Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | December 17, 2018

Scroll to top

Top

No Commenti

Assegnati i premi per la scrittura coreografica al Festival Cortoindanza - Mediterranea

Assegnati i premi per la scrittura coreografica al Festival Cortoindanza
Redazione

Domenica 19 giugno si è conclusa la IX edizione del festival Cortoindanza a cura di Tersicorea con la direzione artistica di Simonetta Pusceddu con due premi per la scrittura coreografica
Si è conclusa al Teatro Massimo di Cagliari la IX edizione di Cortoindanza, organizzato da Tersicorea. In scena si sono succedute le tredici compagnie che si sono distinte per alto livello tecnico degli artisti e una spiccata sensibilità, selezionate su sessantacinque candidature provenienti da tutto il mondo, attraverso il bando Cortoindanza 2016.

Un’occasione importante per mostrare a una commissione artistica di esperti attraverso un “corto” di dieci minuti dal vivo, l’embrione di un progetto. Il primo premio alla scrittura coreografica del valore di 1.000€ è stato assegnato a Sara Sguotti/Italia con il progetto “S.Solo”, mentre il secondo premio del valore di 500€ a Malwina Stepien/Compagnia Con Trust/Italia con il progetto “Trust”. Diversi e intensi i progetti coreografici che si sono succeduti sul palco della nona edizione del Festival Bando coreografie dal vivo in forma breve diretto da Simonetta Pusceddu, molto apprezzati dalla Commissione, e tutti premiati attraverso le diverse sezioni del festival. Non una competizione, ma una vetrina per dare rilevanza e visibilità al lavoro coreografico di danzatori, compagnie e coreografi attivi sul territorio sardo, italiano e internazionale.

I temi
Di forte attualità i temi affrontati e tutti uniti da un comune denominatore: il dramma dell’esistenza. Fra questi la ricerca interiore tra le intricate sfumature della solitudine, la fragilità delle sfera emotiva femminile, l’esplorazione e la ricerca della libertà all’interno di un sistema vincolante, la società, un piccolo paese, un corpo, o il selvaggio intreccio di calunnie e pettegolezzi in cui si è trascinati, ingabbiati. E ancora la fiducia verso l’altro che sfida lo spazio e le sue direzioni, l’attesa o il viaggio verso un personale inferno e paradiso, il senso di smarrimento e la ricerca continua di sé all’interno di labirinti senza uscita, o all’interno del proprio essere. Un percorso nella bellezza del corpo in movimento verso lo stupore, la verità, percepibile in quell’unico e irripetibile istante, anche se solo per lo spazio di una breve rappresentazione, di un “corto in danza”.

Menzioni speciali
La direzione di Tersicorea ha dedicato diverse menzioni speciali ad alcuni progetti di particolare impatto emotivo: per l’originalità e l’efficacia nell’utilizzo dello spazio scenico a “Le donne dei pescatori” di Marco Rizzi; per la qualità del movimento e per l’espressione teatrale a “Re Reality” di Anna Giustina; per l’alto livello di qualità tecnica e per l’energia a “Ne Bouge pas” di Antonio Ceresia; per la ricerca e l’urgenza espressiva intono a una tematica di grande rilevanza sociale a “Piel il.el”” di Gennaro Maione.
La commissione inoltre si è espressa su tre differenti e complementari forme di sostegno al progetto coreografico: residenze artistiche, incentivi alla circuitazione e produzione.

Le residenze artistiche sono strumenti offerti dalla Commissione a quanti, tra i coreografi di Cortoindanza 2016, intendano sviluppare la propria creazione in un’ottica di crescita e confronto con strutture in grado di offrire loro gli strumenti per portare a compimento il proprio progetto. Nello specifico Tersicorea T OFF, offrirà una residenza artistica a: Elien Rodarel/Monaco di Baviera/Germania con il progetto “Wind”; la compagnia Twain, rappresentata dalla sua direttrice artistica Loredana Parrella, offre una residenza artistica nell’ambito di Twain Residenza 2016/2017 Art. 45/Mibact-Regione Lazio a Sara Sguotti/Italia con il progetto“S.solS” e Jessica De Masi/Italia con il progetto ”Studio per un solo sulla condizione di essere donna”; Zerogrammi, qui rappresentata dal coreografo Stefano Mazzotta, offre una residenza artistica nell’ambito di Permutazioni 2016/2017 a Nicola Cisternino/Italia con il progetto “M-solo ritualistico in forma leggera”.

L’incentivo alla circuitazione consiste nella programmazione dei progetti all’interno di rassegne e festival curati da parte dei rappresentanti della Commissione di Cortoindanza. Nello specifico: Borderline Danza, qui rappresentata dal coreografo Claudio Malangone, offre la programmazione all’interno di Raid Festival 2016/2017 a Malwina Stepien_Compagnia Con Trust/Italia con il progetto “Trust”; Tersicorea T OFF, qui rappresentata dalla sua direttrice artistica Simonetta Pusceddu, offre la programmazione all’interno del Festival “Sulle Orme” 2017 a Mounir Saeed Ali_Mounir Saeed Cramp Group/Egitto con il progetto“What About Dante”; Linda Magnifico/Compagnia Dysoundbo/Svizzera con il progetto “La Mennulara, Sara Angius/Germania con il progetto “Star-Watchers” e Carla Rizzu/Compagnia Nervitesi/Italia con il progetto “L’ultima madre”. CAU (Centro di Arte Urbana), qui rappresentato dal suo direttore artistico Anthony Mathieu, offre la programmazione e una masterclass all’interno del Festival Cau/Granada a Sara Angius/Germania con il progetto “Star-Watchers”. E infine il premio alla scrittura coreografica, un incentivo alla produzione offerto da Cortoindanza che condurrà i progetti selezionati in questa edizione al loro sviluppo con l’obiettivo di essere inseriti nella programmazione del festival “Sulle Orme” del prossimo 2017.

Il festival Cortoindanza rappresenta un momento centrale nelle attività di Tersicorea che nelle ultime otto edizioni ha individuato circa 80 progetti coreografici cui ha contribuito affinché si evolvessero in opere complete, pronte all’inserimento in rassegne e festival nazionali e internazionali.
Inserito all’interno di una ricerca interdisciplinare sull’arte contemporanea in otto edizioni ha potuto individuare 80 opere coreutiche provenienti da: Italia, Portogallo, Francia, Spagna, Repubblica Ceca, Costa d’Avorio, Scozia, Danimarca, Germania, Egitto, Brasile, Tunisia, Africa del nord e occidentale.
Dal 2008 ha dato vita alla rete di interscambio internazionale MED’ARTE che sostiene artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo con particolare attenzione agli artisti emergenti provenienti da paesi a rischio di pace o in cui sono in corso conflitti civili.

Info: T.Off – via Nazario Sauro, 6 Cagliari – tel.: 0039 328/9208242 – 070/275304 – tersicoreat.off@gmail.com – www.tersicorea.it

Invia un commento