Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | June 16, 2019

Scroll to top

Top

Blog - Mediterranea

Lo Sparkling Tour 2019, organizzato dall’Assoenologi Campania, ha avuto luogo alcuni giorni fa presso la più importante fucina di enologi ed enotecnici del Mezzogiorno d’Italia, il rinomato Istituto “Francesco De Sanctis” di Avellino, riscuotendo un grande successo di pubblico grazie alla partecipazione di affermati enologi, protagonisti del mondo vitivinicolo, studenti ed operatori di settore. Provenienti dalla Campania e da altre regioni quali il Lazio, la Basilicata, la Calabria, la Puglia
Questo vino è il frutto di un progetto relativamente giovane avviato dall’azienda agricola Inama nel 2005 per valorizzare il vitigno Carmenere, presente nella zona dei Colli Berici da oltre un secolo; disegnata da Michela Coltro l’etichetta, dal gusto classicheggiante, raffigura un putto con in mano una cornucopia con grappoli d’uva, a dimostrazione del fatto che la bottiglia è l’ultima nata in azienda. Il Carmenere Più 2015 è un Igt Veneto
Franco Di Filippo, uomo radicato alla sua terra, è fortemente legato a Trani tanto da dedicare un’intera esistenza al vero protagonista di questo straordinario terroir sospeso tra le vigne ed il Mare: il Moscato. La sua vocazione per questo storico vitigno è una decisione coerente ma non solo: Estasi in Sinfonia è il frutto di una scelta coraggiosa ed inedita: spumantizzare i grappoli appassiti di Moscato Reale col metodo classico.
Dopo il fittissimo ciclo di appuntamenti didattici e seminari tecnici all’Istituto Agrario “De Sanctis” di Avellino che per la sua realizzazione e ricchezza di contenuti ha visto l’affiancamento dell’associazione Mater.ia, si chiude un anno scolastico impegnativo sia per gli studenti che per i docenti. A coronamento di questo percorso di qualità ed eccellenza nella divulgazione dei valori e della conoscenza vitivinicola si terrà presso la sede della scuola di enologia
I lavori di realizzazione di questa cantina cominciano agli inizi degli anni ’90, voluti da Antonio Caggiano, fotografo “globetrotter” e grande appassionato della sua Irpinia. Antonio fonda la cantina proprio a Contrada Sala, decisissimo a dar voce alla tradizione vitivinicola del borgo di Taurasi ed infatti quello che colpisce subito il visitatore è l’idea di trovarsi in una sorta di museo della civiltà contadina legata al culto della Vite, tra
Prosegue il ciclo di seminari didattici organizzato dal prestigioso istituto enologico “De Sanctis” in collaborazione con l’associazione Mater.ia: in data odierna ha avuto luogo infatti un seminario tecnico incentrato sulle principali tecniche di vinificazione in bianco rivolto ai giovani studenti della rinomata scuola agraria e con la partecipazione di alcuni operatori del settore. Ad introdurre il tema la prof. Costantina Glave, docente di chimica e biologia; a seguire il prof.
Molto, decisamente tantissimo tempo prima che termini anglofoni come “snack” e “breakfast” diventassero di uso comune nella nostra lingua, e venissero addentate certe stramberie, i panini col salame, col prosciutto e con la mortadella erano diventati già da un bel pezzo un’istituzione celebrata a colazione, a pranzo oppure durante spuntino mattutino o pomeridiano da tutti gli italiani di ogni generazione, a prescindere dalla posizione sociale, dalla professione o dalla latitudine
Di Sergio Massa, in collaborazione con l’Italian Food Academy www.italianfoodacademy.com La cantina Fraponti di Quartu Sant’Elena, gli occhi rivolti al futuro con i piedi ben ancorati nella storia familiare. Conosciamo la Cantina Fraponti attraverso le parole del titolare Antonio Perra, primogenito di una famiglia che da diverse generazioni si occupa di viticoltura. Vino e famiglia, sembra un binomio indissolubile ad ogni latitudine del bel Paese, al sud e in particolare
Donne e vino, un connubio perfetto tra eleganza e qualità. C’era un tempo in cui tutto era declinato al maschile, anche il vino. Oggi il 30% dei sommelier italiani è donna e un terzo delle cantine italiane sono dirette da donne. A livello mondiale sono loro a comprare la maggior parte delle bottiglie, il 40% dei corsisti wine expert Wset sono donne e in Asia, le giovani stanno assumendo un
Argiolas produce vini di qualità dal 1938, vini resi unici da un grande legame con la terra sarda con la quale si identificano per la grande espressività coi quali si esprimono attraverso le note organolettiche. Grazie ad una conduzione enologica virtuosa, competente ed appassionata questa azienda continua a perseguire alti standard di eccellenza ed innovazione vitivinicola, senza mai dimenticare l’esperienza e gli insegnamenti di una tradizione familiare che perdura da