Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 14, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

EUROPA CREATIVA, IL PROGRAMMA EUROPEO PER LA CULTURA (seconda parte) - Mediterranea

EUROPA CREATIVA, IL PROGRAMMA EUROPEO PER LA CULTURA (seconda parte)
Alessandra Ghiani

Come evidenziato nel precedente articolo, Europa Creativa, attraverso i due sottoprogrammi Media e Cultura, finanzia e sostiene la cultura per il periodo 2014-2020. Rientra nei finanziamenti disposti dall’Unione Europea e destinati ai Paesi membri e a una lista di altri Paesi eleggibili. Mentre il sottoprogramma Media è specifico per il settore dell’audiovisivo, il sottoprogramma Cultura abbraccia tutte le attività volte alla creazione, promozione, diffusione e preservazione di beni e servizi considerati come espressioni culturali artistiche o creative.

SOTTOPROGRAMMA CULTURA

Il sottoprogramma Cultura nasce per promuovere la mobilità di opere culturali e creative, di artisti, di operatori del settore. È sempre più sentita, infatti, l’esigenza di internazionalizzare le carriere e di favorire il dialogo interculturale. L’inclusione sociale si incentiva anche e soprattutto attraverso la cultura.
Gli obiettivi del sottoprogramma Cultura sono:

  • promuovere l’audience development (processo che mira a diversificare il pubblico e a migliorare la fruizione delle opere culturali e creative);
  • incoraggiare la creatività, sia nell’elaborazione delle opere sia nella loro promozione a livello internazionale. Si vuole, con questo, favorire lo scambio interculturale e combattere le discriminazioni;
  • contribuire all’integrazione dei profughi nell’UE grazie al dialogo e al rispetto delle altre culture e religioni.

Possono partecipare tutti gli operatori, pubblici e privati, attivi nei settori culturali e creativi purché siano legalmente costituiti in uno dei Paesi aderenti al sottoprogramma da almeno due anni. Sono escluse le persone fisiche. Sono soggetti eleggibili:

  • Associazioni e Istituzioni culturali
  • Fondazioni
  • Case editrici
  • Enti pubblici
  • Industrie culturali e creative
  • Università e Centri di Ricerca
  • Network culturali europei
  • Osservatori culturali internazionali

I Paesi che possono partecipare al sottoprogramma sono:

  • tutti gli Stati membri dell’UE
  • Norvegia e Islanda
  • Albania, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Montenegro, Serbia, Georgia, Moldavia, Ucraina e, dal primo gennaio 2018, la Tunisia.

I PROGETTI

L’approccio multidisciplinare del sottoprogramma Cultura abbraccia tanti temi diversi: arte, letteratura, architettura, teatro, design, musica eccetera. Ai settori interessati sono destinate quattro opportunità di finanziamento, di cui solo due ancora attive:

  • progetti di cooperazione europea la cui call verrà pubblicata nuovamente nell’autunno 2018;
  • progetti di traduzione letteraria, destinati alle case editrici e ai gruppi editoriali che intendono promuovere le proprie pubblicazioni in ambito internazionale attraverso le traduzioni. I progetti finanziabili prevedono la traduzione di almeno tre opere di narrativa sia in formato cartaceo sia elettronico. La prossima call è prevista per marzo 2018.

Per gli ultimi due, network e piattaforme, non ci saranno nuove call.

Per approfondire, è possibile consultare i contenuti online indicati nelle fonti.

FONTI
Europa Creativa – Sottoprogramma Cultura
Europa Creativa – Sottoprogramma Media
Timeline per il sottoprogramma Cultura

Invia un commento