Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 16, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Edith – la voce dell'anima - Mediterranea

Edith – la voce dell’anima
Redazione

Viaggio tra parole, note e visioni per un nuovo duplice appuntamento al TsE di via Quintino Sella nel cuore di Is Mirrionis a Cagliari: DOMANI (venerdì 16 febbraio) alle 21 un affascinante ritratto dell’indimenticabile Edith Piaf con Anna Lisa Mameli (voce) e Corrado Aragoni (pianoforte) protagonisti di “Edith – la voce dell’anima” di OfficinAcustica – per la rassegna “Musica al TsE” e sabato 17 febbraio alle 21 spazio all’ironia con le storie emblematiche di “Donne sull’orlo 2 / Quando la coppia scoppia” di e con l’attrice e drammaturga nonché regista Francesca Falchi (produzione L’Eccezione) nel cartellone della Stagione di “Teatro Senza Quartiere”.

Una preziosa antologia di canzoni per un omaggio a Edith Piaf – straordinaria e appassionata “chanteuse réaliste” nella Francia tra gli anni Trenta e Sessanta, autrice e interprete di melodie indimenticabili DOMANI (venerdì 16 febbraio) alle 21 al TsE di Is Mirrionis a Cagliari con “Edith – la voce dell’anima” di OffìcinAcustica per la rassegna “Musica al TsE”. Il raffinato e coinvolgente spettacolo/ concerto – ideato, scritto e interpretato da Anna Lisa Mameli accompagnata al pianoforte da Corrado Aragoni (che firma la direzione musicale) ripercorre la vita travagliata dell’artista parigina, figlia di una cantante di strada e di un contorsionista, cresciuta con la nonna materna, poi con la nonna paterna, tenutaria di una casa di tolleranza, dagli esordi al successo internazionale tra tragici amori e l’immenso talento.

Un ideale “passeggiata” a piedi nudi “Sous le ciel de Paris” tra “Les Mômes de la cloche” e la tragica storia de “Les amants d’un jour”, sulle note della meravigliosa “La vie en rose”, e ancora “Milord” e “L’Accordéoniste”, “L’hymne à l’amour” e la splendida “Non, je ne regrette rien”.

«Dai sobborghi di Parigi all’Olympia, fino alle tournée in America, Edith Piaf ha stregato il mondo con la sua voce “insanguinata”, che nemmeno l’alcool e la malattia hanno potuto incrinare. Edith Piaf, una vita a voce spiegata, spinta fino all’ultimo respiro. Edith, il passerotto che temeva la notte come le tenebre dell’inferno. Fragile e insieme indistruttibile, eternamente innamorata… » ricorda Anna Lisa Mameli nelle note di regia. «“Edith – la voce dell’anima” è un ritratto musicale e poetico dell’artista francese», un itinerario alla riscoperta dei luoghi che «la sua voce e le sue canzoni hanno saputo così bene raccontare, dipingere, illuminare».

S’intitola “Donne sull’orlo 2 / Quando la coppia scoppia” la pièce di e con l’attrice, drammaturga e regista Francesca Falchi in cartellone sabato 17 febbraio alle 21 al TsE di Is Mirrionis a Cagliari per la Stagione 2017-18 di “Teatro Senza Quartiere”: tra ironia e disincanto l’artista cagliaritana proporrà una personalissima “rilettura” di alcune delle più celebri storie d’amore – tra cronaca e mito. Si parte dalle origini con la capostipite Eva alla prese con il primo uomo, Adamo, poi la pazienza di Penelope messa a dura prova dalle molte avventure dell’eroe Ulisse – per non parlare dei Proci, ma anche la dolce Giulietta e la fatale liaison con il suo Romeo. E le altre – Lucia, Silvia e Anita, alle prese con difetti e caratteri non proprio facili dei vari Renzo, Giacomo (Leopardi) e Giuseppe (Garibaldi).

Ritratti al femminile di eroine antiche e moderne, per indagare sulle misteriose ragioni del cuore che spingono donne intelligenti e affascinanti, perfino emancipate, a legare il proprio destino ed assecondare vizi e capricci dei loro fidanzati o mariti in nome della passione e della fedeltà.

Un’originale e coinvolgente spettacolo (produzione L’Eccezione) per riflettere sull’amore e sul rapporto uomo-donna attraverso i secoli con lucidità e umorismo, demistificando leggende e luoghi comuni sulle caratteristiche dei due sessi ma soprattutto cercando una spiegazione – e consolazione – per scelte apparentemente masochiste, non senza qualche inattesa rivelazione.

Un sapido divertissement per scoprire le sorprendenti affinità tra le eroine della Bibbia e del mito, del teatro, della letteratura e perfino della poesia, ma anche della storia risorgimentale e le loro discendenti, donne del terzo millennio spesso in carriera o comunque impegnate a conciliare vita professionale e sentimentale, lavoro e famiglia come le insospettabili somiglianze tra gli “innamorati” del passato e i loro emuli contemporanei.

Tra la prima donna – che avrebbe offerto al suo sposo il frutto della conoscenza – e una novella Eva a dispetto dei secoli non vi sono troppe differenze, soprattutto quando si tratta di cercare di capire le motivazioni, di sopportare e perdonare gli errori dei rispettivi partners e di costruire relazioni equilibrate, possibilmente felici e durature.

«Se i vostri mariti, compagni, fidanzati vi ricordano Adamo, Ulisse, Romeo, Renzo, Giacomo (Leopardi) o Giuseppe non esitate a portarli con voi: perché anche se chi dice donna dice danno, questa volta il danno lo hanno fatto loro!» suggerisce l’autrice di “Donne sull’orlo 2” alle spettatrici di questo «spettacolo dove gli uomini vengono e vanno. Soprattutto vanno».

PROSSIMI APPUNTAMENTI – al TsE

La Stagione di Teatro Senza Quartiere al TsE di Is Mirrionis proseguirà sabato 3 marzo alle 21 con “Bestie Feroci Revolution” del Teatro dallarmadio – con Fabio Marceddu e Antonello Murgia (fuori abbonamento) – mentre Teatro Laboratorio Alkestis e Circo Calumet proporranno – sabato 24 marzo alle 21 l’insolito e ironico “Katakombe Kabarett” con Sabrina Mascia e Andrea Meloni (che firma anche la regia).

E ancora “Sei monologhi da Pirandello” – sabato 31 marzo alle 21 – con gli attori del Teatro del Segno diretti da Stefano Ledda, la poesia e le aeree coreografie di “Nata dalla Luna” di e con Virginia Viviano – da un racconto di Italo Calvino con le musiche di Rossella Faa, e il sottile e pungente umorismo di “Egregio Signor Assessore” di e con Elio Turno Arthemalle sabato 28 aprile alle 21 con Michela Atzeni, Valentina Fadda, Emanuela Lai, Felice Montervino e Angelo Trofa per chiudere in bellezza (sabato 12 e domenica 13 aprile) con “Blumen” con Miana Merisi e Luigi Tontoranelli, per la regia di Maria Assunta Calvisi.

Spazio alle sette note con la rassegna “Musica al TsE” che ospita di volta in volta musicisti ed ensembles per dar spazio ai vari generi – dalla musica classica alla canzone d’autore, al rock, al blues, al pop, al jazz, dalla musica popolare sarda al rap.

Il TsE di Is Mirrionis a Cagliari ospita anche stages e laboratori – da “Cartoons in carne ed ossa”, il laboratorio di gioco teatrale condotto da Serenella Converti alias “La signorina Tina” a un interessante e stimolante percorso sui segreti della mente con le lezioni sulle Tecniche di Memoria e di Lettura Veloce a cura di Iolanda Mason per InversaMente: (per informazioni e iscrizioni: cell. 3495834205).

La Stagione 2017-2018 di “Teatro Senza Quartiere” e la rassegna “Musica al TsE” e così stages e laboratori si inseriscono nel progetto pluriennale “TEATRO SENZA QUARTIERE/ per un quartiere senza teatro” 2017-2021 a cura del Teatro del Segno con la direzione artistica di Stefano Ledda – in collaborazione con la Parrocchia di Sant’Eusebio di Cagliari e con il patrocinio e il sostegno del Comune di Cagliari e della Regione Autonoma della Sardegna e l’apporto prezioso di alcuni sponsor privati.

Il progetto “TEATRO SENZA QUARTIERE/ per un quartiere senza teatro” 2017-2021 vede in prima fila, accanto al Teatro del Segno, l’Accademia Internazionale della Luce, l’ AIDI/ Associazione Italiana di Illuminazione – Sardegna, il Teatro Tages, Luna Scarlatta, Doc Servizi e CeDAC (Centro Diffusione Attività Culturali) che organizza il Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

www.teatrodelsegno.com

SCHEDE SPETTACOLI

OfficinAcustica

Edith – la voce dell’anima

con Anna Lisa Mameli – voce

Corrado Aragoni – pianoforte

testi originali Anna Lisa Mameli

arrangiamenti e direzione musicale Corrado Aragoni

regia Anna Lisa Mameli

Dai sobborghi di Parigi all’Olympia, fino alle tournée in America, Edith Piaf ha stregato il mondo con la sua voce “insanguinata”, che nemmeno l’alcool e la malattia hanno potuto incrinare. Edith Piaf, una vita a voce spiegata, spinta fino all’ultimo respiro. Edith, il passerotto che temeva la notte come le tenebre dell’inferno. Fragile e insieme indistruttibile, eternamente innamorata…

Un ritratto musicale e poetico dell’artista francese. Una passeggiata a piedi nudi per i marciapiedi di Parigi, alla ricerca dei luoghi dell’anima che la sua voce e le sue canzoni hanno saputo così bene raccontare, dipingere, illuminare.

L’eccezione

Donne sull’orlo 2

Quando la coppia scoppia

di e con Francesca Falchi

Se felicità è un bicchiere di vino con un panino, ma Donatella si è impiccata sul bidet perché era troppo.

Se trottolino amoroso dudududadada, ma dammi una lametta che ti taglio le vene suona meglio.

Se mi lasci non vale, ma non sono una signora con tutte stelle nella vita e non la prendo sportivamente.

Questo è lo spettacolo che fa per voi.

A voi, donne, che aspettate l’arrotino per affilare coltelli e forbici convinte che prima o poi vi serviranno non per tagliare polli ma palle, Francesca Falchi offrirà uno sguardo benevolo ed indulgente sulla vita di 6 coppie famose 6 viste dall’occhio vigile e pure carabiniere di 6 eroine della storia, del mito e della letteratura.

Eva, Penelope, Giulietta, Lucia, Silvia, Anita vi racconteranno come hanno gestito un rapporto a due agognando una vedovanza immediata senza ritorno.

Uno spettacolo ironico e sarcastico dove il pubblico in sala è chiamato a rispondere ad un’unica domanda: ma per queste donne era meglio sole o male accompagnate?

Se i vostri mariti, compagni, fidanzati vi ricordano Adamo, Ulisse, Romeo, Renzo, Giacomo (Leopardi) o Giuseppe non esitate a portarli con voi: perché anche se chi dice donna dice danno, questa volta il danno lo hanno fatto loro!

Uno spettacolo dove gli uomini vengono e vanno.

Soprattutto vanno.

Invia un commento