Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 20, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Comunità in viaggio: storie dei migranti allo Spazio S'arza - Mediterranea

Comunità in viaggio: storie dei migranti allo Spazio S’arza
Redazione

Nel teatro di via Guido Sieni giovedì 21 dicembre una serata tra cinema e teatro

Comunità in viaggio, paesaggi che mutano, culture che si incontrano: sono questi i temi della serata in programma giovedì 21 dicembre alle ore 21 allo Spazio S’arza, in via Guido Sieni. Un’iniziativa dell’Assessorato alle politiche sociali del Comune di Sassari in collaborazione con il Gus, Gruppo Umana Solidarietà, che gestisce i progetti Sprar sul territorio comunale.

Un appuntamento culturale, a ingresso gratuito, che mira alla sensibilizzazione sul tema dell’accoglienza e alla conoscenza di un progetto, come quello del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, dal forte impatto sociale.

Ad aprire la serata sarà il cortometraggio “Lettere dalla Sardegna”, a cura dei beneficiari dei progetti Sprar dei Comuni di Alghero, Porto Torres e Sassari. Firmato dal regista cagliaritano Andrea Mura, il corto è interamente girato con uno smartphone e raccoglie le parole di richiedenti asilo e rifugiati del territorio, otto giovani tra i 18 e i 25 anni. Videolettere spedite idealmente verso le terre d’origine dei protagonisti, che raccontano la loro quotidianità, le corse in autobus, gli allenamenti di pallacanestro, le passeggiate nelle piazze. Testimonianze del momento storico attuale affidate a un mezzo di comunicazione accessibile a tutti.

È un incontro di luoghi e culture diversi e lontani fra loro “C.Arte di imbarco. Siamo tutti in viaggio”, spettacolo di Carovana SMI, che andrà in scena subito dopo la proiezione del corto. Un lavoro multidisciplinare che vede coinvolti circa trenta giovani immigrati di seconda generazione, africani e asiatici, oggi residenti nel cagliaritano. A muoversi sul palco sarà una comunità nomade che cambia il proprio sguardo al mutare del paesaggio. Coreografie, video, installazioni accompagneranno il pubblico in un viaggio nella memoria, nel desiderio e nei sentimenti, verso futuri desiderabili.

Lo spettacolo, diretto da Ornella D’Agostino, è sostenuto anche dal Mibact con il Programma MigrArti, dagli assessorati alla Cultura, al Turismo e al Lavoro della Regione Sardegna, dal Comune di Cagliari, dalla Fondazione di Sardegna e da Sardegna Teatro.

Invia un commento