Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 13, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Biennale Architettura 2018: Weaving Architecture, installazione di Benedetta Tagliabue-EMBT, supportata da AHEC

Biennale Architettura 2018: Weaving Architecture, installazione di Benedetta Tagliabue-EMBT, supportata da AHEC
Redazione

Benedetta Tagliabue – Miralles Tagliabue EMBT è presente alla 16a Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia, a cura di Yvonne Farrell e Shelley McNamara, con Weaving Architecture.

L’installazione, supportata da American Hardwood Export Council (AHEC), racchiude le  innovative sperimentazioni sull’architettura come tessuto, utilizzando la quercia rossa americana e la fibra del vetro. L’installazione è composta infatti da vari elementi intrecciati su due livelli: il livello superiore è costruito con moduli in quercia rossa americana e quello inferiore con moduli in acciaio; entrambi sono intrecciati con fibra di vetro in diversi colori, che ammorbidisce l’effetto visivo e confonde i confini creati dalla struttura.

Weaving Architecture è l’ultimo tassello di un viaggio che Benedetta Tagliabue ha intrapreso con AHEC- American Hardwood Export Council più di due anni fa per esplorare il potenziale delle specie americane. “La quercia rossa non ha solo un’impronta di carbonio minima, ma è anche veramente sostenibile”, spiega David Venables, direttore europeo di AHEC – “La foresta di latifoglie americane, che occupa circa 120 milioni di ettari degli Stati Uniti, è stata ben gestita da generazioni successive di piccoli proprietari terrieri. Gli alberi vengono raccolti selettivamente e sostituiti con la rigenerazione naturale. Il legno cresce a un ritmo molto più alto rispetto a quello con cui viene estratto e la foresta aumenta di 401 ettari ogni anno – l’equivalente di un campo da calcio ogni minuto “.

Invia un commento