Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 12, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Carloforte Music Festival 2018

Carloforte Music Festival 2018
Redazione

Anche quest’anno Carloforte si conferma tra le mete privilegiate per la musica classica dell’estate sarda. Dal 27 luglio al 10 agosto le giovani star nazionali e europee si incontrano sotto la direzione del Maestro Andrea Tusacciu per dar vita alla sesta edizione del Carloforte Music Festival. Lo storico Teatro Cavallera ospiterà i cinque concerti che vedranno, tra gli altri, gli attesi ritorni della violinista Anna Tifu e dei pianisti Theodosia Ntokou e Giulio Biddau.

Sesta edizione per il Carloforte Music Festival. Dal 2013 la manifestazione, diretta dal maestro Andrea Tusacciu, pianista e direttore d’orchestra attivo da anni a Bruxelles, raduna nella piccola isola di San Piero alcune tra le migliori giovani realtà della musica classica italiana e internazionale.
I concerti, dal 27 luglio al 10 agosto, tutti con inizio alle ore 21, si terranno nello storico Teatro Cavallera. Iniziato nel 1920, il Cavallera, chiamato anche Casa del proletariato o U Palassiu, fu completato nel maggio 1922.

IL PROGRAMMA
27 LUGLIO ore 21
Si inizia venerdì 27 luglio con Una serata all’Opera, una serata dedicata al repertorio operistico che vedrà impegnati il soprano Anne Renouprez e il tenore Giuseppe Talamo, accompagnati al pianoforte da Andrea Tusacciu. In programma le più celebri arie d’opera, con particolare attenzione alle due opere più conosciute di G. Verdi: Rigoletto e La Traviata.

DOMENICA 29 LUGLIO ore 21
Tra le artiste più attese e amate dal pubblico, domenica 29 luglio ritorna al Carloforte Music Festival Anna Tifu. Accompagnata da Marco Schirru al pianoforte, la celebre violinista eseguirà musiche di Beethoven (Sonata per violino e pianoforte n ° 5 op. 24 in fa maggiore) Vitali (Ciaccona in sol minore), Chausson (Poème op. 25) e Ravel (Tzigane).

VENERDÌ 3 AGOSTO ore 21
Per il terzo appuntamento di venerdì 3 agosto entra in scena la Carloforte Festival Orchestra, diretta dal maestro Andrea Tusacciu. Sul palco due solisti d’eccezione come la pianista Leonora Armellini e il chitarrista Fabrizio Ferraro. Musiche di Grieg, di cui verrà eseguita la Suite Holberg op. 40, Gershwin con la Ninnananna, la Fantasia su Bambola di Angelo Aste dello stesso Ferrero Ferraro e il Concerto per pianoforte e orchestra n ° 2 op. 21 in fa minore di Chopin.

DOMENICA 5 AGOSTO ore 21
Grande appuntamento domenica 5 con altri due solisti di altissimo livello, il pianista Giulio Biddau e il violinista Paçalin Pavaci, di cui Lorin Maazel ebbe a dire “Sono molto impressionato dalla sua bravura sia come violinista che come concertmaster…la sua dedizione alla musica è impressionante, come sono anche i suoi talenti musicali…(lui) anima la musica ed i suoi colleghi…ho fatto affidamento alla sua guida e alla sua esperienza…”. Insieme alla Carloforte Festival Orchestra, diretta da Andrea Tusacciu, saranno eseguite musiche di Elgar (Serenata per archi), Mendelsshon (Concerto per violino e archi in re minore) e Chopin (Concerto per pianoforte e orchestra n ° 1 op. 11 in mi minore).

VENERDÌ 10 AGOSTO ore 21
Grande chiusura venerdì 10 agosto con il gradito ritorno della pianista greca Theodosia Ntokou, definita da Martha Argerich “la nuova stella del pianismo internazionale”. La Ntokou salirà sul palco con il giovane trombettista Riccardo Spiga e la Carloforte Festival Orchestra diretta da Tusacciu. In programma la Serenata per archi in Do Maggiore op. 48 di Tchaikovsky, il Totentanz di Liszt e il Concerto per pianoforte, tromba e orchestra d’archi in do minore op. 35 di Shostakovitch.

BIOGRAFIE

ANNE RENOUPREZ
Il soprano belga Anne Renouprez si è laureata presso i Conservatori reali di Mons e di Bruxelles, e ha frequentato l’Operastudio di Gent. Dopo aver studiato con il tenore Giuseppe Morino, ha in seguito proseguito con il maestro fiorentino Gianni Fabbrini. Si è inoltre perfezionata con Ruggero Raimondi, Jennifer Larmore ed Elena Mosuc. Tra i numerosi ruoli che ha interpretato figurano Donna Elvira e Donna Anna (Don Giovanni), Anne Truelove (The Rake’s Progress), Musetta (La Boheme), Contessa (Le Nozze di Figaro), Mademoiselle Silberklang (Der Schauspieldirektor), Tosca, (Tosca), Lucia (Lucia di Lammermoor), e Violetta (La Traviata). Nel 2016 ha cantato Anna in Nabucco, al fianco di Leo Nucci. Anne Renouprez collabora regolarmente con numerosi ensemble di musica barocca, e si esibisce in duo con i pianisti Graham Johnson, Gianni Fabbrini, Jean-Marc Bouget, Daniel Blumenthal. Ha inciso due CD, uno con la pianista belga Eliane Reyes (“Collection Vasniers” Debussy Pavane Records) e uno con Peter Tomek (CD “Lieder und Sonate für Mathilde Wesendonck” ). Nel 2017, insieme con Patrick Brüll, ha partecipato alla prima mondiale di “Callas, il était une voix” di J. F. Viot, nel ruolo protagonista di Maria Callas. Lo spettacolo, salutato come un trionfo dal pubblico e dalla critica, riprenderà a ottobre 2018.

GIUSEPPE TALAMO
Nato a Napoli, si diploma al Conservatorio di Salerno sotto la guida di Giuliana Valente. Nel 2010 si Laurea con lode al Conservatorio di Ferrara sotto la guida di Mirella Freni. Ha avuto l’opportunità di perfezionarsi con grandi artisti, tra i quali Katia Ricciarelli e Renato Bruson. Vincitore nel 2003 del premio Enrico Caruso, è stato nel 2004 testimonial italiano al Columbus Day di New York con concerti per BBC e CNN. Nel 2007 è vincitore del Primo premio assoluto al “Mario Lanza”. Nel 2010 è stato chiamato ad inaugurare la stagione lirica del Teatro Petruzzelli di Bari nel ruolo di Rodolfo (Boheme), riscuotendo graditi consensi. Nel 2012 ha debuttato alla Konzerthaus di Vienna. Al Teatro Lirico di Cagliari è Cicciotto Iaconi nella Jura di G. Gabriel. Nel corso della sua brillante carriera, ha interpretato Nemorino (L’Elisir d’Amore), Rodolfo (Bohème), Alfredo (La Traviata), Pinkerton (Madama Butterfly), MacDuff (Macbeth), Duca di Mantova (Rigoletto) e Ismaele (Nabucco) al Teatro dell’Opera di Roma, sotto la direzione di Riccardo Muti.

ANNA TIFU
Vincitrice nel 2007 del prestigioso concorso internazionale George Enescu di Bucharest, Anna Tifu è considerata una delle migliori interpreti della sua generazione. Nata a Cagliari, ha iniziato lo studio del violino all’età di sei anni sotto la guida del padre e a suonare in pubblico a 8 anni, vincendo il primo premio alla Rassegna di Vittorio Veneto. A undici anni ha debuttato con l’Orchestra National des Pays de la Loire, e l’anno successivo debutta alla Scala di Milano. Si diploma appena quindicenne al Conservatorio di Cagliari con lode e menzione d’onore. Ha studiato con Salvatore Accardo all’Accademia di Cremona e successivamente all’Accademia Chigiana di Siena. Viene ammessa, all’età di 17 anni, al Curtis Institute di Philadelphia nella classe di Aaron Rosand, Shmuel Ashkenazy e Pamela Frank, e successivamente si perfeziona a Parigi. Si è esibita con alcune tra le più prestigiose Orchestre tra le quali l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, Orchestra Filarmonica A. Toscanini, Orchestra Haydn di Bolzano, Stuttgarter Philarmoniker, Dortmunder Philharmoniker, Lithuanian Chamber Orchestra, Munich Chamber Orchestra, Israel Philharmonic, Prague chamber Orchestra, Orchestra Filarmonica del Qatar. Ha collaborato con rinomati direttori d’orchestra, tra i quali Yuri Temirkanov, Gustavo Dudamel, Diego Matheuz, David Afkham, Juraj Valcuha, John Axelrod, Christoph Poppen, Justus Frantz, Cristian Mandeal, Horia Andreescu, Sergiu Commissiona, Lü Jia, Giampaolo Bisanti, Julian Kovatchev, Hubert Soudant, Gèrard Korsten. Tra gli impegni più prestigiosi ricordiamo i concerti al George Enescu Festival di Bucharest con l’Orchestra RAI di Torino, l’inaugurazione della Stagione del Teatro Carlo Felice a Genova, dove, per l’occasione, si è esibita con il famoso “Cannone” appartenuto a Niccolò Paganini, l’inaugurazione del Teatro La Fenice di Venezia, il concerto inaugurale della Fondazione Società dei Concerti di Milano, il concerto allo Stradivari Festival di Cremona, dove si è esibita insieme all’Etoile Carla Fracci, i concerti all’Auditorium Parco della Musica di Roma insieme con l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia. A Settembre 2018 le è stata affidata l’inaugurazione della Philharmonie di Parigi, con l’Orchestra Filarmonica di Radio France, diretta da Mikko Franck. Recente è il suo debutto per la casa discografica Warner Classics. Suona un violino Antonio Stradivari “Marèchal Berthier” 1716 ex Napoleone della Fondazione Canale.

LEONORA ARMELLINI
Vincitrice del “Premio Janina Nawrocka” per la “straordinaria musicalità e la bellezza del suono” al Concorso Pianistico Internazionale F. Chopin di Varsavia, Leonora Armellini, nata a Padova, si è diplomata con lode e menzione d’onore all’età di soli 12 anni sotto la guida di Laura Palmieri. Nel suo percorso di formazione Leonora si è poi diplomata summa cum laude all’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, sotto la guida di Sergio Perticaroli. Si è perfezionata con Lilya Zilberstein, Marian Mika, e con Boris Petrushansky presso l’Accademia di Imola. Ha tenuto più di 500 concerti in tutto il mondo, tra cui la prestigiosa Carnegie Hall di New York, al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, alla Salle Cortot di Parigi, alla Steinway Hall di Londra, oltre alle tournée in Giappone, Corea del Sud e in India. Degne di menzione sono le sue partecipazioni al Progetto Martha Argerich, alla Societé Chopin di Ginevra, al Festival Pianistico di Bergamo e Brescia, al Festival Dino Ciani, al Festival MiTo, ecc.
Si è esibita con molte orchestre, tra le quali l’ Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, l’ Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Orchestra dell’Arena di Verona, l’Orchestra del Teatro Alla Scala di Milano, i Solisti Veneti, la Filarmonica di Varsavia, la Filarmonica di Cracovia, e con direttori come Claudio Scimone, Zoltan Pesko, Anton Nanut, Damian Iorio, Andrea Battistoni, Christopher Franklin, Massimiliano Caldi.
Nel 2013 ha partecipato al “Progetto Beethoven” di Torino, suonando per un pubblico di 13.000 persone.
Leonora suona in duo con il violinista Edoardo Zosi e ha collaborato con Jeffrey Swann, Mario Brunello, Giovanni Angeleri, e il Trio Broz. Nel maggio 2013, l’Associazione Nazionale Critici Musicali ha deciso di assegnare il Premio Abbiati al Trio Leonora Armellini, Laura Marzadori e Ludovico Armellini.
Leonora è protagonista di diversi progetti discografici ed è stata invitata da radiotelevisioni italiane ed estere per trasmissioni di interviste e concerti fra i quali ricordiamo il recital per i “Concerti del Quirinale” e l’apparizione come ospite al Festival di Sanremo 2013. A fianco di Matteo Rampin ha scritto e pubblicato il libro “Mozart era un figo, Bach ancora di più”.

FABRIZIO FERRARO
Diplomatosi brillantemente sotto la guida di Giampaolo Bandini, ha partecipato attivamente a corsi e workshops interpretativi con artisti di fama internazionale come John Williams, Alirio Diaz, Leo Brouwer, Pavel Steidl, Tillmann Hoppstok, Lorenzo Micheli, Matteo Mela, Andrew Zohn, Hopkinson Smith per la musica antica e Azio Corghi ed Egon Krak per la Composizione.
Fabrizio Ferraro è invitato regolarmente ad esibirsi in diversi festival: International Guitar Festival Zruc na Sazavou, Hong Kong International Guitar Festival, Festival Internazionale della Chitarra a Zagarolo, International Guitar Festival in Georgia, Guitar Days in Banska Stiavnica.
Ogni anno è invitato a tenere corsi di perfezionamento alla prestigiosa Jan Albrecht Music and Art Academy. Ha collaborato con diversi compositori, fra i quali Paul Joseph a New York. È inoltre dedicatario di un’opera per chitarra scritta per lui dal compositore Roberto Manca. Fabrizio Ferraro ha composto numerose opere per chitarra, formazione cameristica e orchestra sinfonica, che sono state eseguite in Italia e negli Stati Uniti. Collabora con il Violinista F. Bonacini ed il chitarrista A. Marec con il quale nel 2010 ha registrato un CD di musica del XIX e XX secolo.

GIULIO BIDDAU
Giulio Biddau, nato a Cagliari nel 1985, ha intrapreso a dodici anni lo studio del pianoforte con Arlette Giangrandi Eggmann e si è diplomato presso il Conservatorio della sua città. Ha proseguito i suoi studi pianistici a Parigi sotto la guida di Jean Marc Luisada all’École Normale, dove ha ottenuto il Diplome Supérieur de Concertiste, e privatamente con Aldo Ciccolini. In seguito ha conseguito con lode il diploma di perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia nella classe di Sergio Perticaroli, per terminare il ciclo di studi alla Hochschule für Musik “Hanns Eisler” di Berlino con Fabio Bidini e privatamente a Parigi con Dominique Merlet.
Laureato di prestigiosi concorsi internazionali, fra cui il Concorso Casagrande di Terni, il Tbilisi International Piano Competition, Iturbi di Valencia, la vittoria del Primo Premio al Concorso “Les Nuits Pianistiques – Lauréats SPEDIDAM” di Aix-en-Provence lo porta ad essere invitato da alcuni dei più importanti festival francesi, tra cui il Festival Radio France di Montpellier, il Festival Pablo Casals e il Festival Piano en Valois. Ha tenuto numerosi concerti, suonando in Italia per istituzioni quali l’Accademia di Santa Cecilia a Roma, il Teatro Lirico di Cagliari, Festival Dino Ciani a Cortina, Teatro Verdi di Trieste, il Politeama di Palermo; in Francia alla Salle Cortot di Parigi, al Grand Theatre de Provence di Aix-en-Provence, a Pontoise, Nancy, Rouffach, Gerberoy e poi in Spagna al Palau de la Musica di Valencia e a Leon, in Germania, al Konzerthaus di Berlino, e ancora Slovenia, Regno Unito, Austria, Svezia, Cina (Oriental Art Center di Shanghai e Auditorium della Tsinghua University di Pechino) e Australia.
È stato diretto da Lawrence Foster, François-Xavier Roth, Tan Dun, Damian Iorio, Silvia Massarelli, Filippo Maria Bressan e altri, ha suonato con orchestre prestigiose quali l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Konzerthausorchester Berlin, Brandenburgische Staatsorchester, Orchestre National de Montpellier, Orchestra del Palau de la Musica di Valencia, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Milton Keynes City Orchestra, Les Siècles, Sinfonica Siciliana, Orchestra di Padova e del Veneto, Sinfonica Abruzzese, Tbilisi Symphony Orchestra etc.
Il suo impegno nella musica contemporanea l’ha visto protagonista nel marzo 2010 della creazione del Banquet Concerto di Tan Dun per pianoforte coro e orchestra, commissionato dall’Accademia di Santa Cecilia e ritrasmesso poi da Rai Radio Tre. Le sue esecuzioni di brani contemporanei, fra cui l’integrale per pianoforte di Henri Dutilleux, sono state trasmesse da France Musique, ABC Australia e la televisione giapponese NHK.
Nel gennaio 2012 è uscito il suo primo disco interamente dedicato a Gabriel Fauré, di cui interpreta l’integrale delle Barcarole e il Thème et Variations, edito dalla casa francese Aparté e distribuito anche in Italia da Harmonia Mundi

PAÇALIN PAVACI
Primo violino ospite con la Philharmonia Orchestra a Londra, Orquesta del Teatro Liceu de Barcelona, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Spanish National Orchestra a Madrid, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Orquesta de Castilla y Leon a Valladolid, Orchestra Filarmonica A. Toscanini a Parma, Flanders Opera and Symphony Orchestra in Belgio, Orquesta Sinfonica de Tenerife. Primo violino della Castleton Festival Orchestra in Virginia (USA), invitato personalmente da Lorin Maazel.
Dal 2006 al 2015 è stato primo violino del Teatro Petruzzelli a Bari, collaborando con musicisti e direttori come: Barshai, Maysky, Fisch, Reich, Vacchi, Neuhold, Reck, Schmidt, Oren, Pehlivanian. Laureato con massimo dei voti all’Accademia Superiore di Musica a Tirana; primo violino dell’Orchestra della Radio-Televisione; insegna violino e musica da camera all’Accademia. Dal 1993 vive in Italia. Ha studiato con Brainin, Lysy, Marwood, Larsen. E per il ruolo del primo violino con Matacena e Borok. Ha suonato sotto la guida dei prestigiosi direttori quali: Maazel, Pretre, Plasson, Tate, Inbal, Ashkenazy, Luisi, López Cobos, Bartoletti, Pesko, Nanut, Shambadal, Axelrod, Runnicles. Ha collaborato con musicisti quali: Galway, Wilerstein, Gerard, Hartmann, Dindo,  Formisano, Oliva, Bronzi. Particolarmente interessato nella musica contemporanea, ha collaborato con compositori: Reich, Vacchi, Wyner, Paz, Gibran, Marzocchi. Tiene masterclass di violino, musica da camera e di formazione orchestrale alla Scuola di Alto Perfezionamento di Saluzzo, Foundation Barenboim&Said, Accademia musicale Umbra, Sebino SummerClass&Festival, National Academy a Hamilton, Canada, Castleton Festival. Per diversi anni è stato professore ospite di Showa University in Tokyo. Si è esibito in Tokyo (al New National Theatre, Suntory Hall, Bunka Kaikan), Yokohama, Osaka. Si è esibito nelle più importanti sale da concerto in Germania, Inghilterra, Svizzera, Canada, Austria, Francia, Spagna, USA, Turchia, Cina. Da settembre 2015 è primo violino della Real Orquesta Sinfonica de Sevilla, Spagna.

THEODOSIA NTOKOU
Enfant prodige, la pianista greca Theodosia Ntokou si esibisce nelle sale da concerto più prestigiose del mondo dall’età di dodici anni. Theodosia ha debuttato alla Carnegie Hall di New York nel 2006, alla Berliner Philharmonie nel 2007, e suona regolarmente in tutta Europa, in America e in Asia. Vincitrice di numerosi concorsi pianistici internazionali, Theodosia ha vinto il primo premio assoluto al Young Artists International Piano Competition (2006) e al Concorso Pianistico Bradshaw & Buono International (2007). Nel 2008 ha ricevuto la Borsa di Studio “Evelyn Bonnar”. Theodosia Ntokou è esibita in numerosi festival, come il prestigioso Progetto Martha Argerich a Lugano, “Les Sommets du Classique”, e il Festival di Busko Zdrój in Polonia. Ha collaborato come solista con numerose orchestre tra cui la Amsterdam Sinfonietta, i Berliner Symphoniker, i Berliner Sinfonietta, l’Orchestra Nazionale Greca, e la Blutenburg Kammerphilharmonie di Monaco. Dal 2009, Theodosia si perfeziona sotto l’ala della leggendaria pianista Martha Argerich, con la quale si esibisce regolarmente.

RICCARDO SPIGA
Riccardo Spiga inizia lo studio della tromba all’età di soli 4 anni, e all’età di 11 anni viene ammesso al Conservatorio di Cagliari, dove si diploma col massimo dei voti e la lode, sotto la guida del Maestro Giorgio Baggiani. Dimostra subito un precoce talento musicale, e viene premiato in numerosi concorsi Internazionali quali Porcia e Budapest. Ha partecipato a numerose masterclass con Jens Lindemann, Andrea Tofanelli, Allen Vizzuti, Fred Mills, Marco Braito, Gabriele Cassone, Diego Cal e David Short. Ha collaborato con i più importanti musicisti sardi, tra cui la violinista Anna Tifu e il pianista Romeo Scaccia. Nell’ inverno 2010 partecipa come solista al Gran galà dell’Unione Sarda al Teatro Lirico di Cagliari. Nel 2011 vince l’audizione per l’Orchestra Giovanile Nazionale Italiana, ha collaborato con l’orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, e dal 2015 ricopre il ruolo di Prima Tromba presso l’Orchestra Lirico Sinfonica Petruzzelli di Bari, collaborando con eminenti artisti tra cui Gil Shaham, Viktoria Mullova, Benedetto Lupo, Arabella Steinbacher, Alessio Allegrini, e Mario Brunello. Nel 2016 ottiene l’idoneità presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma.

ANDREA TUSACCIU
Andrea Tusacciu è direttore artistico del Carloforte Music Festival dal 2013. Si è esibito nelle sale da concerto più prestigiose in Europa come la Philharmonie di Berlino e il Palais de Beaux Arts di Bruxelles. Nel 2014 è stato selezionato da Lorin Maazel per partecipare, come associate conductor, al Castleton Festival.
Nato a Cagliari, Andrea inizia lo studio del pianoforte sotto la guida di Arlette Eggmann Giangrandi, una delle ultime allieve di Dinu Lipatti e di Nikita Magaloff, e consegue, presso il Conservatorio “Palestrina” di Cagliari, il Diploma di Pianoforte con il massimo dei voti.
Ha al suo attivo numerosi recitals e concerti di musica da camera in tutta Europa. Nell’estate 2003 frequenta il Mozarteum di Salisburgo dove incontra Germaine Mounier, che lo incoraggia a trasferirsi a Parigi e ad iscriversi nella sua classe all’ Ecole Normale “A. Cortot”, dove ha ottenuto il Diplôme Superieur in Pianoforte e in Musica da camera.
​A Parigi, caldeggiato da numerosi direttori, inizia lo studio della direzione d’orchestra nella classe di Dominique Rouits, per poi proseguire sotto la guida di Ronald Zollman al Koninklijk Conservatorium Brussel, dove ha recentemente conseguito il Master in die Muziek. Ha partecipato attivamente alle masterclasses di direzione d’orchestra tenute da Jorma Panula, Jorge Rotter, Modestas Pitrenas, Nicolas Pasquet, Mikail Jurowsky, Jörg-Peter Weigle, Georg Christoph Sandmann, Giancarlo Andretta e George Pehlivanian.
Ha diretto  i l’Orchestre de Cannes, i Berliner Camerata, l’Orchestra del Conservatorio di Cagliari, i Berlin Sinfonietta, l’Orchestra Sinfonica Nazionale Moldava, i Ruse Philahrmonic, la KCB Symphony Orchestra, i Brussels Philharmonic, SymphoniaASSAI, e l’Ensemble Orchestral de Valencia.

Invia un commento