascoltare, mangiare, dormire, entrare e uscire liberamente, e vedere la proiezione delle opere di Philip Guston che hanno ispirato il pezzo.

Il concerto è gratuito, con prenotazione obbligatoria all’indirizzo lapietra.replay@nyu.edu

Morton Feldman (1926-1987), compositore americano, è stata figura di riferimento per l’evoluzione della cosiddetta “indeterminate music,” un movimento legato a un gruppo di compositori di New York, tra i quali John Cage, Earle Brown e Christian Wolff. Lo stile d’avanguardia di Feldman evita le strutture armoniche tradizionali, sperimentando nuovi sistemi di notazione musicale per creare ritmi liberi e sonorità profonde che fluiscono lentamente.

“For Philip Guston” esemplifica la fase tarda della produzione del compositore, caratterizzata dall’esplorazione del tempo e della scala, con composizioni di lunghi movimenti tranquilli, che durano trenta minuti e più. Composto nel 1984, quattro anni dopo la morte di Philip Guston, pittore di origine ucraina, stretto amico di Feldman a New York. I due artisti avevano discusso per la decisione del pittore di ripudiare il suo periodo astratto, ma gli accordi lenti e leggermente dissonanti del brano di Feldman esprimono il dispiacere e la tristezza del compositore per la morte dell’amico.

La musica è lenta e calma. La quiete sonora provoca senso di tranquillità e contemplazione atemporale. I tasti del pianoforte sono suonati così lentamente che l’esecutore può quasi sentire il movimento del martello sotto le sue dita. Il flauto sussurra cupo nei toni bassi, come un respiro caldo che diventa una nota sola. Questi accordi dolci durano per per quattro ore. Piano e celesta, flauto e percussioni in sintonia, senza melodie ampie, senza ritmi orecchiabili, senza pause drammatiche, senza il prorompere di emozioni. Solo soffusi e gradevoli accordi che sembrano galleggiare, scontrarsi e scomparire.

Invia un commento