Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Mediterranea | November 19, 2018

Scroll to top

Top

Monthly Archives: gennaio 2014

Le fontane del Mediterraneo

Come trasformare Cagliari in Capitale della Cultura europea 2019: Le fontane del Mediterraneo, un’idea dal mare da amare Continua

Quando non sono gli insetti i nemici degli alberi in citta’

Dopo la strage di palme causata dal punteruolo rosso e il pericolo di insetti che giungono clandestini nell’area mediterranea il sempre più raro Cerambice delle querce è accusato di strage di alberi nelle città. A dare l’allarme in Sardegna è stato il Comune di Quartu Sant’Elena che ritiene responsabile della moria dei lecci cittadini il Cerambyx cerdo, un grosso coleottero caratteristico dei boschi nostrani.

Continua

Programmi di ieri e programmi di oggi. Evoluzione della tv dei ragazzi

Dagli anni Cinquanta ad oggi c’è stata un’evoluzione nell’espansione televisiva che ha portato ad un cambiamento dei costumi e delle abitudini degli italiani, dagli adulti ai bambini.

Agli albori c’era un unico canale che trasmetteva in bianco e nero e i programmi erano confinati nelle ore serali. E poiché il monopolio dell’informazione e dell’intrattenimento non aveva concorrenti questo poteva permettersi il lusso di mandare in onda anche programmi educativi o … Continua

Maledetta tv

Articolo di Daniele Carbini

Se c’è una cosa del mio lavoro che detesto è proprio questa, la sveglia. Già, perché quando va bene suona alle 6, privilegio raro in verità. Di solito suona alle 4 o alle 5. E giù bestemmie e insulti, tutte le mattine, domenica inclusa. Ogni volta non so dove sono, non so chi sono, non so niente, vengo strappato con violenza dal suono penetrante e persistente che … Continua

Vermicino e la prima diretta non stop della RAI

Nel limbo indistinto dell’osceno contemporaneo mediatico, e in particolar modo televisivo, giacciono anime ormai disperse, senza possibilità di redenzione. In bilico tra una passività mascherata che si rende attiva e sinistra nell’attimo dell’interazione sociale, il virus mediatico dell’Indistinto e dell’equipollenza tra fatti e apparenze dilaga, senza che alcun argine cerchi anche solamente di frenarne l’avanzata.

L’età della Pietas – affermava un ormai televisivo Pasolini – si è conclusa con la … Continua

Il Gronchi… in bianco e nero

Non ricordo quando è avvenuto l’incontro fra me e la TV, ma sono in grado di datare esattamente il giorno in cui il piccolo schermo è entrato nel mio paese: il 31 dicembre 1956.

Quell’anno il gestore di un piccolo emporio (un magazzino di poco più di 30 metri quadri dove si vendeva un po’ di tutto: piccoli macchinari agricoli, olio lubrificante, macchine per cucire, lampade, bombole di gas, “cucine … Continua

Psiche e Tv: speranza e sentimenti come “format” mediatico nell’era contemporanea

“Non possiamo vivere da soli le nostre storie perché siamo personaggi in quelle di altri”

Daniel Taylor

Ci si narra, ci si dichiara, ci si ‘ama’, ed, al limite, ci si lascia, ma soltanto se c’è qualche ‘occhio’ virtuale, qualche ‘big brother’ (o sister) presente, se c’è qualcuno (o qualcosa) che si fa ‘terzo’, ‘testimone’ di ciò che potrebbe accadere, in quanto, altrimenti, sembrerebbe che, paradossalmente, nulla sia … Continua

Copeam, l’avventura della TV del Mediterraneo

Intervista al Segretario Generale Pier Luigi Malesani (a destra nella foto, con la Presidente della RAI Anna Maria Tarantola)

L’area mediterranea con il suo enorme, potenziale, bacino d’utenza, è da più di vent’anni un obiettivo importante per la RAI. Un territorio appetibile anche per altre aziende di comunicazione e informazione. Negli anni ’90 del secolo scorso comincia l’avventura mediterranea per la RAI. Prima con RAI Med, nata all’interno del canale … Continua

Comunicazione scientifica in TV: riflessioni di uno spettatore

Oggi, in quella che è definita era dell’informazione, siamo sempre più coinvolti nei processi di comunicazione tramite i media. Fra questi la televisione ha ancora un ruolo fondamentale, forse il maggiore nonostante l’avvento di internet, nella funzione di tramite fra noi e il mondo. La sua influenza sul pubblico non è mai stata messa in discussione e proprio per questo le pubblicità che più ci convincono le abbiamo viste in … Continua

Tesis di Alejandro Amenabar, assaggio della vita reale

Articolo di Morena Deriu

Era il 1996 quando un giovane Alejandro Amenabar (allora appena ventiquattrenne) vinceva ben sette premi Goya (tra cui quello per la miglior pellicola), con il suo primo lungometraggio nei panni di regista: Tesis. Un esordio di tutto rispetto, che apriva la strada a uno dei pochi registi stranieri sbarcati, qualche anno più tardi, con successo a Hollywood (senza, peraltro, vendersi totalmente alle regole del cinema mercato nord-americano).

Continua