Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | June 16, 2019

Scroll to top

Top

Articoli diRedazione, Autore a Mediterranea - Pagina 224 di 233

Hai tempo per un caffè?

di Marta Capiluppi

Io, per esempio, a tutto rinuncerei tranne a questa tazzina di caffè, presa tranquillamente qua, fuori al balcone, dopo quell’oretta di sonno che uno si è fatta dopo mangiato. Continua

I ladri di favole e l’isola volante

di Rosa Tiziano Bruno

I ladri di favole

I ladri di favole

C’è un linguaggio internazionale, che passeggia nei sogni di ognuno e riesce a spiegare l’inspiegabile. E’ il linguaggio delle fiabe.
Un linguaggio potente, che apre la prigione del dizionario e lascia scappare le parole. Una gran fortuna. Perché, quando sono libere, le parole svelano i loro misteri e arredano il mondo con i significati.
Ecco, una fiaba è un frammento di mondo, un frammento fatto di parole. Uno specchio che riflette l’universo. Ed è grazie a questo specchio che riusciamo a vedere che una parte della vita è perduta, ma non il suo significato, il Senso.

Nel paradosso della zucca che diventa carrozza, è racchiusa la dinamica del desiderio e del fare. Il filo che riconduce le immagini surreali delle fiabe al senso delle cose è il tempo. Il tempo dell’innocenza, quel tempo che abbiamo abbandonato e che rimpiangiamo, magari di nascosto.
Le fiabe non ci parlano come le Scienze, ma ci consentono di comprendere ed elaborare informazioni ed esperienze. A volte le fiabe esprimono più delle tabelle numeriche perché hanno la forza di evocare qualcosa della nostra anima, di cui siamo in parte consapevoli, ma che non sempre abbiamo la capacità di sperimentare senza l’aiuto delle parole. Davanti alle difficoltà, nei momenti di sconforto, prima di una scelta, tendiamo ad indugiare, persi nel timore di non farcela. Continua

Elisa Di Benedetto tra i premiati del concorso “Giornalisti del Mediterraneo”.

Bari (ITALIA)

C’è anche una collaboratrice di “Mediterraneaonline” tra i vincitori del secondo concorso internazionale “Giornalisti del Mediterraneo”, promosso dall’associazione “Terra del Mediterraneo”. Elisa Di Benedetto, giornalista bellunese, è stata premiata nella sezione stampa del Premio dedicata a “Missioni di pace all’estero”, per il reportage “Così l’Ariete ‘ricuce’ le ferite del Libano”, pubblicato il 9 agosto 2009 sul Messaggero Veneto.

Il premio le è stato assegnato il 30 maggio a … Continua

La nostra rivista al Workshop internazionale dal titolo “Mediterraneo bacino d’incontro

Cagliari (ITALIA)

Alla fine del mese di maggio 2010 si è tenuto a San Sepolcro, nella campagna toscana, il Workshop internazionale dal titolo “Mediterraneo bacino d’incontro” al quale hanno partecipato come fruitori 20 osservatori di scuole superiori ed università nonché formatori provenienti da tutta Europa (Francia, Malta, Spagna, Portogallo, Inghilterra, Grecia, Bulgaria, Turchia e Polonia), e altrettanti relatori.

Una settimana di incontri, studio e amicizia tra i popoli dell’Europa mediterranea … Continua

Equosolidale, riciclato, sostenibile: gli acquisti che cambiano il mondo

di Eleonora Marras

Le vigenti norme che regolano il commercio internazionale hanno portato nel corso degli anni ad un ampio dislivello economico tra paesi industrializzati e non Continua

Sabbia e carenza idrica, i veri nemici della Siria

di Shady Hamadi

La Siria da diversi anni è martoriata dal problema della desertificazione Continua

La Carnicería Teatro di Rodrigo García: sei pezzi di teatro in tanti round

di Anna Felicia Nardandrea

“Secondo la mia modesta opinione, non esercitare l’assassinio è qualcosa che ci rende meno umani e ci snatura. Continua

L’educazione ambientale per uno sviluppo dell’Ecologia

Intervista alla Dott.ssa Meriem Dhouib docente docente all’Università di Monastir (Istituto di Lingua applicate di Moknin), in Tunisia. Continua

A Insustentável Ganância do Ser Humano

Edmond Lino Cabral D’Oliveira Robalo

A terra está triste! Continua

Nuove tecnologie pulite made in Friuli

di Claudia Spano Santa Cruz

Le novità tecnologiche provengono in maniera sempre crescente e sorprendente dall’Università di Udine. Continua